Android: in picchiata i profitti dei produttori di smartphone e tablet

Se Android negli ultimi mesi ha visto continuare a crescere le sue quote di mercato (o, quantomeno, mantenerle), c’è un altro aspetto che preoccupa non poco i produttori: ci riferiamo ai profitti.

Stando a quanto reso noto dall’analista Chetan Sharma, infatti, a livello globale i profitti per quanto riguarda l’hardware del mondo Android hanno fatto registrare una diminuzione di circa la metà rispetto all’anno precedente.

Gran parte del calo è legato alle perdite di Samsung e tra le tante aziende la sola a poter vantare margini di guadagno interessanti è Xiaomi, forte di un incremento della propria quota di mercato in Cina.

Pur trattandosi di risultati legati al mondo hardware, il dato desta ugualmente una certa preoccupazione nel team di Google: a subire le conseguenze di questa drastica riduzione di profitti, infatti, potrebbe essere l’intero ecosistema Android.

Sarà interessante scoprire come il colosso di Mountain View deciderà di correre ai ripari e se i principali produttori di smartphone e tablet Android, Samsung in primis, sceglieranno di volgere le proprie attenzioni verso altri sistemi operativi.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Elias Koch

    Con non meno di 15 produttori mondiali, che presentano non meno di 40 diversi smartphone all’anno, ne producono non meno di 100 milioni di copie per ogni modello e ne vendono, se va bene 100 milioni in tutto per brand è ovvio che ci sia il crollo, il mercato è quasi saturo, le percentuali di vendita si abbassano e l’invenduto crea scompensi economici notevoli, se non ci arrivano meritano di fallire, penso che il prox passo sia ridurre i modelli e la produzione a favore di migliore supporto software, o puntare su phoneblocks per Ara e simili.

  • giacomofurlan

    Secondo me la principale causa di questo andamento sono le stesse società produttrici di hardware che hanno spinto all’inverosimile la potenza dei propri dispositivi: cosa te ne fai di un (la sparo) octacore da 3 Ghz, quando un quadcore da 1.4 Ghz funziona egregiamente bene? Cosa te ne fai di 4 GB di RAM, quando non ne usi neanche 2?

    L’unica cosa che i produttori hanno per spingere l’acquisto di un nuovo dispositivo sono gli aggiornamenti, ma neanche quelli arrivano puntuali (sappiamo benissimo che Google, da ICS in poi, rilascia i sorgenti ai produttori proprio per permetter loro aggiornamenti veloci al rilascio ufficiale della nuova versione).

    In definitiva una persona si chiede sempre più spesso perché debba spendere 650€ per un dispositivo quando (1) non ne ha reale bisogno e (2) tanto si svaluterà in qualche mese, in quanto uscirà il modello successivo (Samsung, una a caso…).

    Per quanto mi riguarda me ne sto con il mio Nexus 4 comprato ad un anno dalla sua commercializzazione, ho speso meno di 300€ e mi ci trovo molto bene, ancora ad oggi.

    Ergo… certo che la gallina dalle uova d’oro (hardware non adeguato con SO ancora acerbo) sta morendo. Ora si deve puntare a dispositivi a basso costo, per ammiccare all’utente che è indeciso se comprarsi un nuovo smartphone o qualcos altro. Vedi Motorola con i fantastici Moto G.

    • Luca Buiarelli

      Sono completamente d’accordo con te. La vera domanda é: Se domani Samsung o chiunque altro creasse un telefono del genere (Hardware di “fascia media” per gli standard di oggi, ma software super ottimizzato), la gente capirebbe quale é stato il lavoro di Samsung (o del produttore) o penserebbe che quello é solo uno dei tanti telefoni di fascia medio-bassa? Sinceramente nemmeno io me ne accorgerei a meno che il produttore non pubblicizzi un sacco questa cose e crei un hype tale che tutti capiscano il potenziale del progetto.
      In definitiva mi sento di dire che questa cosa qui può permettersi di farla solo Apple (purtroppo), e questo suo lavoro lo fa pagare anche molto!

