Amazon: il termine “app store” non può essere brevettabile

Approfittando dell’assurdità del sistema brevetti USA, che permette di brevettare quasi qualunque cosa, Apple ha depositato un brevetto sul termine “app store”. Microsoft è subito insorta, dichiarando che app store “è un termine troppo generico per essere brevettato”. La mia opinione personale è che sarebbe come brevettare la parola “automobile”. Amazon, che ha recentemente aperto il suo store online per le applicazioni Android chiamato “Amazon Appstore“, si è vista trascinata in una causa da parte di Apple proprio per l’utilizzo del termine brevettato. Amazon ha dunque deciso di perseguire la stessa linea di Microsoft, dichiarando che il termine “app store” non può essere brevettato perchè esprime un concetto troppo vago e comunemente usato nell’ambito informatico. E proprio per questo, la linea difensiva include una citazione dello stesso Steve Jobs, patrono di Apple:

“So there will be at least four app stores on Android, which customers must search among to find the app they want and developers will need to work with to distribute their apps and get paid. This is going to be a mess for both users and developers. Contrast this with Apple’s integrated App Store, which offers users the easiest-to-use largest app store in the world, preloaded on every iPhone.”

Tradotto:

“Quindi ci saranno almeno quattro app store su Android, tra i quali gli utenti dovranno cercare per trovare le applicazioni che vogliono e con cui gli sviluppatori dovranno lavorare per distribuire le loro applicazioni ed esser pagati. Sarà un caos sia per gli utenti che per gli sviluppatori. Mettete a confronto questo con l’App Store integrato di Apple, che offre agli utenti l’app store più semplice da usare del mondo, pre-caricato su tutti gli iPhone.”

Amazon fa dunque leva sull’utilizzo del termine “app store” da parte del CEO di Apple per indicare un app store generico di Android e non lo specifico della Mela.Se questa sia una linea difensiva debole ed inadeguata solo il tempo potrà dirlo, ma sicuramente è possibile prevedere come andrà a finire: se Apple vincerà, allora Amazon dovrà abbandonare il termine “app store”; in caso contrario, sarà Apple a veder annullato il brevetto.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Oracle vs Google: 129 richieste di Oracle annullate dal giudice - Tutto Android()

  • sally

    fortuna che c'è un software center senza concetto di brevetto alcuno.
    ma davvero discutono ancora di queste cose ?

    • Riccardo Robecchi

      Se discutono ancora dei concetti basilari dei sistemi operativi non c’è da meravigliarsi che discutano di queste sciocchezze. Microsoft è nota per le sue mosse contro il free software (chi ha detto Halloween?).

  • vally

    Apple ha brevettato anche il termine "mela"..quindi se dovete vendere mele in senso lato nel web dovete chiamarle in maniera diversa!

    • Riccardo Robecchi

      No, non l’ha brevettato – tant’è che esiste ancora la casa discografica Apple, grazie alla quale – se non ricordo male – la Apple Computers dovette cambiare simbolo ed adottare la attuale mela morsicata (prima non lo era!). Se qualcuno ha maggiori informazioni a riguardo, mi rinfreschi la memoria.

  • il maffone

    In realtà non è che si capisce molto bene tutta questa corsa a volersi aggiudicare un AppStore…anzi a dire il vero si capisce benissimo, se AppStore avesse 10 applicazioni che non scarica mai nessuno, sicuri che non ci sarebbe stata una protesta una sulla legittimità del brevetto!

    :-)

    • Riccardo Robecchi

      Gli app store esistono da anni. Basti pensare ai repository delle distribuzioni Linux: il concetto è identico. Il problema è che nessuno ha brevettato il termine “repository”, mentre la Apple sta brevettando il termine “app store” (come diceva MaxArt, è come brevettare “negozio di applicazioni” per descrivere un negozio di applicazioni: è assurdo!).

  • Pingback: Androidiani: Amazon Vs Apple: “App Store” non è brevettabile « Androidiani.com()

  • leocard

    Queste cose succedono anche in Italia comunque… dove le leggi sui brevetti dei brand sono troppo permissive

  • MaxArt

    Il brevetto di un termine come "app store" è solo l'ennesima porcata di un sistema di brevetti che va profondamente rivisto. Speriamo che qualche giudice deliberi cum grano salis…

    • ermans

      Che poi anche Windows è troppo generico

      • MaxArt

        Per Windows la cosa è diversa (c'è da dire che la Microsoft fu accusata proprio per questo a suo tempo, ma vinse la causa), perché Windows non è un mucchio di infissi ma un sistema operativo. Se l'avesse chiamato "Operating System" allora sarebbe stato generico.
        L'App Store di Apple invece è un "negozio di applicazioni" ed è stato chiamato "negozio di applicazioni". E sono riusciti anche a farsi brevettare il nome, non so se mi spiego.

Top