Questo sito contribuisce alla audience di

Recensione ASUS Zenfone Max Plus M1: cose buone e scelte sbagliate

Recensione ASUS Zenfone Max Plus M1 – A pochi mesi dal lancio della linea Zenfone 4, ASUS ci propone una rivisitazione del Max, come da tradizione un device pensato per garantire grande autonomia.

Non ci aspettavamo così in fretta il Plus M1 ma l’accoglienza tiepida che è stata riservata a Zenfone 4 Max (recensione) deve aver convinto il brand taiwanese ad accelerare i tempi, anche in vista dell’imminente MWC 2018 di Barcellona.

Il nuovo ASUS Zenfone Max Plus M1 ci dà modo di cominciare ad assaporare le nuove linee estetiche che probabilmente caratterizzeranno Zenfone 5, uno smartphone che è comunque interessante per il prezzo di listino contenuto e alcuni componenti di buona qualità, peccato solo per alcune scelte discutibili che condizioneranno il giudizio complessivo sul prodotto.

Vi spieghiamo tutto nella nostra recensione di ASUS Zenfone Max Plus M1.

Video recensione di ASUS Zenfone Max Plus M1

Hardware & Connettività

ASUS Zenfone Max Plus M1 è equipaggiato con un processore Mediatek MT6750T coadivutato dalla GPU Mali T860 e 3 GB di memoria RAM.
La memoria interna è da 32 GB ed è espandibile tramite microSD senza rinunciare al secondo slot per nanoSIM.

Buona la dotazione di sensori con accelerometro, giroscopio, magnetometro, presente anche un lettore di impronte abbastanza veloce e un ben visibile LED di notifica.
Possiamo dire che Zenfone Max Plus sia uno smartphone di rottura rispetto al recente passato di ASUS, non integra infatti un lettore di impronte frontale affiancato dai tasti softtouch, bensì un display 18:9 con scanner biometrico spostato sul retro e tasti di navigazione virtuali.

Ok la connettività, c’è il Bluetooth 4.1, il WiFi ac a singola banda e lo scambio dati avviene in LTE di Cat. 6, peccato per l’adozione della porta microUSB anziché Type-C.
Non c’è il chip NFC mentre è presente la Radio FM.

Parte telefonica e connettività

ASUS Zenfone Max Plus M1 non è un campione in fatto di ricezione, ma compensa con la possibilità di usare due sim in dual standby, senza dover rinunciare all’espansione della memoria tramite microSD.

La qualità audio in capsula è buona (volume leggermente basso) mentre da altoparlante è insufficiente sia per pressione sonora che per qualità della riproduzione.

Prestazioni

Siamo alle dolenti note e purtroppo per ASUS c’era da aspettarselo, la scelta del processore è una di quelle “discutibili” di cui abbiamo parlato nel titolo.
Zenfone Max Plus è sempre molto lento nell’effetuare qualunque operazione, le animazioni di sistema vengono sacrificate e aprire le app più pesanti può diventare snervante.

Ci aguriamo che parte del problema sia attribuibile alla gioventù del prodotto e che con qualche aggiornamento possa migliorare, allo stato attuale scordatevi un utilizzo stressante o peggio ancora il gaming.
Potrete rimanere soddisfatti solo se siete utenti alle prime armi e se usate il telefono con qualche indecisione.

Ergonomia, Design & Materiali

ASUS Zenfone Max Plus M1 fa del design e della qualità costruttiva le sue armi migliori: come detto ha frontalmente un display Full View in 18:9 mentre posteriormente è quasi completamente coperto da alluminio, eccezion fatta per due inserti in plastica posizionati alle estermità superiori e inferiori.

Un telefono che trasmette solidità e qualità nettamente superiori rispetto alle aspettative per device entry level.
L’estetica non è forse delle più originali, d’altra parte però i due elementi chiave, display 18:9 e cover in alluminio, non permettono di giocare molto con la fantasia.

Per il gusto di chi vi scrive è leggermete troppo grande, ma non è comunque uno smartphone inutilizzabile con una sola mano, per qualcuno potrebbe avere dimensioni perfette.
Certo è un minimo scivoloso a causa del solito allumio lavorato per essere liscio al tatto.

Display, Audio & Multimedia

Così come nel paragrafo precedente, anche qui ritorniamo ad elogiare Zenfone Max Plus: il display è forse la sua cosa migliore.
Ci è piaciuto il pannello LCD IPS FullHD+ da 5,7 pollici e rapporto di forma di 18:9.

Evidentemente l’azienda non ha badato al risparmio in questo componente (purtroppo l’ha fatto altrove n.d.r) che appare brillante, luminoso e accurato nella riproduzione dei colori.
Peccato non sia prevista la compatibilità con ASUS Splendid Utility, l’app che solitamente permette di gestire il profilo colore, un aggiustamento sulla saturazione sarebbe stato perfetto, ma già così non ci si può lamentare.

Male invece l’audio da altoparlante, troppo basso il volume, bene invece in cuffia dove la riproduzione è di buona qualità.

