Google proverà a combattere la diffusione dell’AOSP semplificando il processo di certificazione

g-apps

 

Android è un sistema operativo open-source il cui codice sorgente è disponibile per tutti. La libertà di cui gode l’OS rappresenta il vero e proprio punto di forza dell’intero ecosistema che gira attorno al robottino verde ma, come sempre accade, tale libertà genera anche delle “conseguenze”.

I software sviluppati da Google, le cosiddette Gapps, non fanno parte del sistema operativo e devono essere installate separatamente: trattandosi di software proprietario, Google concede il diritto di utilizzare e preinstallare le Gapps solo dopo il superamento di un processo di approvazione.

Per non sottostare al suddetto processo tantissimi produttori in tutto il mondo scelgono di offrire una versione di Android interamente AOSP (Android Open Source Project), senza alcun servizio Google (compreso il Play Store).

Il colosso della ricerca sta tentando da tempo di contrastare questo problema (Android One è nato proprio a questo scopo) e, stando ai rumor emersi quest’oggi, starebbe valutando anche alcune nuove linee di azione per il futuro:

  • processo di certificazione semplificato per venire incontro alle esigenze dei piccoli produttori;
  • accordi con gli ODM (Foxconn, Quanta etc.), ovvero con i produttori che realizzano device e li vendono ad altre aziende le quali li rivenderanno a loro volta con il proprio marchio.

Non sappiamo quali condizioni verranno proposte da Big G per incentivare ODM e piccoli produttori, tuttavia siamo certi che se l’operazione dovesse andare in porto l’uniformità dell’ecosistema Android ne beneficerebbe notevolmente.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Walter

    I produttori alternativi che ricorddono ad AOSP di solito lo fanno non tanto perché il processo di certificazione sia complicato, ma più semplicemente perché i prodotti che realizzano molto probabilmente quel percorso non lo supererebbero.

    A partire dei vari chinaphones che non rispettano le normative internazionali, spesso vengono venduti con IMEI e logo CE contraffatti e così via…

    Google può semplificare quanto vuole, ma amenoché a Mountain View non decidano che sia strategicamente vantaggioso chiudere un occhio e mezzo, le cose non penso cambieranno drasticamente.

  • Pingback: Google proverà a combattere la diffusione dell’AOSP semplificando il processo di certificazione - RSS News.it()

Top