Questo sito contribuisce alla audience di

Hasselblad true zoom per Moto Z e Moto Z Play, la nostra prova

Recensione Hasselblad true zoom – I professionisti e gli appassionati di fotografia sicuramente avranno avuto un sobbalzo nello scoprire che il celebre marchio svedese della fotografia Hasselblad abbia deciso di buttarsi nel mondo mobile.

In reatlà la questione non è così semplice, infatti non è stato prodotto un vero e proprio smartphone, ma un modulo di espansione che si può montare sui nuovi device Lenovo Moto Z, Moto Z Play e Moto Z Force, quest’ultimo non venduto nel nostro paese.

Nello specifico si tratta di Hasselblad true zoom, una piccola compatta che si attacca, nel vero senso della parola, alla parte posteriore dei terminali Moto Z e ne amplifica le capacità fotografiche, vediamo come funziona e come se l’è cavata sul campo.

Ergonomia e materiali

Il modulo assomiglia alla parte frontale di una macchina fotografica compatta, dove però tutto il corpo è costituito dallo smartphone. L’attacco avviene tramiete 8 pin elettrici e l’incastro è garantito dall’attrazione magnetica tra il modulo e lo smartphone.

Detta così sembrerebbe qualcosa di posticcio, in realtà il meccanismo è molto solido e non capiterà mai che il modulo si separi inavvertitamente, anzi dovrete anche fare un po’ di forza per poterlo smontare.

hasselbladtruezoom_7_tta

L’ergonomia è buona, anche perchè tutta la parte sagomata in cui si appoggiano le dita è leggermente gommata. Il corpo è in plastica ma appare assolutamente ben costruito, senza scricchiolii o imperfezioni estetiche.
Ha un peso di 145 grammi, al quale bisogna poi unire quello dello smartphone, arrivando al massimo a 310 grammi con Moto Z Play.

E’ un oggetto abbastanza voluminoso, più che altro perchè il suo sviluppo deve ricalcare l’area dello smartphone su cui viene attaccato. In profondità occupa 15 mm con obiettivo ritirato.

Non ci sono molti controlli fisici sul corpo del modulo, comunque quelli necessari per questo tipo di strumento. Troviamo un tasto power, il tasto di scatto a doppia corsa per la messa a fuoco e una classica levetta a goccia per lo zoom.

In confezione troverete una comoda custodia rigida con laccetto per il trasporto.

hasselbladtruezoom_8_tta

Hardware

Hasselblad true zoom ha un sensore BSI CMOS da 1/2.3 di pollice da 12 mega pixel, che risulta in pixel di 1,55 micrometri.

Il comparto ottico vede un obiettivo zoom (10x)  4,5 – 45 mm equivalenti ad un 25-250mm su full frame, stabilizzato, con apertura F/3,5 – 5,6 non variabile manualmente.

Sul corpo del modulo sono alloggiati due microfoni per la cattura dell’audio e un flash allo xeno.

Altri dati tecnici riguardano l’escursione ISO:100 – 3200 e la stabilizzazione elettronica abilitata in video.

Si tratta di un hardware non particolarmente interessante ad eccezione dello zoom. In particolare l’apertura F/3.5 a 4,4 mm non è significativa se pensiamo che gli stessi smartphone su cui il modulo deve essere montato le sono superiori, pur offrendo una lunghezza focale fissa.

Il sensore poi è in linea con quello degli smartphone, un po’ un peccato considerato che all’interno del modulo di sicuro non ci sono le limitazioni di spazio che invece sono stringenti sugli smartphone.

hasselbladtruezoom_4_tta

Qualità fotografica e video

Se vi aspettate un grosso miglioramento rispetto alle fotografie effetuate con lo smartphone siete sulla strada sbagliata. In fin dei conti c’è solo un aspetto tecnico che sulla carta può dargli un vantaggio, ovvero lo zoom ottico.

Le fotografie soffrono di un rumore di fondo evidente quando la luce cala e non danno un particolare boost in termini di definizione e pulizia rispetto a quelle scattate con lo smartphone.
Con buona luce potrete sfruttare l’ottimo zoom 10X che è stabilizzato in maniera sorprendente anche alla massima estensione.

versus

Di notte le prestazioni lasciano molto a desiderare, qui l’apertura massima F/3.5 rappresenta un handicap non indifferente e il software fa quel che puà per nascondere i difetti delle immagini.