  • Fabio

    Il fatto che Android sia un SO “gratuito”, porta anche i produttori cinesi a introdurre sul mercato smartphone a prezzi estremamente bassi con performance paragonabili ai telefoni di marca superiore (Samsung, Sony ecc…) estremamente cari.
    Vi dirò che personalmente ho un cinafonino di sui sono estremamente soddisfatto, con cui ho un’esperienza Android paragonabile ai più blasonati nexus. Non basta, a mio parere, personalizzare android da parte dei produttori sopra citati, per fare mercato essendo brand ad alta tecnologia non basta, per recuperare vendite occorre per loro una piattaforma diversa da Android con cui interessare parti di mercato con portafogli capienti e voglia di tecnologia e software esclusivi e all’ultimo grido e che naturalmente siano iphone-allergici.

  • Luigi Ferrando

    Buongiorno a tutti :-) Intanto direi di smetterla di fare i gufi …. Cosa volete fare un regalo ad Apple ? Iniziamo a guardare in faccia la realtà … La crisi è mondiale, i gestori telefonici mettono dei prezzi scandalosi anche sui cel comprati a rate un vero scandalo, ci sono troppi venditori e ormai per profili hardware bassissimi hanno dei prezzi altissimi …. Allora smettiamola di parlare come se si vivesse in un altro mondo … e cerchiamo di essere pragmatici ….. e realistici …..

  • Luca Buiarelli

    Probabilmente non c’entra niente, ma secondo me un altro fattore di questa che potremo definire una grande equazione, é il fatto che l’utente medio (almeno quello che ho imparato a conoscere io) crede che lo smartphone più bello e più potente sia l’iPhone. Anche oggi nel 2015 c’è gente che con 300 euro comprerebbe l’iPhone 4s piuttosto che un Nexus, un LG, un Motorola… Insomma la morale é che secondo me Google si deve impegnare a rendere in qualche modo Android più appetibile se vuole conquistare ancora di più il mercato.

    P.s.
    C’è gente che non sa nemmeno cosa sia android, per loro “quella cosa lì che sta nel telefono é della Samsung e tutti gli altri cinesi la copiano”.

  • Samuele Cescato

    Concordo con tutti quelli che hanno commentato sotto, ma forse per contrastare la saturazione del mercato i produttori stessi dovrebbero improntate un tipo di mercato diverso, incentivando e promuovendo a loro volta il ritiro dell’usato e riutilizzando magari i componenti per dispositivi di fascia più bassa (non sono un ingegnere e non so quanto sia possibile) rispetto al precedente! Tipo io Samsung ti ritiro l’S5 e ti faccio uno sconto di 300€ sull’acquisto del nuovo (si, converrebbe di più rivenderlo a un privato, ma non tutti ne hanno il tempo o la voglia) o comunque lo rapporto al prezzo a cui voglio venderlo. Poi abbassare il prezzo finale sicuramente e ridurre i modelli in uscita, indirizzando gli utenti invece che confondendoli! Maggiore autonomia invece che maggiore potenza. Oggi imho si guarda più alle offerte su ciò di cui si ha bisogno piuttosto che all’ultimo modello. Io ad esempio un mese fa ho preso un G2 da 32gb a 310€, gli smartphone del 2014 non avevano quasi nulla che arrivasse a soddisfare le mie esigenze senza spese aggiuntive (tipo il G3 con una seconda batteria); se questo pensiero fosse diffuso dovrebbe quantomeno preoccupare i produttori

  • Iaddo91

    Secondo me i produttori hanno troppi modelli in commercio, il mercato è troppo frammentato. Nonostante io abbia Android non condanno molti miei amici che scelgono la mela, la loro richiesta è una sola: “deve funzionare bene”. Quando pensi alla apple ti viene in mente solo l’iphone, con i vari modelli di successione ma comunque sempre l’iphone, con software ottimizzato per quello smartphone che fa funzionare il tutto.

