Com’√® ormai noto a tutti da diversi anni, Samsung sfrutta SoC Exynos e Snapdragon all’interno dei propri smartphone. Un interessante benchmark AnTuTu prende in considerazione le¬†prestazioni di¬†Samsung Galaxy S20+ con processore Exynos 990 e Qualcomm Snapdragon 865 – questa “competizione” sar√† sicuramente molto apprezzata dagli utenti italiani.

Snapdragon 865 vince il confronto

AnTuTu sottolinea che il grafico qui in basso non prende in considerazione i punteggi massimi, ma bensì la loro media. Il benchmark di AnTuTu si focalizza principalmente su cinque aspetti: punteggio totale, UX, memoria, GPU e CPU.

Partendo dal punteggio totale, si evince come Samsung Galaxy S20+ con processore Qualcomm abbia raggiunto un punteggio superiore rispetto a quello munito di processore Exynos. Si parla infatti di 539.184 punti (162.280 test CPU, 216328 test GPU, 83640 test UX e 76930 test memorie) per Snapdragon 865 e di 516.138 punti (152.905 test CPU, 215.197 test GPU, 75.463 test UX e 72.567 test memorie) per Exynos 990.

antutu benchmark samsung galaxy s20+ exynos 990 snapdragon 865

Il processore sviluppato dall’azienda sud coreana ha performance lato CPU inferiori del¬†6% rispetto alla controparte Qualcomm – sar√† per questo che numerosi utenti hanno sottoscritto la petizione per chiedere a Samsung di abbandonare i chip Exynos in favore di quelli di Qualcomm? -, mentre lato GPU non √® quasi percettibile una vera differenza fra i due SoC.

Le differenze iniziano a sentirsi quando si vanno a prendere in considerazione i punteggi relativi alle memorie e UX. La stessa configurazione di smartphone con display a 120 Hz e con 12 GB di RAM, ha visto Exynos 990 non reggere il confronto con Snapdragon 865.

In particolare pare che dal punto di vista dei test UX la variante con processore Exynos non abbia attivato il refresh rate a 120 Hz durante il test. C’√® da sottolineare che la situazione potrebbe presto cambiare, soprattutto quando Samsung rilascer√† aggiornamenti per ottimizzare le prestazioni del suo SoC.

Potrebbe interessarti anche: recensione Samsung Galaxy S20+