Xiaomi rilascia MIUI 10.2 Global per Redmi Note 3 e i sorgenti del kernel per tre smartphone

Xiaomi rilascia MIUI 10.2 Global per Redmi Note 3 e i sorgenti del kernel per tre smartphone
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/xiaomi_redmi_note4_tta_03.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/xiaomi_redmi_note4_tta_03-460x259.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/xiaomi_redmi_note4_tta_03-635x357.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/xiaomi_redmi_note4_tta_03.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/09\/xiaomi_redmi_note4_tta_03.jpg"}, "title": "Xiaomi rilascia MIUI 10.2 Global per Redmi Note 3 e i sorgenti del kernel per tre smartphone" }

È giunta alla fine l’avventura di Xiaomi Redmi Note 3, uno dei dispositivi che ha contribuito al successo di Xiaomi nel segmento medio basso del mercato, dove ha raccolto un enorme successo a livello globale.

La compagnia cinese ha rilasciato l’ultimo aggiornamento per lo smartphone, MIUI 10.2 Global Stable, del peso di poco meno di 200 MB e basato ovviamente su Android 6.0 Marshmallow. Nonostante il changelog citi la presenza di patch di sicurezza aggiornate, Xiaomi Redmi Note 3 dispone ancora delle patch di luglio.

Per il resto arrivano alcuni fix che dovrebbero risolvere gli ultimi problemi rimasti in sospeso. per il resto bisognerà sperare nelle custom ROM che saranno sicuramente in grado di prolungare la vita di uno degli smartphone Xiaomi più apprezzati.

Nel frattempo il produttore prosegue con il suo impegno nel rilascio dei sorgenti del kernel e dopo una serie di smartphone “datati”, come Xiaomi Redmi Note 2, Redmi Note 2 Pro, Redmi Note 3 e il più recente Redmi Note 6 Pro, arrivano buone notizie anche per altri smartphone.

Da oggi quindi sono disponibili i sorgenti del kernel anche per Xiaomi Redmi 6 Pro, Xiaomi Redmi 5 Plus e Xiaomi Mi 5X. Se siete interessati potete trovare il codice a questo indirizzo.

Fonti: Fonearena, Xda-developers