Google testa una nuova opzione pubblicitaria su Search

Google testa una nuova opzione pubblicitaria su Search
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/google-search-leverageIt-e1439334349249.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/google-search-leverageIt-e1439334349249-460x261.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/google-search-leverageIt-e1439334349249-635x360.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/google-search-leverageIt-e1439334349249.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/google-search-leverageIt-e1439334349249.jpg"}, "title": "Google testa una nuova opzione pubblicitaria su Search" }

Google sarebbe al lavoro su un nuovo espediente pubblicitario da sfruttare all’interno dell’app Search per aumentare ulteriormente i propri introiti.

Parlando di Google, generalmente ci vengono in mente Android, i Nexus o Mountain View, ma spesso ci dimentichiamo che il campo in cui BigG è dominante è quello della pubblicità online: è questa infatti la principale fonte di ricavi dell’azienda, che però non dorme sugli allori e pensa a come incrementare i propri guadagni.

Questa possibilità si baserebbe su un nuovo modo di visualizzare alcuni risultati delle ricerche tramite Google Search: essi appariranno come se fossero inseriti nella sezione notizie. Ecco un esempio per comprendere meglio: digitando ‘Silicon Valley’ (negli USA), i primi risultati sono relativi all’omonima serie TV dell’emittente HBO. Tutto nella norma, se non fosse che, proprio grazie all’organizzazione simile a quella della sezione notizie, sembra che i fatti della serie siano effettivamente accaduti nella realtà.

Il Wall Street Journal, inoltre, sarebbe riuscito a ottenere delle conferme da un portavoce di Google, il quale avrebbe affermato che la nuova funzione non avrebbe ancora un nome ufficiale, me che “agenti di marketing, società di media, politici e altre organizzazioni” potranno aggiungere articoli di 14.400 caratteri, con al massimo 10 foto/video o link. I post saranno visibili per una settimana, dopodichè rimarranno accessibili tramite link, ma verranno rimossi dai risultati principali di Google Search.

Una sorta di “permanenza programmata” nelle prime posizioni quindi, che potrebbe fruttare a Google nuovi guadagni. Ricordiamo che al momento nulla è confermato ufficialmente, dunque attendiamo ulteriori sviluppi, sui quali vi terremo aggiornati.

Via