Oracle vs Google: 129 richieste di Oracle annullate dal giudice

Il sistema dei brevetti americano è, come già detto per il caso Apple vs Amazon, a dir poco assurdo. Il caso Oracle vs Google è un altro valido esempio di quest’assurdità, ma porta con sè anche delle ricadute sul mondo del software libero e – nel caso specifico – su Android. Oracle ha infatti chiamato in causa Google per la virtual machine su cui gira Android, Dalvik, perchè questa infrange alcuni brevetti riguardo Java e la licenza d’uso dello stesso: fra i capisaldi c’è infatti la possibilità di realizzare VM differenti da quelle di Sun/Oracle, ma solo dietro autorizzazione esplicita. Dato che Google non ha ricevuto questa autorizzazione, Oracle ha deciso che avrebbe dovuto portare avanti il suo piano di massimizzazione degli introiti derivanti dall’acquisizione di Sun (piano che ha portato, tra le altre cose, alla nascita di LibreOffice, fork di OpenOffice.org); da questa decisione la causa contro Google.

Sun, che ricordo essere l’originale detentrice dei diritti e brevetti di Java (nonchè originale inventrice), non ha mai mostrato interessi in una causa contro Google per l’uso di Dalvik: alcuni ipotizzano che fosse perchè, seppur non pubblicamente, apprezzasse il lavoro svolto da Big G. Di diverso parere Oracle, che ha citato Google con ben 132 “patent infringement claims” (ovvero “richieste di infrazione di brevetto”, letteralmente) che spaziano nei più vari campi. Questo accadeva il 12 Agosto 2010. Si capisce che il rischio per Android era molto elevato.

Dico “era” perchè in realtà il giudice William Alsup, a cui è stato affidato il caso, ha oggi ristretto il numero di claims ad appena 3, negando anche la possibilità ad Oracle di ripresentare gli altri 129 in qualunque altra corte riguardo ad Android.

Currently, there are 132 claims from seven patents asserted in this action, and there are hundreds of prior art references in play for invalidity defenses. This is too much. The following schedule will ensure that only a triable number of these items — three claims and eight prior art references — are placed before the jury in October, all others to be forsaken. Oracle will surrender all of its present infringement claims against Google based on the 129 asserted claims that will not be tried. Oracle may not renew those infringement claims in a subsequent action except as to new products.

Tradotto:
“Al momento ci sono 132 accuse [di infrazione] di sette brevetti in quest’azione, e ci sono centinaia di riferimenti a “prior art” [oggetti/eventi prima del brevetto che però ne contengono le principali caratteristiche] in gioco per difendere l’invalidità [dei brevetti?]. Questo è troppo. Il seguente programma assicurerà che solo un numero giudicabile di queste cose – tre richieste e otto riferimenti a “prior art” – sarà portato alla giuria in Ottobre; tutti gli altri saranno eliminati. Oracle farà cadere tutte le odierne accuse di infrazione contro Google basate sulle 129 richieste che non saranno sottoposte a processo. Oracle non potrà rinnovare le accuse di infrazione in una azione successiva se non per nuovi prodotti.”

Questo non significa che Android sia in salvo, ma che possiamo sicuramente stare più tranquilli: Oracle ha ricevuto un forte colpo, e ora sta agli avvocati di Google dare il colpo di grazia.

 

[Via phandroid.com]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Gio <corrado

    Do tempo alla Apple 2 anni e poi finira' come symbian….il controllo e le restrizioni aggiunte all'arroganza delle aziende hanno sempre portato alla rovina, che si godano ora il successo, ma nulla e' destinato a durare nel tempo .
    o Apple decide di dinfrescare il design ed il software dei suoi smartphone, se cosi' si posson chiamare , o come gia' detto fara' la fine di Nokia/ Symbian….se Nokia avesse ascoltato i suoi clienti non sarebbe in crisi oggi , peccato abbiamo perso una grande azienda europea .
    Vai G e forza Android siete il futuro della tecnologia mobile…

  • Vai Google! Siamo tutti con te! E con gli avvocati… xD

  • MaxArt

    Ancor più di Apple, se c'è un'azienda che si merita di essere definita come il Male è Oracle.
    Sta distruggendo Sun e tutto ciò che di buono aveva prodotto.
    Ah, ma perché non è stata Google ad acquisire Sun? :( Se proprio doveva essere qualcuno…

    • slater91

      Secondo me, Apple è anche peggio di Oracle. Oracle guarda al profitto, Apple al controllo. E, a parer mio, è molto peggio il controllo. Alla fine Oracle cede, come insegna la recente cessione di OpenOffice.org alla comunità. E ciò che Sun aveva fatto di buono viene in qualche modo continuato (Illumos è un esempio lampante). Certo, bisognerà vedere come si comporterà con Java.
      Ma, dall'altra parte, abbiamo una Apple che controlla tutto: decide quali applicazioni si possono installare e quali no, decide cosa sia lecito o no che gli utenti facciano (leggete di Opera sul Mac AppStore!), non lascia agli utenti la possibilità di scegliere cosa sia meglio per loro, chiude completamente il sistema per renderlo "sicuro". Il problema vero è che stanno facendo soldi a palate perchè hanno un marketing che fa paura. Stanno fidelizzando una quantità incredibile di clienti. C'era un bellissimo articolo di Umberto Eco sulla differenza tra Mac e PC: il Mac è cattolico, il PC è protestante. In campo telefonia, il PC è ovviamente Android.

      • MaxArt

        Ho letto ora della limitazione di Opera ai maggiori di 17 anni. AHAHAHAHAH :D
        Ma Apple, più che "cattolico", mi pare "puritano". In puro stile USA, direi.

        • Riccardo Robecchi

          Beh, è abbastanza cattolico. “L’unica via per la salvezza è la mia”. Il PC, di contro, è protestante: “la salvezza esiste, devi solo trovarti la strada!”. ;)

  • mick

    Che tristezza…
    Potevano cercare di trarre un vantaggio dal lavoro fatto da Google sulla Dalvik in termini di svluppo software, magari tramite accordi o lavorando assieme nell'open source, ma Oracle non lavora più per lo sviluppo ma per il guadagno economico immediato :-(

    Speriamo che non facciano danni, lo scrivo da programmatore Java..

  • andrxxx

    oracle cala le braghe come hai fatto con OpenOffice prima di fare un'altra figuraccia

Top