Tre applicazioni Android su quattro usano tracker di terze parti per controllarci

Secondo quanto riporta uno studio combinato dell’organizzazione francese Exodus Privacy e del Privacy Lab dell’Università di Yale, oltre tre applicazioni Android su quattro conterrebbero almeno un tracker di terze parti. La ricerca ha preso in esame diverse centinaia di applicazioni presenti sul Play Store ma gli esperti sostengono che con ogni probabilità la situazione è la medesima anche nell’App Store di iOS.

Tra le app “colpevoli” di tenerci maggiormente sotto controllo troviamo Tinder, Spotify, Uber e OKCupid, che utilizzano il tool Crashlytics di Google per raccogliere informazioni sui crash oltre che sui nostri comportamenti, allo scopo di inserire le adeguate pubblicità nei nostri social network.

Un tool molto utilizzato è FidZup, che in passato emetteva toni ultrasonici per verificare la presenza dell’utente davanti allo smartphone, tecnica ormai abbandonata in favore del controllo dell’attività WiFi. I due gruppi di ricercatori invitano gli sviluppatori e la stessa Google a migliorare le politiche di trasparenza relative a questi tracker, per garantire un corretto trattamento dei dati degli utenti, senza che alcune operazioni avvengano in maniera nascosta e a loro insaputa.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Luigi Vitelli

    Sono uno sviluppatore Android e purtroppo ho a che fare con ciò tutti i giorni.
    Crashlytics é un ottimo toolkit per gli sviluppatori per ottenere informazioni sui crash e sui motivi che li causano (io stesso non potrei immaginare un mondo senza) che quindi permettono un continuo miglioramento della stabilità Delle applicazioni.
    Per quanto riguarda “le informazioni” che vengono usate ai fini commerciali, non so se crashlytics espone un servizio anche di questo tipo (sinceramente non credo) e forse solo il 5% delle app lo usano. Tool esterni di pubblicità sono ovvie e permettono il “download gratuito” dell’app. Non so perché sia stato fatto uno studio al riguardo ne perché ci abbiate scritto un articolo sopra trattando l’argomento in questi toni.

    PS che io sappia Google vorrebbe soltanto acquistarlo, niente di ufficiale per lo meno (spero lo facciano dato che il team di crashlytics é fantastico).

  • Mobile Suit Gundam

    Piu’ che un Grande Fratello ormai abbiamo innumerevoli piccolissimi fratellini ovunque…

  • Bernard Borio

    Ditelo che anche voi ci controllate con la vostra app 😂

Top