Un mese senza Facebook migliora la vita secondo un nuovo studio

Un mese senza Facebook migliora la vita secondo un nuovo studio
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2-635x476.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2020\/07\/facebook_app_tta_2.jpg"}, "title": "Un mese senza Facebook migliora la vita secondo un nuovo studio" }

Probabilmente avrete già sentito parlare di ricerche e test secondo cui gli utenti di Facebook si sentono meglio dopo aver lasciato il social network e un nuovo studio condotto dalle New York University e Stanford University non fa altro che confermarlo.

Stando ai ricercatori, infatti, dopo aver messo da parte Facebook le “cavie” si sono rivelate più felici, più soddisfatte della propria vita e leggermente meno inclini a sentirsi ansiose, sole o depresse.

Inoltre, i protagonisti di tale esperimento hanno anche iniziato ad usare meno i social network e, al momento del loro ritorno su Facebook (ossia dopo un mese), hanno diminuito la propria “dose”.

Durante i 30 giorni di “astinenza” gli utenti hanno trovato diverse alternative con cui dilettarsi, come incontrare amici e parenti o guardare la TV mentre non hanno dedicato tanto tempo a tenersi aggiornati sulle news.

Bisogna comunque dare a tale studio, condotto peraltro prima delle elezioni presidenziali americane del 2016 (in un momento in cui le tensioni politiche erano alte), non troppo valore dal punto di vista scientifico, in quanto sono diversi gli aspetti che dovrebbero essere approfonditi e inoltre non è chiaro cosa succederebbe se la pausa fosse più lunga.

Detto ciò, tali ricercatori danno comunque credito alle affermazioni secondo cui prendere una pausa dai social network potrebbe essere d’aiuto.

Via: Engadget