Google passerà alla ricerca semantica

“Quanti mesi ci sono in dieci anni?”, “Qual è la radice quadrata di 104919?”, “Come si chiamava il nonno di Leopardi?”. Queste sono solo alcune delle infinite possibili domande che sarà possibile formulare e sottoporre a Google. Quello che è diventato il motore di ricerca per eccellenza passerà infatti nel corso dei prossimi mesi alla “ricerca semantica”: tale cambio permetterà la ricerca in un vastissimo database contenente le informazioni necessarie a collegare parole e fatti.

Parafrasando le parole di un dirigente della società di Mountain View, se un utente cercherà “lago di Garda” non troverà solo i siti web che parlano del lago di Garda, ma riceverà anche informazioni come la posizione, l’altitudine, la temperatura media, le località vicine e così via. In questo modo sarà possibile, attraverso l’impiego di semplici domande, ricevere le informazioni necessarie senza dover scartabellare tra mille differenti siti web.

Secondo Engadget l’intento malcelato è di aggredire i social network, ma non vedo la connessione tra le due cose. Voi cosa pensate? Questa cosa semplificherà le vostre vite oppure ve le renderà più complicate, ora che si sa come “ragiona” Google e quindi è possibile ricavare i risultati migliori?

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • http://twitter.com/Valeriowho83 Valerio Carollo

    Magari dico una cavolata, ma Bing non era nato con questo intento?

    Sul fatto di migliorare o meno la nostra vita, sarà solo questione di abitudine e di avere un po’ di pazienza per adattarsi. Per me, una volta imparato a “dialogarci”. sarà molto più semplice trovare quello che si cerca, e anche in maniera più recisa.

  • http://www.facebook.com/people/Marco-Provvedi/1543457823 Marco Provvedi

    Scontata la competizione con Wolfram Alpha.
    Engadeget probabilmente ha intuito una possibile concorrenza con i social network perché Google, sicuramente, includerà questa funzione in Google+, attirando maggiormente l’interesse verso il proprio social network. Non so in che modo potrebbe implementarlo. Forse in modo che si possano riscontrare somiglianze con gli altri utenti, ad esempio: “A chi piace il film American Pie tra i miei amici?”, “Chi si è registrato nella località Pincopallino?”, ecc.

  • Pippulo

    scopiazzare da wolfram alpha insomma…

Top