Fotocamera

La prima scelta discutibile è il processore, la seconda senza dubbio riguarda il comparto fotografico. ASUS non l’ha curato con attenzione e ne è uscito uno smartphone con diversi problemi nello scattare foto.

Posteriormente ci sono due fotocamere, una da 16 MP F/2.0 e una grandangolare da 120 gradi da 8 MP; frontalmente invece una sola fotocamera da 8 MP.
L’hardware poteva far ben sperare ma i risultati, specialmente con la fotocamera principale, lasciano molto a desiderare.

Le fotografie spesso risultano mosse o sfocate, contro sole e con HDR i colori vengono mal gestiti e solo con soggetti ravvicinati e macro otteniamo scatti discreti.
In notturna le immagini sono per lo più inutilizzabili a causa del troppo rumore, della cronica difficoltà nella messa a fuoco e della tendenza al micromosso causata dalla lentezza dello scatto.

Paradossalmente vengono meglio le foto grandangolari, buone in questo caso, rispetto alle fotografie standard.

Un discorso simile si può applicare anche ai video e ai selfie, che sono in proporzione più convincenti rispetto alle foto ma non offrono una qualità che vada oltre alla media per la fascia di prezzo.

Batteria & Autonomia

La batteria di Zenfone Max Plus M1 è da ben 4130 mAh, è infatti la caratteristica principale della linea Max di ASUS.
L’autonomia che ne consuegue è buona, pur senza stupire: riuscirete a coprire circa 5h di display attivo, spalmate su una giornata piena di accensione.

Con un utilizzo più intenso il telefono scalderà leggermente e dovrete attivare una delle numerose opzioni di risparmio energetico, per arrivare a sera senza problemi.

Software

ASUS ha equipaggiato il nuovo arrivato con Android 7.0 e una versione intermedia della ZenUI, svecchiata nel look ma non ancora provvista delle nuove funzioni viste con gli ultimi aggiornamenti software di Zenfone 4.

Per uno smartphone di fascia bassa il software è fin troppo completo, ricco di numerose funzioni che appesantiscono un po’ il sistema se attivate.
Apprezzabile comuque lo sforzo per rendere compatibile tutto il pacchetto anche per uno smartphone senza grosse pretese a livello di performance.

Troverete un sistema altamente personalizzabile, curato graficamente e con alcune funzioni automatiche interessanti per il riconoscimento di gesture e movimenti.
E’ stato implementato anche lo sblocco con il riconoscimento del volto ma non funziona un granché bene.

Molto ben realizzata la suite di applicazioni preinstallate, in particolare i tool che permettono di gestire comodamente la manutenzione del dispositivo (risparmio energetico e memoria) e gli aspetti legati a privacy e sicurezza.

Un appunto bisogna farlo per qualche bug di troppo e crash improvvisi che non sono stati rari durante i giorni di test.

In conclusione

Siamo alle battute finali della recensione di ASUS Zenfone Max Plus M1, proposto ad un prezzo di listino di 249€.

Lo smartphone si presenta bene ed era partito per il verso giusto nella progettazione e nella scelta di alcuni componenti, purtroppo però si è perso nelle prestazioni e in un comparto fotografico che lascia molto a desiderare.

Purtroppo questo Zenfone Max ha quel sapore di occasione mal sfruttata per ASUS e finisce per essere più interessante il “cosa sarebbe potuto essere” rispetto alla realtà più mediocre delle cose.
In considerazione di ciò, a nostro avviso, il prezzo di listino è troppo elevato e rischia di azzoppare ulteriormente Zenfone Max Plus.
Confidiamo in un necessario aggiornamento software e in un rapido calo di prezzo, sotto i 200€ sicuramente potrà assumere una nuova luce.

PAGELLA

Display:
8.0
Ergonomia:
7.8
Hardware:
6.8
Software:
7.8
Batteria:
8.0
Fotocamera:
6.5
Qualità/prezzo:
7.0
Materiali:
8.0
Audio:
7.2
Esperienza Utente:
7.6
VOTO GENERALE:
7.0

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Gerardo D’Alessio

    Ho problemi con la tastiera x comporre messaggi, sotto ce la barra dei pulsanti e quando premo barra spaziatrice, tocco i tasti sotto e non si crea lo spazio tra le parole. Esiste il modo per far sparire la barra pulsanti e farla riemergere con un passaggio delle dita come in altri casi?

    • Antonino Parisi

      Io non c’ero riuscito…

  • Lamberto Gregorio

    Porta pazienza, non voglio contraddire le tue scelte ma, con 12 euro in più, ho preso il Redmi5Plus.

    • Andrea Volpi

      La pazienza non mi manca, ho anche un s8

      • Lamberto Gregorio

        Ah ah ah! E allora sì che si ragiona! Quanto ai telefoni di quella fascia mia moglie dal Nubia N1 al Redmi 5 Plus dice di aver fatto un salto epocale…. ;-D

  • Andrea Volpi

    Io l’ ho preso a 168 euro con un codice sconto sul sito asus, a questa cifra va più che bene

Top