Sony conquista lo scettro di OEM più veloce negli aggiornamenti

Sony conquista lo scettro di OEM più veloce negli aggiornamenti
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/06\/sony-aggiornamenti.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/06\/sony-aggiornamenti-460x273.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/06\/sony-aggiornamenti-635x377.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/06\/sony-aggiornamenti.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/06\/sony-aggiornamenti.jpg"}, "title": "Sony conquista lo scettro di OEM pi\u00f9 veloce negli aggiornamenti" }

Nonostante tutte le critiche che si possono muovere ai terminali Sony Xperia, tra cornicionispessori importanti, peso esagerato e fotocamere con effetto acquerello, se c’è una cosa in cui il colosso giapponese è imbattibile è sicuramente il software: rapido, veloce, praticamente stock e con una rapidità invidiabile per gli aggiornamenti.

In una classifica fatta da una fonte tutto sommato autorevole come Android Authority, il brand del Sol Levante risulta infatti la più attenta e veloce a questo aspetto fondamentale nel panorama Android. In questa speciale competizione in cui gareggiavano tutti gli OEM, fatta eccezione ovviamente per Google con i suoi Pixel, Sony si aggiudica quindi lo scettro di regina degli aggiornamenti, a discapito di brand che possono vantare anche numeri nelle vendite sensibilmente più importanti.

Al secondo posto la nuova Nokia / HMD, che sta facendo molto bene e ha addirittura promesso il prossimo major update ad Android P per tutti i suoi modelli 2017 e 2018.
Terzo gradino del podio ovviamente a OnePlus, che con il suo Oxygen OS, molto leggera e quasi stock, potrebbe fare sicuramente di meglio.

Fanalini di coda, come purtroppo siamo abbastanza abituati a vedere negli ultimi anni, Samsung (classificatasi decima) ed LG (all’undicesimo posto). Peggio di loro solo Razer, che però è parzialmente giustificata perché debuttante con il suo primo smartphone Razer Phone.

Che dire: non ci resta che applaudire Sony, che anche questo mese è stata la prima ad aggiornare i suoi dispositivi alle patch di giugno.

Fonte: Xperiablog