Google+ verso il declino? Si, no, forse

Nel preciso istante in cui Vic Gundotra ha annunciato la sua decisione di abbandonare Google dopo 8 anni di onorato servizio, sono stati in tanti a porsi domande sul futuro di Google+.

Cosa succederà al social network di Mountain View? Il colosso statunitense continuerà a supportarlo ed a migliorarlo o, al contrario, assisteremo ad un rapido declino in favore di altri progetti?

Stando ad alcune fonti vicine all’azienda statunitense, Google+ sarebbe ormai considerato non più un prodotto quanto una piattaforma vera e propria, tanto da non essere più ritenuta in competizione diretta con altri social network come Facebook e Twitter.

Se da una parte un portavoce di Google nelle scorse ore ha reso noto che l’addio di Gundotra non avrà alcun impatto su G+, Hangouts e Photos, dall’altra parte sono in tanti a ritenere che all’interno del colosso di Mountain View sia in atto una vera e propria redistribuzione di risorse, con 1.000/1.200 dipendenti che presto potrebbero cambiare attribuzioni e funzioni.

Una cosa è certa: quando il leader di un’azienda annuncia il proprio abbandono, solitamente nelle settimane successive le novità (o rivoluzioni?) non mancano. E considerato che Vic Gundotra era forse il maggior sostenitore di Google+, chi scommetterebbe sul suo futuro?

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Gigi

    Bah… chi pensa che Google+ sia un morto che cammina, probabilmente non l’ha mai usato o se l’ha usato ci è stato 5 minuti e poi non ci è entrato più.
    Tantopiù che ci vuole coraggio a definirlo morto quando ha superato anche Twitter come numero di utenti (ricevo quasi quotidianamente notifiche che mi avvisano che qualche contatto della mia rubrica si è registrato a G+).
    Io personalmente lo trovo ottimo, anni luce migliore di Facebook, senza tutti i bimbominchia e con una qualità dei contenuti condivisi decisamente più elevata del concorrente.
    Mi è stato utile per conoscere tantissimi amici, lo uso per seguire centinaia di persone interessanti ed ha una gestione dei contatti/contenuti dalla quale tutti dovrebbero imparare.
    In un certo modo mi ha aiutato anche lavorativamente.
    Se poi in futuro diventerà il centro di tutti i servizi Google io sarò il primo ad esserne felice ed appoggiare questa scelta, in fondo già lo è ora e a me piace molto.
    Ma questo sarebbe un passo avanti per il social network, non certo un ridimensionamento, quindi forse l’espressione usata da techcrunch non è delle più felici (visto che ha una connotazione negativa).
    Io avrei usato magari altre parole.

  • MaxArt

    A me Google+ piace molto e non sto neanche ad elencare i pregi che molti di voi sapranno.

    Quello che non va è l’aver cercato di metterlo in mezzo a tante cose che con Google+ non avevano a che fare. Perché i commenti di Youtube dovrebbero andare su G+? Si riempirebbe solo di spazzatura. Lo stesso se condivido un video: perché deve apparire tra i commenti di Youtube?

    Se recensisco un’app, o un ristorante, perché dovrebbe apparire su G+? Tenete presente che non mi seccherebbe usare il profilo di G+, ma le recensioni teniamole nel posto delle recensioni, please. Sulla pagina del social ci metto la roba più comune.

    Poi, semmai dovessi cercare una recensione e G+ mi dicesse “il tuo amico Tizio ha recensito questo luogo” allora avrebbe tutto molto più interesse.

    Quindi, se cambia l’idea di forzare la gente su Google+ mi sta bene. Mi dispiacerebbe molto se sparisse.

  • Antonio Gioia

    Io uso solo Google + da poco e ho abbandonato Facebook.Solo x questo +
    Chi non lo conosce parla del nulla……
    Io per esempio nelle varie community sono costretto a scrivere in Inglese, addirittura anche nelle community Italiane comunichiamo in ENG.
    Facebook e’ per un utilizzo alla Carlona solo x sparare M…….. mentre G+ e’ molto piu’ specifico.

    PS : Su G+ si comunica quasi sempre in ENg che per me e’ cosa BUONA +

  • Andrea

    Comunque se vi fate un giro su Google+, tra le community ad esempio, vi rendete conto che è tutt’altro che in declino

  • marco

    bah, esprimere un opinione per te è “tutto sto casino”? In ogni caso a me G+ fa letteralmente CAGARE ma ora come ora non posso disattivarlo perchè mi viene preclusa la possibilità di usare altri servizi e la cosa non è certo molto corretta.

    • Andrea

      Perché vedete Google+ come un servizio aggiuntivo e non quello che in realtà è: un aggiornamento del profilo di Google, cosa che comunque avevi già prima… hanno solo cambiato nome ed aggiunto qualche funzione

      Potevate usare Google Drive,Youtube e gli altri servizi Google senza un profilo Google? Non mi pare

      L’unico errore di Google secondo me è stato quello di dare la possibilità di eliminare il profilo Google+

      Ed in ogni caso, anche avendo il profilo Google+ attivato, se non lo usi che fastidio ti da?

      p.s.
      Per curiosità… quali sono gli altri servizi di Google che non usi?

  • alexanderi96

    lo sbaglio di google e’ stato unificare tutti i suoi servizi ed incentrarli su g+ , sarebbe stato tutto piu’ semplice gestire una cosa alla volta e all’ occorrenza tagliarla (non che g+ debba essere tagliato )

  • Aries

    Googleche?

