Mentre una presunta variante di Xiaomi Mi 7 fa visita a Geekbench, la nota piattaforma di benchmark, un nuovo firmware ottenuto ancora una volta da @FunkyHuawei ci permette di capire i possibili motivi che hanno portato il produttore cinese a posticipare il lancio del nuovo top di gamma che con ogni probabilità arriverà sul mercato nel mese di giugno.

Andiamo con ordine, parlando della visita effettuata dal presunto flagship cinese su Geekbench, effettuata da un dispositivo con nome in codice Dipper con un riferimento a Big Dipper, il nome inglese della costellazione dell’Orsa Maggiore. Ricordiamo infatti che i dispositivi della serie Mi utilizzano da sempre una costellazione come nome in codice, come Sagittario, Capricorno, Gemelli e altri.

Lo smartphone testato su Geekbench utilizzava uno Snapdragon 845 affiancato da 6 GB di RAM e potrebbe dunque essere la versione “base” del nuovo flagship. I risultati ottenuti sono decisamente promettenti, con 2449 punti in single core e 8309 in multi core, grazie a una ottimizzazione delle prestazioni dovuta a una collaborazione molto stretta tra Xiaomi e Qualcomm.

È ancora una volta grazie a @FunkyHuawei che ha recuperato in anticipo il presunto firmware di Xiaomi Mi 7 che possiamo intuire i motivi che stanno dietro al ritardo nel lancio del nuovo smartphone, che secondo le prime indiscrezioni avrebbe dovuto essere presentato questo mese.

Sembra infatti che anche Xiaomi abbia deciso di seguire il trend del notch nel display, introducendolo nel proprio dispositivo più importante. Nel firmware ci sono riferimenti a una batteria da 3.400 mAh ma soprattutto diverse informazioni legate alla presenza del notch, tra cui una proprietà specifica e nuove stringhe nel codice che gestisce la barra di stato.

Offerta

HONOR 200 Pro 12/512GB

Coupon: AHFANS10P + sconto in pagina di 150€ + Sconto premuta, click in pagina (valido anche se non hai un usato)

522€ invece di 799€
-35%

Xiaomi dovrebbe inoltre aggiungere un sistema di riconoscimento del volto utilizzando anche una fotocamera a infrarossi, che dovrebbe garantire una maggiore sicurezza rispetto ai sistemi basati sul solo software, facilmente aggirabili con foto o video. Manca comunque una data, anche solo ipotetica, relativa alla presentazione di Xiaomi Mi 7, del quale parleremo comunque a lungo nel corso delle prossime settimane.