Huami e McLaren insieme per creare degli Amazfit pensati per gli sport elettronici

Huami e McLaren insieme per creare degli Amazfit pensati per gli sport elettronici
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/Amazfit-Cor-2.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/Amazfit-Cor-2-460x366.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/Amazfit-Cor-2-603x480.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/Amazfit-Cor-2.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/01\/Amazfit-Cor-2.jpg"}, "title": "Huami e McLaren insieme per creare degli Amazfit pensati per gli sport elettronici" }

Huami McLaren Applied Technologies hanno stretto una collaborazione per sviluppare insieme dei nuovi Amazfit particolari.

Applied Technologies è una sottodivisione dell’azienda automobilistica britannica McLaren, che non è nuova a collaborazioni tecnologiche di questo tipo (qualcuno ha parlato dell’edizione speciale del OnePlus 6T?).

La collaborazione appena stretta con Huami servirà a creare nuovi dispositivi indossabili, targati Amazfit, con funzioni particolari e pensati per l’e-sport (sport elettronici). La collaborazione è nata per sviluppare nuove tecnologie di intelligenza artificiale che esplorino i segnali del corpo in modo da ottimizzare le performance nelle corse automobistiche virtuali.

L’e-sport, che consiste nel giocare videogiochi a livello competitivo, è una pratica che si è molto diffusa nel corso di questi ultimi anni e Huami McLaren sperano di creare dei dispositivi indossabili che possano dare al “pilota” un quadro generale della propria attività biometrica durante le gare.

Si stima che il mercato degli sport elettronici possa fatturare più di un miliardo e mezzo di dollari entro il 2020, ed è una pratica che è stata presa in considerazione per le Olimpiadi di Parigi del 2024. Nel caso delle gare automobilistiche virtuali, nello specifico, è richiesta una certa capacità mentale e fisica per il controllo dell’auto, oltre alle capacità di gioco.

Non è un caso quindi che Huami abbia stretto una collaborazione con un colosso del settore automobilistico. Siamo proprio curiosi di sapere cosa tirerà fuori.

Fonte: Gizmochina
Condividimi!