Ricevete indesiderati SMS a pagamento sul vostro smartphone Android? Ecco come difendersi

Ricevete indesiderati SMS a pagamento sul vostro smartphone Android? Ecco come difendersi
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_05.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_05-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_05-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_05.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_05.jpg"}, "title": "Ricevete indesiderati SMS a pagamento sul vostro smartphone Android? Ecco come difendersi" }

Purtroppo capita spesso di controllare il proprio credito telefonico e accorgersi che è inspiegabilmente calato. La spiegazione, però, esiste: nella maggior parte dei casi ci si è abbonati involontariamente a servizi non richiesti. Basta sfiorare accidentalmente su un banner pubblicitario, o chiudere una finestra pop-up mentre si naviga sul web per attivare una sottoscrizione ai servizi più disparati, accomunati da una costante: quella di essere a pagamento.

Se vi capita di ricevere SMS a pagamento come oroscopo, chat, ricette, servizi vari e così via, probabilmente il vostro credito sta calando rapidamente. Per evitare questo tipo di problematiche, basta richiedere al proprio gestore telefonico l’attivazione del barring SMS, che blocca i messaggi provenienti da servizi a pagamento. La procedura cambia a seconda dell’operatore:

  • Tim: dal sito, oppure chiamando il 119 e richiedendo all’operatore di mettere il numero in black list.
  • Vodafone: dal numero 190 e chiedendo all’operatore l’attivazione del barring sms, o dal sito web.
  • Wind: contattando il 155 e richiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo (può essere totale, cioè chiamate a numerazione 899, 166 e SMS, oppure parziale) o visitando questa sezione del sito.
  • H3G: chiamando 133, o nella sezione dedicata del sito.
  • Postemobile: inviando questo modulo scaricabile dal sito via fax o via posta tradizionale, richiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo.

Per evitare di incorrere in queste problematiche, visto che in alcuni casi i tempi di risoluzione possono allungarsi, consigliamo di fare sempre molta attenzione quando si naviga sul web e di monitorare frequentemente il proprio credito, per accorgersi in tempo di eventuali addebiti non richiesti.

Vai a: Come verificare la copertura delle reti mobili 2G, 3G, 4G e 4.5G

Fonte: Altroconsumo