“Designed with our friends at Google” potrebbe sostituire il programma Nexus

LG e Google dovrebbero presentare domani due nuovi smartwatch, i primi a utilizzare Android Wear 2.0. Nei mesi scorsi erano circolate molte voci sulla possibilità che due smartwatch fossero commercializzati con il brand Nexus o che, com’è accaduto per i Google Pixel, non riportassero il nome del produttore.

Sembra invece che il colosso di Mountain View sia intenzionato a lasciare maggiore libertà ai partner commerciali, limitandosi a comparire come collaboratore nello sviluppo dei nuovi prodotti. Lo confermerebbe la dicitura “Designed with our friends at Google” che compare sulla confezione di vendita del nuovo smartwatch, come testimonia l’immagine di copertina.

La stessa dicitura si trova nella nuova app Coded Couture, basata sulla Awareness API di Google, dando quindi l’impressione che Google voglia lasciare l’attenzione ai partner sottolineando però di essere intervenuta direttamente nel corso dello sviluppo.

Una sorta di patrocinio che potrebbe estendersi ancora una volta alla telefonia mobile. Sembra infatti che dopo aver ricevuto un rifiuto da parte di Huawei per la realizzazione dei Google Pixel, il produttore cinese sia stato incaricato di realizzare un dispositivo di fascia media che non sarà commercializzato con il brand Pixel, quanto piuttosto con il nuovo marchio  “Designed with our friends at Google“.

Assisteremo dunque al ritorno dei dispositivi Nexus, magari con un altro nome? Google potrebbe svelarlo già domani, nel corso della presentazione di Android Wear 2.0, o approfittare del Google I/O per il grande annuncio.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Marco

    più che altro hanno grossi problemi di comunicazione. non c’è praticamente mai un punto di riferimento da cui sapere cose, che siano novità, intenzioni e quant’altro.

  • Walter

    Devono far pace col cervello.

    Punto.

  • scumm78

    Impossibile dire cosa “sembra che google” voglia fare… E’ una delle piu’ confusionarie compagnie in fatto di strategia di marketing che si sia mai visto.

Top