    Con Samsung ad esempio abbiamo millemila modelli, alcuni con grossi problemi e soprattutto poco supportati. Fate 3 modelli e basta, uno per ogni fascia di prezzo, ottimizzate android per quel telefono e non cambiategli nome ogni 6 mesi. Il consumatore medio ha bisogno di un riferimento.

  • Ilcontro

    Siamo entrati nella fase di saturazione ormai

    Ogni novità va sempre incontro
    -all’inizio con un po di diffidenza del mercato
    -un boom con numeri di crescia a 2 cifre, specifiche e funzioni al raddoppio ogni 6 mesi, grandi profitti
    -Stagnazione, rallentamento della domanda, poche vere novità, guerra dei produttori che passa sul prezzo
    -Congelamento del mercato, calano i modelli, i produttori che non riescono aver margine si tolgono, innovazione lenta

    Ogni settore elettronico ha visto queste fasi

    Televisori
    Supporti multimediali
    Console
    Telefonia mobile
    Computer
    Notebook
    e la lista va avanti…

    Qualche grande novità può risollevare le vendite ma diventa sempre più dura
    O dal 2016/17 arrivano grosse rivoluzioni o il mercato rallenterà di colpo con solo i produttori che non puntano solo sugli smartphone/tablet che riusciranno a sopravvivere

  • Pasquale Saccone

    Ogni volta nei commenti si fa confusione tra Google e Samsung, la Apple, lo schermo piccolo e lo schermo grande…Credo che Google non se ne freghi più di tanto dell’abbassamento dei profitti dei produttori di hardware , per lei è importante la quota di mercato sull’installato con tutto il traffico generato che ne consegue. Paradossalmemte per Google più produttori low cost ci sono, in grado di generare grossi volumi di vendita come stanno facendo ora i cinesi, meglio è. La Apple, come produttore singolo non potrà mai competere con l’ installato Google.

  • stefix19

    L’unica cosa da dire, a parer mio, è che la gente ha acquistato android quando c’è stato il boom degli smartphone..circa 1/2 anni fa…e in particolare l’utente medio non cambia smartphone ogni anno…quindi secondo me tutto ciò è normale..

  • Rocco Truglia

    Semplicemente ci sono mille smartphone nuovi ogni anno con poche differenze rispetto ai vecchi… Ho tenuto il mio note 2 2 anni e va ancora benissimo l ho cambiato per “farmi un regalo” e ho preso un g2 che per prestazioni caratteristiche ecc non ha nulla da invidiare a s5 m8 g3 ecc… Avrei preso mi4 non fosse che non funziona l lte.. Samsung come chiunque altro non può pretendere che ogni persona cambi telefono ogni anno a 699 euro.. Ovvio non possono aspettarsi vendite astronimiche ogni anno.. Poi c’è apple.. Si sa l utente apple è diverso e cambia ogni anno o quasi anche perché l usato mantiene il valore quindi vendere e prendere il nuovo è più fattibile..

  • Gianluca Iacovone

    Da quando apple ha presentato gli schermi grandi TUTTA LA CONCORRENZA HA PERSO MOLTO !!! Perché prima molti non prendevano apple a causa degli schermi piccoli ma attualmente oltre ad aver recuperato quella fetta di clienti ha guadagnato anche sui passaggi di altri clienti Samsung o altro che vedendo Apple con schermi grandi non hanno resistito ( QUESTO PER QUANTO RIGUARDA SETTORE SMARTPHONE

