Presto potremo usare il nostro corpo per inviare password e sbloccare serrature

I ricercatori dell’Università di Washington stanno lavorando ad una nuova tecnologia che potrebbe risultare comoda per tutte quelle persone che dimenticano spesso e volentieri le password, le chiavi di casa o dell’auto. Grazie ad un qualsiasi dispositivo dotato di lettore di impronte digitali e utilizzando il corpo umano come un naturale conduttore di informazioni, sarà infatti possibile sbloccare qualsiasi cosa.

La nuova tecnologia utilizza trasmissioni a bassa frequenza assolutamente innocue per il corpo umano, generate da dispositivi come i comuni lettori di impronte digitali presenti sulla maggior parte degli smartphone. In questo modo è possibile trasmettere una password attraverso il corpo umano ed inviarla ad un qualsiasi sistema che venga toccato, sia esso una porta o un’automobile.

Basterà infatti toccare il dispositivo da sbloccare e allo stesso tempo poggiare il dito sul lettore di impronte del proprio smartphone per inviare il codice di sblocco, in maniera rapida e sicura. I ricercatori dell’Università di Washington sperano di poter ricevere un aiuto importante dai produttori di lettori di impronte digitali accedendo ai loro software per poter velocizzare le loro ricerche.

Per il momento quindi dovrete ancora ricordarvi chiavi e password, non ci sono alternative.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • scumm78

    comunque non si tratta di dimenticarsi le password, si tratta che al giorno d’oggi per la sicurezza dei nostri dati bisogna avere una password diversa per ogni servizio e che questa password deve essere lunga, con combinazione di numeri,lettere e caratteri speciali e non comprendere parole di senso compiuto. Nessuno puo’ farlo e se la tecnologia non ci viene in aiuto continueremo ad usare password deboli e mettere a repentaglio i nostri dati

  • Mattia

    Il Trust API che fine ha fatto?

Top