Recensione Huawei P9 Lite – Che Huawei fosse diventata uno schiacciasassi non è certo una novità, ma che dopo lo straordinario successo di P8 Lite potessimo trovarci di fronte ad una nuova generazione con una qualità a dir poco sorprendente, era oltre tutte le nostre aspettative.
Sì, perchè se pensavate che Huawei P9 Lite fosse solo la versione depotenziata, castrata ed economica del suo fratello maggiore Huawei P9, allora dovete correggere il tiro. Il device che vi presentiamo nella nostra recensione ci ha convinto in ogni aspetto, tanto da farcelo considerare il punto di riferimento nella fascia media per questa prima metà del 2016, ecco Huawei P9 Lite.

Video recensione di Huawei P9 Lite

Confezione

Il nostro sample ci è stato recapitato in una confezione provvisoria per la stampa, il contenuto però dovrebbe essere quello definitivo e consta di un carica batterie standard da 1 A, cavetto USB/microUSB 2.0, un paio di cuffiette non in hear. Abbiamo trovato anche una pellicola protettiva per lo schermo.

Hardware & Connettività

Sotto la scocca di Huawei P9 Lite opera un processore proprietario della casa cinese, HiSilicon Kirin 650 che può contare su una configurazione a 8 core con tutti Cortex a-53 settati in tantem a 2,0 Ghz e 1,7 Ghz. La CPU è accompagnata da un processore d’immagine Mali T880 MP2 e da 3 GB di RAM LPDDR3. La memoria interna invece è di soli 16 GB espandibile tramite microSD fino a 128 GB.

P9lite_tta4

A livello di connettività è possibile sfruttare lo scambio dati in LTE di Cat. 4, un modulo WiFi con standard 802.11 b/g/n e il bluetooth 4.1. Non mancano anche l’antenna radio FM, il GPS e il chip NFC.

La dotazione di sensori vede i classici dedicati al rilevamento della luminosità e prossimità. Abbiamo anche l’accelerometro, il giroscopio e la bussola. Sulla parte posteriore della scocca è posizionato un buon sensore per il riconoscimento delle impronte digitali, veloce ma non preciso al 100%.

VEDI ANCHE

Huawei P9 Lite

Prestazioni

A dispetto di un hardware non al top del mercato, Huawei P9 Lite convince senza alcun dubbio sul fronte delle prestazioni. I vari componenti sono ben equilibrati e risultano in un’ esperienza di utilizzo di alto livello, sia nelle operazioni complesse, sia nelle normali attività quotidiane. Nel gaming abbiamo apprezzato la capacità di mantenere temperature molto basse a fronte di un buon frame rate, ottimo il comportamento in navigazione internet, così come in chat o in navigazione. C’è da attendere una frazione di secondo in più rispetto a ciò che avviene con i principali top di gamma, soprattutto nell’aprire applicazioni pesanti, ma in generale la fluidità del sistema non ha nulla da invidiare a device ben più costosi.

Parte telefonica e antenne

Così come P9, anche la versione Lite si distingue per la grande affidabilità ed efficienza del comparto telefonico. Abbiamo molto apprezzato la qualità audio in chiamata, forte soprattutto di una grande stabilità del segnale telefonico anche in zone con scarsa copertura, oppure in movimento. Promossi a pieni voti anche il GPS e lo scambio dati LTE. Nessun problema sul fronte bluetooth, anche se non arriviamo allo standard 4.2.

Ergonomia, Design & Materiali

Huawei P9 Lite è realizzato con una scocca in alluminio con finitura spazzolata sul retro, il frame invece è satinato con cromature sui bordi. L’impatto estetico è molto buono ed è tipico di device di fascia più alta.
La scocca posteriore ha un rivestimento in plastica quasi indistinguibile dal metallo, si sente al tatto la differenza con P9, ma offre un buon grip relativamente al materiale. Solido invece il telaio, che dona un aspetto robusto al prodotto.
La fotocamera posteriore è posizionata nella parte alta in corrispondenza di una banda in Gorilla Glass 3 mentre tutta la superficie anteriore è rivestita con un Gorilla Glass 4, con un ottimo trattamento oleofobico.

P9lite_tta2

Le dimensioni sono accettabili (146.8 x 72.6 x 7.5 mm) ma P9 Lite non è particolarmente ottimizzato nelle cornici, specialmente nella parte bassa. E’ quasi impossibile utilizzarlo con una sola mano, nonostante uno schermo da “soli” 5,2 pollici.

P9lite_tta7

Display, Audio & Multimedia

Il dispositivo è dotato di un pannello LCD IPS da 5,2 pollici con risoluzione FullHD 1920 x 1080 pixel. Si tratta di un’ottima unità relativamente alla fascia media del mercato, infatti è la stessa del top di gamma P9. I colori sono brillanti, i contrasti elevati garantiscono una buona leggibilità anche sotto la luce diretta del sole.  La retroilluminazione ha un buon range e la visibilità è buona anche ad angoli di visuale estremi.
L’unico difetto è rappresentato dai neri che risultano profondi solo con vista prossima alla perpendicolarità mentre tendono a virare al grigio spostandosi verso angolazioni più elevate.

