Samsung Galaxy S6 e S6 Edge: problemi di produzione e prezzi salati?

Il 1 Marzo si avvicina e i rumor riguardanti il Samsung Galaxy S6 crescono a dismisura. Quest’oggi partiamo con due notizie non proprio positive, entrambe diffuse dalla redazione di ArsTechnica che le avrebbe ricevute a sua volta da un operatore mobile europeo.

La prima riguarda esclusivamente il Samsung Galaxy S Edge (o Galaxy S6 Edge). La produzione del nuovo smartphone curvo – che a differenza del Galaxy Note Edge dovrebbe arrivare immediatamente sul mercato di massa – starebbe incontrando non pochi problemi. Ciò è abbastanza normale per un prodotto esclusivo e dalla difficile realizzazione ma se l’inconveniente non venisse risolto l’azienda potrebbe essere costretta a rimandare il lancio del dispositivo.

La seconda indiscrezione riguarda invece i prezzi, che dovrebbero essere piuttosto salati. Vediamoli insieme:

  • 749 euro (32 GB), 849 euro (64 GB), 949 euro (128 GB) per il Samsung Galaxy S6;
  • 849 euro (32 GB), 949 euro (64 GB), 1.049 euro (128 GB) per il Samsung Galaxy S Edge.

I prezzi potrebbero essere leggermente più bassi per le versioni no-brand, ma non è il caso di aspettarsi cifre popolari o abbordabili per tutti.

Tralasciando per un attimo il discorso economico, Samsung sta continuando a divertirsi con i rumor emersi nel corso delle ultime settimane. L’azienda ha da poco pubblicato una nuova immagine che sconfessa la possibilità che il Galaxy S6 sia realizzato interamente in vetro. La trovate in copertina.

Via (1), (2)

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Samsung apre lo stream LIVE per MWC 2015 - Tutto Android()

  • Periplo

    Che ci siamo surrugati è una realtà ma paragonarli è un tantino eccessivo…..
    Ho un Xiaomi Mipad e sulla carta è un top……ma a livello software sti cinesi sono 2 o 3 anni indietro !!!!
    Non volerlo ammettere è solo campanilismo e rosico da “non lo posso comprare quindi ci sparo merda sopra”…..

  • elros mente

    tanto le persone li compreranno lo stesso,manco con una pistola alle tempie le convinceresti che uno (esempio al volo) xiaomi mi4 è un dispositivo top che costa meno della metà.

    poi per gli internauti che sono interessati non penso avrete difficoltà ad aspettare un mesetto per vedere i primi tagli netti di prezzo,anche se avrà ugualmente un prezzo sopra i 350 euro,prezzo che ormai per me è diventato indicativo per i dispositivi di fascia alta più costosi in quanto è una realtà,tutto quello che costa di più è solo uno sfizio che ci si vuole togliere

    • Hai citato un device che non passa per le principali catene distributive, quindi con un prezzo ridotto, grazie anche alla mancanza dei costi distributivi intrinseci dovuti a due o tre passaggi di rivendita e ai margini dei cosiddetti distributori. A questo aggiungi che Xiaomi non ha costi di store, centri assistenza e marketing. Perfettamente d’accordo con te sul fatto che 700euro siano uno sproposito ma non tutto il prezzo è ingiustificato. Ad esempio come funziona l’assistenza con Xiaomi?

      • Skhammy

        Assistenza non saprei. Però ho acquistato Redmi Note LTE, arrivato nei tempi previsti, all’ accensione il display rimaneva nero. Scritto allo store, mi hanno mandato moduli da compilare per descrizione problema e apertura pratica, da consegnare al corriere (corriere a loro spese) arrivato su loro indicazione il giorno dopo. A meno di 48h dall’ invio ore ho ricevuto il prodotto sostituito (IMEI sotto il cofano aveva identificativo diverso, nulla mi vietava di credere fosse vero). Quindi, non ancora provata assistenza reale, ma il servizio per il momento mi è parso coi baffi.

        • Questa è una pratica che devono applicare tutti gli store online. Il reso con sostituzione diretta è un diritto del cliente entro 14 o 30gg mi sembra qualora acquistasse a distanza. In passato io a distanza di un mese ho avuto lo stesso servizio su un Note 2 da Samsung. Io dico, qualora ci fossero problemi nei due anni, fai riferimento al rivenditore? O puoi fare riferimento al produttore? E come? Hanno centri assistenza che significano un costo aggiuntivo per l’azienda? Poi che il device valga i suoi soldi è appurato ma mi chiedo se in tutte le situazioni il risparmio sia un valore aggiunto o forse qualcosa manchi sempre…

          • Skhammy

            Buh.

            Dovesse capitare, sperando di no, racconterei.

    • Walter

      Il vento è già in parte cambiato, invece. Galaxy S4 ed S5 hanno venduto meno delle aspettative di Samsung. L’attenzione si è cominciata a spostare su prodotti con un miglior rapporto qualità/prezzo e/o prezzo/prestazioni.

Top