Questo è Huawei Mate X, abbiamo provato il pieghevole che convince di più!

Questo è Huawei Mate X, abbiamo provato il pieghevole che convince di più!
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/03\/huawei_mate_x_6.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/03\/huawei_mate_x_6-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/03\/huawei_mate_x_6-635x477.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/03\/huawei_mate_x_6.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2019\/03\/huawei_mate_x_6.jpg"}, "title": "Questo \u00e8 Huawei Mate X, abbiamo provato il pieghevole che convince di pi\u00f9!" }

Huawei Mate X non è il primo pieghevole al mondo ma è uno dei primi su cui abbiamo potuto mettere mano e la sensazione è stata davvero entusiasmante. Piegare uno smartphone volontariamente è un gesto nuovo, inusueto, se fino ad oggi il rischio di romperlo era una certezza con questi nuovi pieghevoli riscriviamo letteralmente una convinzione della nostra mente. Si piega ma non si rompe, ed è davvero semplice piegarlo per trasformarlo da uno smartphone in un tablet e da un tablet in uno smartphone.

Una volta impugnato una delle prime caratteristiche che si sente è il peso: 295 grammi, molti se pensiamo ad un telefono, pochi se pensiamo ad un tablet, sicuramente non adatto per un utilizzo prolungato con una sola mano ma nemmeno così esagerato da pensare di lasciarlo sullo scaffale per tale motivo. Alla fine è come avere due smartphone attaccati se non fosse per il ridotto spessore da chiuso: 11 mm, una dimensione tipica per un solo smartphone, non due.

Il materiale che ricopre il display di Huawei Mate X, pieghevole di tipo OLED, è un ibrido tra plastica e vetro. La sensazione al tatto è decisamente positiva e più vicina al vetro, più “plasticoso” alla vista a causa di eventuali riflessi di luce. Anche l’intermezzo del display, dove si piega, al tatto è liscio e abbastanza lineare a patto che sia ben aperto. Il risultato ottenuto finora è davvero apprezzabile e non è detto che prima della messa in commercio non si riescano a fare ulteriori passi in avanti (trattandosi comunque di un prototipo pre-produzione di cui esistono solo 20 esemplari al mondo).

A livello software Huawei Mate X ha già alcune soluzioni per sfruttare la doppia dimensione del display: si può utilizzare facilmente il multitasking e il multiwindows facendo uno swipe a tre dita dal basso verso l’alto e le applicazioni si adattano in base alla grandezza del display e all’orientamento. Sicuramente l’azienda lavorerà molto su questa strada per rendere sempre più utile la possibilità di ingrandire il display, per il momento appannaggio di contenuti multimediali e in parte produttività.

Ulteriori considerazioni e informazioni le trovate nel nostro video hands-on su Huawei Mate X.

Video hands-on Huawei Mate X

Condividimi!