Telegram, la celebre applicazione di messaggistica istantanea nonchè principale rivale di Whatsapp, sta ricevendo in queste ore un nuovo, importante aggiornamento. Con questo update, la piattaforma aggiunge ulteriori funzionalità, che la pongono al di sopra di qualunque concorrente nel settore, se non per numero di utenti, almeno per vastità dell’offerta.

Dopo i vari aggiornamenti che hanno portato i canali e il supporto ad Android 6.0 Marshmallow, adesso Telegram, come vi avevamo anticipato, introduce due features che erano state richieste a gran voce da molti degli oltre 60 milioni di utilizzatori abituali.

La prima novità riguarda l’introduzione degli amministratori all’interno dei gruppi. Come spiega Telegram stessa sul proprio sito ufficiale, infatti, fino ad oggi si era lasciata molta libertà a tutti i membri di un gruppo poichè si pensava a numeri di partecipanti facilmente gestibili in piena democrazia.

Tuttavia, poichè la piattaforma consente di creare chat collettive con un ammontare massimo di membri pari a 200, è nata l’esigenza di nominare alcune persone che potessero regolamentare le suddette conversazioni. Ecco quindi che arriva la possibilità di nominare degli admin, i quali saranno gli unici ad avere i permessi necessari per aggiugere altre persone al gruppo, espellere quelle già presenti, cambiare la foto profilo della chatroom e modificarne il nome.

telegram_admin

La seconda feature riguarda i supergruppi: avete capito bene, stiamo parlando di gruppi che possono raggiungere la bellezza di 1000 (mille) partecipanti! Utilissimi per chi intendesse organizzare un evento oppure riunire tutti gli studenti di una scuola o gli impiegati di un’azienda. Naturalmente Telegram ha dovuto imporre regole diverse per i supergruppi: le notifiche sono gestite in modo intelligente, con meno avvisi al ricevimento dei messaggi e all’inserimento di nuovi membri; i nuovi arrivati possono visualizzare tutti i messaggi scambiati prima del loro ingresso nel gruppo; un messaggio cancellato dall’admin non sarà più disponibile per nessun altro partecipante; i supergruppi sono silenziati in modo predefinito.

telegram_supergroup

Abbiamo anche un terzo miglioramento, che riguarda i canali: adesso, infatti, è presente (solo su Android) la possibilità di condividere rapidamente un messaggio o un media direttamente dalla chat, utilizzando un apposito pulsante.

Insomma, importanti passi avanti per la piattaforma di Pavel Durov, che sembrano dare i risultati sperati. Non sono l’unico, infatti, a ricevere sempre più notifiche per comunicarmi che qualche mio contatto si è unito a Telegram.

Cosa ne pensate? Da che parte vi schierate? Telegram o Whatsapp? O entrambi? Scaricate o aggiornate l’app tramite il badge qua sotto e dite la vostra nei commenti.

Android app sul Google Play

Via