P9lite_tta6

L’audio in uscita dall’altoparlante è di buona qualità, non è troppo potente o ricco di bassi ma si attesta in una posizione superiore alla media.

Fotocamera

Il sensore principale di cui è dotato Huawei P9 Lite è da 13 mega pixel in 4:3 con elementi di circa 1,12 um e obiettivo con apertura F/2.0. Non abbiamo sistemi esterni di messa a fuoco ma una normale ricerca del contrasto, il flash led è a singola tonalità di colore.
La fotocamera anteriore è da 8 mega pixel con apertura F/2.0.

P9lite_tta3

A dispetto di una scheda tecnica piuttosto standard, le performance fotografiche sono di tutto rispetto. In particolare siamo riusciti ad ottenere belle foto in diurna, anche con condizioni climatiche avverse. In notturna o con poca luce i risultati calano di qualità, attestandosi sulla fascia media del mercato. I selfie sono validi ma il software interviene pesantemente per migliorare la nitidezza e va parzialmente a rovinare gli scatti.

L’interfaccia dell’app fotografica è molto semplice e pratica. Non abbiamo inutili settaggi complessi, tutte le informazioni necessarie sono a portata di tap, mentre con uno swipe possiamo accedere alle modalità di scatto o alle impostazioni avanzate. Tra le features più interessanti ci sono lo scatto manuale, la modalità HDR, panorama, notturna e light painting. E’ presente anche una modalità video manuale, nella quale però non è possibile controllare il profilo colore o il comparto audio, ma solo l’esposizione e il bilanciamento del bianco.

In video P9 Lite non riesce a fare meglio delle scarse capacità di P9, manca la stabilizzazione ottica e quella digitale non è particolarmente efficace. Non possiamo registrare in 4K e anche il FullHD è fermo ai 30 fps.

Batteria & Autonomia

Nei 7,5 mm di spessore i progettisti sono riusciti ad inserire ben 3000 mAh di batteria. Un bel salto in avanti rispetto a P8 Lite che poteva contare su 2200 mAh. I risultati si vedono immediatamente, ottima autonomia giornaliera che porta alla sera senza alcuna difficoltà, anche con utilizzo molto intenso.

In termini numerici siamo oltre le 4h di schermo, con punte di addirittura 5h e 30 min, senza dover attivare le, seppur presenti, opzioni di risparmio energetico. Ci ha convinto il fatto che il decadimento dell’energia residua sia sempre costante, senza salti o incongruenze, a testimonianza di un equilibrio invidiabile tra i vari componenti hardware.

Software

Huawei P9 Lite arriva sul mercato con Android 6.0 Marshmallow e personalizzazione Emotion UI 4.1. Il nostro test è stato effettuato con la build VNS-L31C432B103. Si tratta di una variante molto diversa dal software puro di Android, la grafica ricorda iOS di Apple e MIUI di Xiaomi ma si distacca per le tante personalizzazioni e funzioni avanzate di cui può disporre.

Rispetto alla ROM presente su P9, mancano diverse funzioni, come alcune voci sul controllo del movimento o le gesture con le nocche. Manca anche la possibilità di risvegliare vocalmente dallo standby e non è possibile calibrare la tonalità del display ma solo la temperatura cromatica.

Il sensore di impronte digitali è sfruttato anche per abbassare la tendina delle notifiche e per sfogliare le foto in galleria, potremo anche utilizzare la nostra impronta biometrica per bloccare alcune applicazioni o file.

Buone le possibilità di personalizzazione tramite temi ma sono soprattutto le opzioni di risparmio energetico, controllo della privacy e delle notifiche che costituiscono un tratto peculiare della EMUI.

Come di consueto abbiamo una completa suite di applicazioni preinstallate, che può vantare una bellissima applicazione musica, un pratico tool di backup, calendario, note, calcolatrice, bussola e comodi strumenti come la torcia o il registratore vocale.

In conclusione

Huawei P9 Lite è uno dei pochi smartphone che riesce a convincere fin dal primo avvio. E’ costruito bene, è affidabile nel comparto telefonico, ha un’ottima autonomia, buone prestazioni e capacità fotografiche. Sembra di avere per le mani un device di fascia alta, in effetti è così e solo il prezzo di lancio di 299 € lo pone nella fascia media del mercato.

P9lite_tta1

Il difetto, o forse sarebbe meglio dire il peccato veniale, che ci sentiamo di sottolineare è la capacità di archiviazione di soli 16 GB, seppur espandibili tramite microSD. Per il resto un prodotto che vi consigliamo anche al prezzo attuale, figuriamoci quando verosimilmente scenderà sui 250 €.

Questa era la nostra recensione di Huawei P9 Lite, fateci sapere nei commenti la vostra opinione e se lo farete vostro.

Migliori offerte sul web per Huawei P9 Lite:

Pagella

8.8
Display
8.3
Ergonomia
7.8
Hardware
8.5
Software
8.8
Batteria
8.2
Fotocamera
8.7
Qualità/prezzo
8.8
Materiali
7.9
Audio
8.7
Esperienza Utente
8.5