Qualcomm annuncia Snapdragon 820E, AI Engine, Broadcast Audio e un chip 802.11ax

Qualcomm annuncia Snapdragon 820E, AI Engine, Broadcast Audio e un chip 802.11ax
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/qualcomm-logo-2.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/qualcomm-logo-2-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/qualcomm-logo-2-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/qualcomm-logo-2.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/02\/qualcomm-logo-2.jpg"}, "title": "Qualcomm annuncia Snapdragon 820E, AI Engine, Broadcast Audio e un chip 802.11ax" }

Giornata davvero ricca di annunci per Qualcomm, il chipmaker californiano che a quanto pare ha preferito anticipare il lancio di nuovi prodotti che potrebbero essere presentati nel dettaglio al Mobile World Congress 2018, in programma dal 26 febbraio a Barcellona.

Andiamo con ordine e partiamo dal design di riferimento per un visore VR standalone basato sulla Mobile Platform Snapdragon 845, che si differenzia dai modelli presentati in precedenza per la capacità di offrire funzioni di tracciamento di un’intera stanza.

Grazie alle fotocamere integrate nella parte frontale il visore è in grado di tracciare e riconoscere gli oggetti di fronte all’utente, offrendo una esperienza visiva di livello superiore. In questo modo non è necessario aggiungere dispositivi esterni, né appoggiarsi a un PC per garantire tutte le funzioni. Va ricordato che non si tratta di un modello commerciale, ma di un sistema di riferimento che potrà essere utilizzato da altri produttori per sviluppare le proprie soluzioni.

Continuiamo con la piattaforma Broadcast Audio, disponibile per Snapdragon 845, che consentirà lo streaming via Bluetooth a cuffie e speaker collegati, senza che venga meno la sincronia tra di loro. In questo modo sarà possibile per diverse persone ascoltare lo stesso flusso audio, proveniente da una singola sorgente.

Sia lo Snapdragon 835, che equipaggia buona parte dei flagship del 2017, che lo Snapdragon 845, che equipaggerà quelli del 2018, riceveranno il Qualcomm Artificial Intelligent Engine, un set di elementi hardware e software che dovrebbe facilitare l’implementazione di sistemi AI nei nuovi smartphone.

Tra le implementazioni che saranno effettuate dai partner interessati, come OnePlus, Motorola, ASUS e ZTE, dovrebbero esserci funzioni di sblocco col volto, effetti bokeh con singola fotocamera e molto altro. Il componente fondamentale è un framework Neural Processing Engine è non manca il supporto per l’API Android Neural Networks, rilasciata con Android 8.0 Oreo oltre a una nuova libreria per eseguire gli algoritmi AI sul Vector Processor Hexagon.

AL MWC 2018 Qualcomm mostrerà anche il chip WiFi WCN3998 802.11ax, in grado di fornire il supporto alla tecnologia 8×8 MIMO. In questo modo sarà possibile aumentare in maniera significativa la velocità di trasmissione dei flussi multimediali. La velocità massima teorica, testata in laboratorio, oscilla tra 1 e 2 Gbps e non manca il supporto al WPA3 per aumentare la sicurezza delle comunicazioni. Il chipset include infine una nuova antenna Bluetooth in grado di supportare lo standard Bluetooth 5.1, attualmente in fase di definizione.

Chiudiamo con un annuncio dedicato agli appassionati di dispositivi IoT: Qualcomm ha infatti presentato la piattaforma integrata Qualcomm Snapdragon 820E, destinata a equipaggiare a lungo termine i sistemi integrati. Il chipmaker californiano ha realizzato una scheda basata sulla nuova piattaforma e promette dieci anni di supporto, un’ottima notizia per gli sviluppatori che potranno realizzare soluzioni in grado di rimanere a lungo sul mercato.

Tutte le novità annunciate oggi da Qualcomm saranno in mostra al MWC 2018, che inizierà tra quattro giorni a Barcellona. Non mancheremo di riportarvi alte novità che dovessero essere annunciate da Qualcomm.

Fonti: Mobilesyrup, Mobilesyrup, Mobilesyrup, Mobilesyrup, Techcrunch