    • Elias Koch

      Ahahahahahahahahahahahahahahahah

  • Marco Zattoni

    Sono in tantissimi a proporre telefoni simili nelle stesse fascie di prezzo e si fanno quindi concorrenza spietata. Se il sistema operativo è lo stesso e soprattutto con android il software che manca può essere installato in un secondo tempo e le interfacce possono essere cambiate a piacere l’unica cosa che determina le macro prestazioni è l’hardware. Praticamente tutti i produttori usano hardware fornito da terzi produttori quindi hanno gli stessi costi che sono legati alle quantità acquistate. Rimane fuori da questo solo l’estetica. Visto che tutti ormai hanno solo il fattore di forma a tavoletta rettangolare e cambiano di poco i colori o i materiali l’unica cosa che può spingere all’acquisto di uno o un’altro terminale è il prezzo di vendita. Nessuno spenderebbe molto di più solo per avere un prodotto simile con un aspetto leggermente diverso e prestazioni paragonabili. Ecco che quindi per vendere di più rispetto al più vicino concorrente occorre abbassare il prezzo e quindi inevitalmente ridurre i guadagni.

    Siamo quindi giunti ad una inevitabile verità. Molta concorrenza si riperquote in prezzi bassi e minori guadagni.

    Alla lunga chi non ha le spalle coperte da altri settori a forza di vendere in perdita è costretto a soccombere e a sparire dal commercio con conseguente riduzione di offerta e rialzo dei prezzi e dei margini.

    Non è quindi una gran notizia che l’unica che riesce ad avere buoni margini di guadagno sia Apple non avendo concorrenti sul suo sistema operativo si può permettere di fissare il prezzo dei propri dispositivi senza inseguire gli altri mentre chi sceglie android ha le scelte obbligate.
    Anche Microsoft-Nokia con i Windows phone ha pochi competitor ma essendo il sistema meno diffuso e ancora alla ricerca di quote di mercato è costretta a tenere margini ridotti.

  • delhi

    Abbassate i prezzi e aggiornate di più

  • Joe Grankellosky

    Ma che si aspettava Samsung facendo uscire 3 telefoni nuovi al giorno?
    Pure gli altri produttori non possono pretendere di aumentare i ricavi se ogni anno ai loro prodotti aggiornano solo l’hardware.
    Secondo me
    1) Ci servono più innovazioni in stile Yotaphone, o almeno bisognerebbe proporre qualcosa che si possa veramente considerare innovativo.
    2) Bisogna fare in modo che i gli smartphone di bassa gamma siano migliori, un po come il moto G 2013. (Ci sono dei samsung allo stesso prezzo che dopo due settimane di utilizzo laggano come se non ci fosse un domani)

    • Il_Timido_Ubriaco

      Fino ad ora tutti i produttori a pompare potenza. Il 2015 sarà l’anno del 64 bit, che al 99,9999% degli utenti non servira ad un beato cavolo se non al gusto di dire “io ho un telefono a 64 bit…tiè”.
      Yotaphone. L’unica vera novità in un settore davvero troppo appiattito qual’è quello degli smartphone. Davvero interessante, l’unica mia perplessità è la presunta “delicatezza”. Troppo esposto ai graffi se lo si appoggia da qualche parte.

      • Joe Grankellosky

        Sono curioso pure io in merito alla “delicatezza” dello Yota2, ma comunque sono sicuro che faranno delle cover a posta!

  • Non sono un economista ma potrebbe essere dovuto alla stabilizzazione delle prestazioni. Ormai non c’è molta differenza nell’uso quitidiano tra un device di un anno ed uno appena uscito, o almeno non abbastanza da spingere la gente a cambiare device.
    Personalmente sono favorevole ad un assestamento, con relativa diminuzione dei prezzi e dei modelli proposti da ogni casa. Da prendere in esempio Motorola.

  • gianluca cataldi

    Ma se tutti hanno comprato un samsung compreso me che ho s4 (periodo d’ oro di samsung), poi samsung ripropone la stessa minestra, cosa ci si aspetta??

  • Snelfo

    Eh be hanno saturato il mercato…

    • definitivamenteforse

      Hanno saturato il mercato con device a basso costo, hanno inseguito i cinesi ammazzando i margini, Samsung, che era l’unica a fare guadagni… (e lo è ancora adesso, vedi xiaomi, sony, microsoft, amazon…) ha smesso di copiare Apple… risultato: vedi titolo

Top