Google spiega come funzionano i rimborsi delle applicazioni, anche oltre i 15 minuti

play store

Negli ultimi mesi, Google ha introdotto diverse modifiche al sistema di restituzione delle applicazioni acquistate attraverso il Play Store e ha fatto in modo che gli utenti potessero ricevere un rimborso anche dopo che i 15 classici minuti fossero trascorsi. Ma come funziona il tutto precisamente?

E’ molto semplice e adesso lo vedremo con l’aiuto di AndroidPolice, che ci permette di aggiungere ulteriori dettagli a quanto già sapevamo. Partiamo col vedere i rimborsi istantanei, che hanno attirato l’attenzione di molti utenti e che vedremo in seguito meglio, dato che Google ha voluto chiarire il tutto.

Rimborsi istantanei e oltre i 15 minuti

Molti di voi già sapranno (altri lo scopriranno ora) che è possibile richiedere un rimborso anche oltre i 15 minuti. Come? E’ molto semplice la procedura. Dovete recarvi nella pagina del Play Store dove sono elencati i vostri acquisti e cliccare sul tasto menu posizionato vicino all’applicazione che volete vi venga rimborsata, selezionare “Segnala un problema” e poi nel menu a tendina scegliere “Vorrei richiedere un rimborso”. A questo punto, vi si aprirà una finestra in cui Google vi chiederà di spiegare le motivazioni per cui vorreste il rimborso, che saranno valutate in modo tale da concederlo o meno. Poco dopo l’invio della richiesta, riceverete un’email che vi notificherà che vi è stato accordato il rimborso (almeno nella maggior parte dei casi). In passato però erano gli sviluppatori a ricevere la richiesta di rimborso dell’utente e a valutare se concederlo oppure no, mentre da qualche mese se ne occupa direttamente Google, senza che agli sviluppatori venga notificato niente. Il denaro speso viene restituito all’utente, ma l’applicazione resta collegata al suo account e può essere installata quindi in qualsiasi momento.

Come funzionano i rimborsi

Google ha deciso di rispondere in via ufficiale alle diverse email sull’argomento inviategli di AndroidPolice e così possiamo finalmente fare chiarezza sui rimborsi e su quanto visto sopra. Ci sono tre tipi di rimborsi e adesso li vedremo insieme.

  • Il primo, nonché il più immediato, è quello che vi permette di restituire l’applicazione entro 15 minuti dall’installazione, con conseguente sua disinstallazione e rimborso del denaro speso.

Il secondo e il terzo sono più o meno simili, ma con alcune differenze sostanziali, che adesso vedremo così da fare chiarezza definitivamente. Entrambi possono essere richiesti attraverso la procedura che abbiamo visto in precedenza.

  • Il secondo offre all’utente la possibilità di restituire l’applicazione dopo i 15 minuti ed entro le 48 ore dall’acquisto. Se Google dovesse concedergli il rimborso, l’applicazione verrà rimossa dall’account e il denaro restituito all’utente sarà prelevato dal conto dello sviluppatore.
  • Il terzo caso permette all’utente di richiedere il rimborso nel tempo successivo alle 48 ore dall’acquisto (anche dopo 2 anni). Google può scegliere di concedergli il rimborso, ma con due differenze rispetto al punto precedente. In questo caso, se gli dovesse essere concesso il rimborso, l’applicazione resterà collegata all’account dell’utente (che potrà continuare a installarla e usarla) e il denaro non verrà prelevato dal conto dello sviluppatore, ma da quello di Google, che ha sottolineato un aspetto. Per evitare che i furbetti possano approfittare della cosa per avere applicazioni gratis, ha realizzato un meccanismo di valutazione delle richieste di rimborso che però ha rifiutato di approfondire (anche se immaginiamo che si basi sulla frequenza e sulla quantità delle richieste).

Finalmente abbiamo un quadro completo sulla restituzione delle applicazioni e sul suo funzionamento e non possiamo non sottolineare il fatto che Google abbia deciso di proteggere gli sviluppatori dagli utenti furbetti e da rimborsi richiesti, magari, dopo anni dall’acquisto.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Guido

    Anche a me a fine marzo mi sono state addebitate due app senza averle mai richieste. Ho inviato la richiesta di rimborso a Google, ma alla fine della procedura il sistema si è bloccato con la scritta “si è verificato un errore”… Credo poco in questa procedura di rimborso (per non dire di peggio…).

  • firefox82

    Da sviluppatore sono contento perché è un ottima politica che difende sia l’utente sia lo sviluppatore, direi che era ora!!!

  • DvxMeaLvx

    Ottimo metodo per esigere il rimborso di apps non più supportate dai vari sviluppatori. Visto che sono state pagate,lo sviluppatore dovrebbe sempre garantire un minimo di supporto.

  • Ho provato svariate volte ad inviare la richiesta a Google ma quando premo “Invia” il Play Store mi notifica dicendo che “Si è verificato un errore” e non manda un accidente… quando si devono dare i soldi indietro ci sono sempre tanti di quegli “errori”… :)

    • Capito qual è il problema. Non è possibile richiedere rimborso per acquisti in-app. Peccato!

      • DvxMeaLvx

        per quelli mi sa che devi contattare direttamente lo sviluppatore. L’ho fatto qualche volta e mi hanno rimborsato.

        • Sì infatti ho fatto anch’io così in passato. Peccato che non tutti gli sviluppatori ti rispondano!

Top