Al CES 2018 MyKronoz ZeTime, il primo smartwatch ibrido ad arrivare sul mercato

Al CES 2018 MyKronoz ZeTime, il primo smartwatch ibrido ad arrivare sul mercato
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/mykronoz-zetime-ces-2018-presentazione-460x230.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/mykronoz-zetime-ces-2018-presentazione-635x317.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/mykronoz-zetime-ces-2018-presentazione.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/mykronoz-zetime-ces-2018-presentazione.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/mykronoz-zetime-ces-2018-presentazione.png"}, "title": "Al CES 2018 MyKronoz ZeTime, il primo smartwatch ibrido ad arrivare sul mercato" }

È finalmente ufficiale il lancio di (anzi dei) MyKronoz ZeTime. I tanti entusiasti che ne avevano adocchiato già il progetto nelle campagne di raccolta fondi avviate su Kickstarter e Indiegogo potranno ora rallegrarsi: le due varianti dello smartwatch saranno presentate nelle prossime ore a Las Vegas al CES 2018.

Sono stati oltre in 35.000 a sostenere il progetto ormai diventato realtà, dimostrazione questa dell’interesse generale che abbraccia un dispositivo annunciato che è stato quasi un anno fa. Non giungono a caso i vari riconoscimenti che lo hanno eletto, fra le altre gratifiche, come prodotto più finanziato del 2017 e come smartwatch più sostenuto nella storia di Kickstarter.

Per tutti gli altri che non ne avessero mai sentito parlare, la particolarità di MyKronoz ZeTime è il suo essere il primo smartwatch ibrido. Ciò significa che si tratta di un orologio che, per un verso rimane fedele alla tradizione essendo dotato di un meccanismo meccanico, mentre per l’altro incorpora un display touchscreen alla stregua dei più moderni smartwatch.

Due le varianti che saranno presentate al prossimo CES 2018: MyKronoz ZeTime Petite con quadrante da 39 mm, millimetri che arrivano a 44 invece per il Regular. In quanto a personalizzazione, oltre alle tre colorazioni di base, lo smartwatch sarà disponibile con una grande varietà di cinturini e casse.

Le funzionalità sfruttabili attraverso il display di ZeTime (da 1,05 pollici per la variante Petite, 1,22 pollici per la Regular, entrambi con risoluzione di 240 x 240 pixel) sono fondamentalmente le solite che possiamo aspettarci da un dispositivo del genere: vedere le chiamate in arrivo, leggere le notifiche, oltre ai vari controlli. A queste si aggiungono inoltre alcuni extra come la resistenza all’acqua fino a 5 ATM, l’accelerometro a tre assi o il sensore ottico per monitorare il battito cardiaco.

L’autonomia dichiarata è di te giorni per le funzioni di smartwatch e di 30 giorni per il funzionamento della sola parte analogica, un risultato comunque superiore a quello di molti competitor. Peccato che venga utilizzato un sistema operativo proprietario al quale mancano il supporto per sviluppatori di terze parti e una profonda integrazione con Android.

MyKronoz ZeTime è associabile sia con Android 5.0 e superiori, sia con iOS 8 e superiori. 199 euro è il prezzo di partenza con cui sarà acquistabile.

Vai a: Miglior smartwatch con e senza Android Wear

Fonte: Notebookitalia
Condividimi!