Nokia 6 è uno smartphone particolarmente resistente, come da tradizione

Nokia 6 è uno smartphone particolarmente resistente, come da tradizione
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/nokia-hmd.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/nokia-hmd-460x273.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/nokia-hmd-635x376.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/nokia-hmd.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/01\/nokia-hmd.jpg"}, "title": "Nokia 6 \u00e8 uno smartphone particolarmente resistente, come da tradizione" }

I telefoni cellulari prodotti dal Nokia, prima che la compagnia venisse svenduta a Microsoft erano famosi in tutto il mondo per la loro resistenza, tanto che in alcuni casi si narra che siano arrivati a bloccare qualche proiettile. Che si tratti di realtà o leggende metropolitane il nuovo marchio Nokia sembra intenzionato a riportare in auge la tradizione e con Nokia 6 ha fatto le cose davvero per bene.

Con un posto pubblicato oggi su Weibo, la fonte principale delle notizie provenienti dalla Cina, la stessa Nokia ha ricordato che il suo nuovo smartphone, il primo del nuovo corso, da quando cioè HMD ha rilevato il brand finlandese, può funzionare a temperature comprese tra il -40 e i +85 gradi con una umidità compresa tra il 95 e il 97%.

Manca dunque la certificazione IP67/68 ma Nokia 6, come i suoi predecessori di casa Nokia, non sembra curarsene e promette di continuare a funzionare in qualsiasi condizione, acqua e neve, sole o pioggia, caldo o freddo.

Il nuovo smartphone sarà in vendita in occasione della festa di primavera che coincide con il capodanno cinese che quest’anno cadrà il 27 gennaio e inaugurerà l’anno del gallo. Tra poche settimane potremo dunque provare il nuovo smartphone che in breve tempo sarà sottoposto a stress e torture di ogni tipo, per verificare se davvero Nokia è tornata in tutto il suo splendore.

 

Fonte: Gizmochina