Hasselblad true zoom permette di scattare fotografie raw in .dng sulle quali si può lavorare abbastanza bene in post produzione senza però riuscire a diminuire la quantità di rumore. Qui si evidenzia la buona qualità dell’algoritmo di compressione, è infatti difficile ottenere manualmente gli stessi risultati dei JPEG nativi.

L’applicazione fotocamera di motorola proporrà una sezione “H” aggiuntiva nel momento in cui attivate il modulo. Al suo interno potrete selezionare lo scatto in JPEG, B&W, oppure JPEG + DNG.
E’ presente anche una modalità PRO dove poter controllare tempi di scatto, ISO, WB, fuoco e compensazione dell’esposizione. Eventualmente potrete decidere di rendere automatico uno dei parametri selettivamente.

I video arrivano al massimo al FullHD a 30 fps, un po’ poco considerando che gli smartphone su cui viene montato il modulo sono capaci di registrare fino al 4K. In video poi abbiamo riscontrato grossi problemi nella messa a fuoco, sia continua che spot.

La qualità è migliore, in proporzione, rispetto a quella fotografica. L’arma in più è costituita ancora una volta dallo zoom ottico ma l’utilizzo del modulo è obbligatoriamente circoscritto alle condizioni di buona luminosità perchè con il buio andiamo piuttosto male.

In conclusione

Hasselblad true zoom è un ottimo concept, nasce dall’idea di fornire qualcosa in più allo smartphone per aumentarne le capacità fotografiche.

Le sue dimensini e la portabilità sono un buon compromesso e permettono di non rinunciare alla flessibilità e compattezza che caratterizza la fotografia da smartphone.
Purtroppo, però, c’è una considerazione importante da fare, il prezzo di listino di 299€ è piuttosto salato e supera quelli di compatte di buona qualità, in grado di offrire un pacchetto hardware avanzato e prestazioni superiori.

Alla luce di questo ci saremmo aspettati una componentistica di maggior qualità e, di conseguenza, performance migliori sia in foto che video.

Il tempo comunque è tutto dalla parte di Hasselblad e Lenovo, bisogna lavorare per ottimizzare il software e magari abbassare leggermente il prezzo per rendere True Zoom una alternativa credbile ad una macchina fotografica compatta.

Migliori offerte per hasselblad true zoom

Lenovo Moto Z è disponibile in offerta su Amazon a 209.00 euro. Si trova online anche su molti altri negozi, contiamo circa 9 offerte. Se invece sei interessato alle caratteristiche puoi leggere la scheda tecnica di Lenovo Moto Z.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • aleandroid14

    Bella merda sto modulo fotografico, con 300/350€ si può comprare una reflex entry level anche se non è il caso visto che parliamo di qualcosa di portatile o una mirrorless “compatta” valida con sensore aps-c tipo la Sony a5000 (forse si trova anche un a5100 usata che è anche meglio) altro che sto pattume con un sensore da smartphone che fa foto nettamente peggiori dei top cameraphone.
    Un sensore da 1/1.7 o 1/1.5 potevano metterlo almeno e un diaframma più ampio.

    • Michele

      Stesso parere, o un telefono o una macchina fotografica (almeno per io momento) dato che questi plus non sono poi un granché

      • aleandroid14

        Gli smartphone hanno raggiunto dei livelli interessanti si possono fare scatti discreti/buoni, presentare un modello che fa foto peggiori di uno smartphone non è proprio il massimo.
        Non si può vedere il nome Hasselblad su quella ciofeca, che commercialata.

        • Michele

          Interessanti si, ma se uno vuole fare delle foto fatte come si deve un telefono non è il massimo, anche se bisogna ammettere che per essere così compatti il sensore fotografico (e il software) fanno un buon lavoro

          • aleandroid14

            Sì è vero, basterebbe mettere un sensore da 1/1.7 o 1/1.5 come quello del lumia 1020 e già sarebbe un’altra storia, peccato che la gente voglia sottilette quindi non so se lo faranno mai.
            Ovviamente se si vuole ottimi scatti si prende altro, però non è comodo portarsi dietro tutta l’attrezzatura ogni volta.

Top