Recensione Lenovo Moto Z Play – La serie Z è il primo vero progetto partorito dopo l’acquisizione di Motorola da parte di Lenovo.
Il debutto sul mercato europeo è avvenuto in grande stile con la migliore interpretazione della modularità vista finora nel mondo mobile.

Dopo aver analizzato il top di gamma Lenovo Moto Z, è arrivato il momento di provare il fratello minore, Lenovo Moto Z Play.
Un altro accreditato alla appassionante sfida per la conquista della fascia media, che si è ritagliato uno spazio importante grazie ad una batteria stratosferica, prestazioni di alto livello e tutti gli attributi che un aspirante top di gamma dovrebbe avere.

Unboxing di Lenovo Moto Z Play

In confezione troverete una cover Style Shell (o Style Mods), un alimentatore rapido da 3A con cavetto non separabile e un paio di cuffiette di scarsa qualità. Presente anche lo spilletto per rimuovere l’alloggiamento di 2 nano sim e microSD.

Video recensione di Lenovo Moto Z Play

Hardware & Connettività

A livello hardware la configurazione è ottimizzata al massimo per il risparmio energetico, ma grazie all’ottimizzazione e grazie ad un software leggero, Moto Z Play è capace di esprimere ottime prestazioni.

A bordo abbiamo uno Snapdragon 625 di Qualcomm, octa core con tutti Cortex A53 operanti alla frequenza massima di 2 GHz.
La GPU è una Adreno 506, a sua volta coadiuvata da 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna espandibile.

motozplay14_tta

La dotazione extra vede l’assenza del LED di notifica, mentre sono presenti accelerometro, giroscopio, bussola, sensore di prossimità e luminosità.

Nella parte frontale, posizionato sotto al display, troviamo un lettore di impronte digitali leggermente rialzato e molto comodo da individuare sotto i polpastrelli. La sua forma squadrata non è probabilmente un fattore estetico positivo, per contro è perfettamente adatta al nostro polpastrello e consente una reattività eccellente dello sblocco.

Purtroppo non sono previste funzionalità diverse dallo sblocco e blocco con pressione prolungata.

motozplay8_tta

La connettività è completa grazie all’ LTE di Cat. 6, WiFi a/b/g/n dual band, bluetooth 4.0, NFC e GPS. Non ci sono radio FM e porta infrarossi.

VEDI ANCHE

Lenovo Moto Z Play

Parte telefonica e antenne

Lenovo Moto Z Play è un dual sim dual stand-by e tutto il reparto dedicato al dual sim è eccezionale. La gestione può essere automatica in base alle nostre abitudini, oppure personalizzata con tanto di contatti preferiti in cui diversificare l’utilizzo delle due nano sim.
Importante il fatto che installando 2 sim rimanga a disposizione lo slot per microSD.

Il telefono prende bene e non ha evidenziato alcun problema con le varie connessioni di cui dispone, certo che gli standard su WiFi (non dual band) e bluetooth (4.0) sono proprio il minimo indispensabile nel 2016.

motozplay15_tta

Prestazioni

Nonostante un hardware votato al risparmio energetico, questo device si comporta alla grande nell’uso di tutti i giorni. E’ sempre reattivo e non lo abbiamo mai visto in difficoltà.

Ottima la navigazione web, sempre molto piacevole il gaming ed efficace anche il multitasking. Insomma si comparta come un top smartphone pur con un occhio di riguardo all’autonomia.

Ergonomia, Design & Materiali

L’ergonomia ed il design non sono il punto di forza di Lenovo Moto Z Play. Non confondiamo però l’aspetto estetico con la cura e qualità costruttiva, infatti sotto questo punto di vista è assolutamente promosso.

A livello di dettagli, rifiniture e materiali è paragonabile al suo fratello maggiore Moto Z, dal quale si differenzia solo per la cover posteriore in vetro anzichè alluminio.

Il design è molto semplice e a nostro parere non troppo accattivante rispetto ai competitor, dà un po’ l’idea di essere grezzo e pesante. In effetti il peso di 165 grammi (ai quali si devono aggiungere i 10 grammi della cover) non è proprio contenuto e le dimensioni sono un filo abbondanti per un 5,5 pollici (156.4 x 76.4 x 7 mm),

motozplay12_tta

Comunque il tutto sarà ampiamente giustificato da un particolare che vedremo più avanti e che risulta la vera killer feature di Moto Z Play.

Modularità

Sulla cover posteriore del device ci sono 18 pin elettrici che servono per collegare moduli aggiuntivi. Come Moto Z permette di attaccare magneticamente delle espansioni vere e proprie. Lenovo ha garantito una compatibilità di due generazioni di smartphone con gli stessi moduli, quindi almeno per un paio d’anni si può star tranquilli.

In questo momento sul mercato potrete trovare:

Hasselblad True Zoom: trasforma Moto Z e Z Play in una vera e propria compatta con zoom ottico 10x e sensore dedicato. Prezzo: 299€
Moto Insta-share Projector: aggiunge un piccolo proiettore digitale al device. Il costo è salato: 309€
Incipio Power Pack: una batteria da attaccare con altri 2200 mAh. Sicuramente il modulo più utile (quasi indispensabile) al prezzo di 69€
JBL Sound Boost: due casse stereo da 3Watt, il risultato è paragonabile ad uno speaker bluetooth portatile di buona qualità. Audio pulito e corposo per 89€

In questa foto vedete ritratto Lenovo Moto Insta Share Projector che abbiamo avuto modo di testare. Arriverà nelle prossime settimane una recensione esauriente e comprensiva di tutti i moduli.