  • Theo

    La gente è abitudinaria, e il fatto che non abbia lasciato Facebook per G+, nonostante l’enorme vantaggio dato da Android, Youtube, Gmail e tutti gli altri servizi Google e la poca trasparenza sulla privacy del diretto concorrente ne è una conferma. Bisognava trovare quella cosa che convincesse davvero la gente a fare il passaggio (pochi hanno voglia di sbattersi tra più social network) e, mi spiace dirlo, non ci sono riusciti, all’utente medio non importa di Hangouts, della UI leggera o dell’integrazione col Play Store, ma va sul più usato, un po’ come succede per Whatsapp.

    • danitkd93

      E come fai a diventare il più usato dopo un periodo di monopolio di Facebook? Punti sull’offrire una esperienza migliore, più Social, più completa e lo fanno anche integrando hongouts, ui leggera, integrazione con play Store, ecc. Per il resto ci vuole tempo..

  • marco

    G+ ha l’unico irritante difetto di essere costrittivo. Se uno vuole usare i servizi google deve per forza essere iscritto li cosa che ovviamente lo ha reso odioso ai più.

    • stefix19

      Ma se almeno funzionasse….ho un profilo YouTube collegato a Google+ e dal cellulare nn mi fa inserire questo profilo. ..un disastro. ..

    • danitkd93

      Essere iscritto è fondamentale per ogni Social!! È il modo per darti una identità!! Anzi qui si parla di tanti diversi servizi, tutti ben collegati e che funzionano con una unica iscrizione (creando un account Google), ma di che vi state a lamenta???

      • marco

        che non VOGLIO usare G+. Non mi interessa il social network mentre mi interessano altri servizi (e nemmeno tutti), è tanto difficile da capire? Il fatto che ne sia costretto e quindi debba andare a disattivare tutte le feature (tipo la condivisione foto) è una seccatura.Ho disattivato pure l’ app dal nexus dal momento che non mi permette di eliminarla completamente

        • ” Non mi interessa il social network mentre mi interessano altri servizi (e nemmeno tutti)”
          Ecco, anche altri servizi di solito non interessano ma siete obbligati ad averli… ma tutto questo casino lo state facendo solo per Google+, senza considerare poi che un profilo pubblico lo avevate anche prima (ma all’indirizzo profiles.google.com invece di plus.google.com), quindi se non postate niente sul profilo e non inserite dati non vi cambia praticamente niente da prima!

      • Gigi

        Purtroppo la gente se non si lamenta per qualcosa non è contenta

    • Concordo, lo stesso vale per me.
      Faccio parte dei milioni di persone che hanno un profilo G+ che NON ho MAI usato, disattivando tutto.

    • renato

      mabbona anche su ios e windowsphone per esempio se vuoi utilizzare i lori servini per esempio gli store devi essere iscritto

  • Google tempo fa sbandierava con soddisfazione l’enorme crescita di utenti avuta su G+, bene, peccato che per lasciare le recensioni delle app sul PlayStore devi per forza avere un profilo G+ quindi moltissima della gente che si è registrata lo ha fatto solo per le recensioni e non per utilizzare direttamente G+!

    • Manuelicata

      Quoto alla grande!
      Una sorta di costrizione per alcuni..Di certo non per me, ma molti neanche sapevano cosa era G+!

      • danitkd93

        Cosa c’è di sbagliato nel creare un ecosistema? La chiave per entrare in quel ecosistema è avere un account Google. Qual’è il problema??

        • Manuelicata

          Sono un utilizzatore di smartphone con OS Android da 2008!
          Ho sempre sostenuto fieramente Android e Google in tutto, tantè che ho acquistato mako e razorg…
          Però vantarsi della grande crescita di utenti di G+ quando alla fine si è automaticamente iscritti non mi sembra giusto, tutto qui :)

          • Parlano però anche di utenti attivi, non solo iscritti :)

          • Gigi

            Esatto, vaglielo a spiegare :-D

        • Non c’è nessun problema nel creare un ecosistema il punto è che per utilizzare a pieno le funzioni del PlayStore *devi* avere ANCHE un profilo G+ oltre che ovviamente un account Google.
          E’ chiaro che così facendo ci saranno milioni e milioni di nuovi utenti su G+ ma alla fine dei conti sono tutte iscrizioni obbligatorie e non perché ad un utente effettivamente va di utilizzare G+.
          Probabilmente Google pensava che obbligando un utente ad iscriversi questo avrebbe poi automaticamente anche usato G+, cosa che invece mi sembra di capire che non sia successa.

          • Gigi

            Ti sembra di capire male, leggi sopra ;-)
            E per la cronaca gli utenti attivi di. G+ hanno superato quelli di Twitter e sono dietro solo a Facebook

    • Gigi

      Se avessi letto le notizie dove si parla della crescita di utenti su G+ con serenità e senza essere accecato da questo odio represso avresti scoperto che si parla di utenti “attivi” i, che cioè creano e condividono contenuti, quindi sono già esclusi i profili “fantasma”

      • Ma quale odio represso… se G+ chiudesse domani poco mi importerebbe e mi passerebbe nell’indifferenza più totale essendo un servizio che non ho mai usato.
        Non ho citato volutamente gli utenti attivi non sapendo quanti siano in realtà resta il fatto che G+ sia pieno di profili inutilizzati per i motivi già citati.

Top