Display, Audio & Multimedia

Il display è una splendida unità da 5,5 pollici FHD AMOLED. Bellissimo sotto tutti i punti di vista, ha colori ben tarati e nello stesso tempo accesi, neri profondi e una grande leggibilità sotto la luce diretta del sole.

Per l’audio viene utilizzato un unico speaker che funge anche da capsula auricolare. Continuo a trovare poco funzionale questa scelta: se su Lenovo Moto G4 e Moto G4 Plus a peccare era la qualità audio in chiamata (sempre disturbata da un leggero fruscio) qui il sacrificio bisogna farlo nella funzione di altoparlante, in vivavoce o riproduzione musicale che sia.

Il volume è basso e il suono poco corposo.

Fotocamera

La fotocamera di Lenovo Moto Z Play è da 16  mega pixel, con ottica non stabilizzata F/2.0. E’ accompagnata da autofocus laser e doppio flash LED. Sulla parte frontale troviamo un modulo da 5 mega pixel F/2.2 e flash LED.

Le prestazioni sono convincenti nelle condizioni di buona illuminazione ambientale, non abbiamo mai riscontrato problemi di messa a fuoco o scarsa reattività. Moto Z Play si comporta bene sia con soggetti ravvicinati che nei panorami. Manca un filo di contrasto ma la messa a fuoco è accurata e il bilanciamento del bianco fedele alla realtà.

motozplay6_tta

Nelle foto notturne, purtroppo, riscontriamo gli stessi difetti di Moto G4 Plus (con cui condivide il sensore OmniVision PureCell Plus), ovvero un pessimo bilanciamento del bianco e una cattiva gestione del rumore. I margini di miglioramento ci sono, perchè scattando in modalità manuale i risultati sono nettamente migliori.

I selfie sono di buona qualità, la cam ha un angolo di visuale di 84 gradi ma soprattutto sfrutta bene il flash frontale anche nelle situazioni di luce intermedia.

I video sono ben dettagliati, manca la stabilizzazione ottica ma quella digitale compensa bene. Ci ha colpito positivamente la reattività dell’autofocus continuo.

Batteria & Autonomia

La batteria è da 3510 mAh, non removibile.
In accoppiata al processore particolarmente parsimonioso e ad una ottimizzazione elevata di hardware e software, Lenovo Moto Z Play è in grado di accompagnarvi a fine giornata anche con un utilizzo esasperato.

Nelle situazioni normali potrete portarlo con voi senza ricaricare per due giorni completi, coprendo oltre 7 ore di display acceso.

Con utilizzo molto intenso si passano comunque le 6 ore di schermo attivo, arrivando a sera inoltrata con almeno un 30/40 % di batteria residua.

 

Software

A bordo di Lenovo Moto Z Play c’è Android 6.0.1 Marshmallow e ci sarà ancora per poco visto l’imminente arrivo di Android 7 Nougat. Si tratta di una personalizzazione scarna e non invasiva del sistema, caratteristica benvenuta ed ottimale su un prodotto di fascia media. A differenza di ciò che abbiamo fatto con Moto Z, in questo caso spenderemo parole positive per la scelta di non appesantire la ROM, una condizione che si adatta perfettamente al dichiarato obiettivo di ottenere una grande autonomia senza sacrificare le prestazioni.

L’aggiunta principale, rispetto alle Google App preinstallate è “Moto”, un programma che racchiude 3 assistenti storicamente inseriti nei prodotti Motorola.

Moto Voice è stato ridimensionato rispetto al passato, ora permette di personalizzare la frase di attivazione di Google Now. Oltre alla personalizzazione viene integrata una migliore precisione del riconoscimento in ambienti rumorosi, grazie ad una calibrazione accurata dell’impronta vocale.
Moto Voice include anche un lettore vocale di messaggi, mail, chiamante ecc che si attiverà automaticamente quando siamo alla guida o se ci troviamo in luoghi prestabiliti dall’utente.

Moto display è una versione evoluta del display ambient già presente nel codice di Android. Al ricevimento di una notifica lo schermo si illuminerà, mostrando alcuni dettagli della notifica (il livello di dettaglio è personalizzabile). Inoltre avvicinando il palmo della mano al sensore di prossimità lo schermo verrà riattivato.

Moto Action include diverse gesture che il device riconoscerà automaticamente, si va dall’abbassamento automatico del volume della suoneria quando lo impugniamo, all’impostazione del silenzioso voltandolo con display in basso, passando per l’attivazione della fotocamera o della torcia con movimenti particolari.

In conclusione

Lenovo Moto Z Play è un device convincente sotto tutti i profili con l’autonomia che rappresenta un vero capolavoro. Non ha evidenti difetti e le sbavature che possiamo segnalarvi non sono gravi a tal punto da sconsigliarne l’acquisto.

motozplay5_tta

I suoi deboli sono un design poco ispirato, un comparto audio leggermente sotto la media e le prestazioni in notturna della fotocamera ancora da sistemare, per il resto offre una esperienza snella e piacevole di Android, con prestazioni sempre all’altezza e una qualità generale della costruzione veramente elevata.

Migliori offerte sul web per Lenovo Moto Z Play:

Altre offerte

Pagella

8.4
Display
7.2
Ergonomia
7.5
Hardware
8.0
Software
9.2
Batteria
7.3
Fotocamera
9.0
Qualità/prezzo
9.5
Materiali
7
Audio
8.8
Esperienza Utente
8.5