Il segmento degli smartphone medi di gamma Android si sta popolando sempre di più di buone proposte e HTC Desire 626 entra di diritto in questa categoria grazie ad una scheda tecnica sufficientemente completa e ad una buona ottimizzazione. Scopriamo, nella nostra recensione, come si è comportato negli ambiti specifici dell’uso quotidiano.


Unboxing

Nella confezione per la stampa che conteneva il nostro HTC Desire 626 e che dovrebbe rispecchiare il contenuto di vendita, troviamo delle cuffie auricolari standard di fattura media, il cavo dati USB/micro-USB e il carica batteria da 1A di uscita; ovviamente supponiamo la presenza anche della classica manualistica rapida nella confezione dei modelli in commercio.

HTC-Desire-626-1


Video recensione di HTC Desire 626

Di seguito trovate il nostro video che espone gli aspetti principali di utilizzo di questo smartphone.


Hardware & telefonia

La scheda tecnica di HTC Desire 626 non fa certo gridare al miracolo ma è sufficientemente completa per uno smartphone di questa fascia: troviamo infatti un processore Qualcomm Snapdragon 410 quad-core da 1.2 GHz a 64 bit, 2 GB di RAM,  il 4G LTE a 150 mps e l’NFC: La memoria interna è di 16 GB espandibili mediante micro-SD e le fotocamere sono rispettivamente da 13 megapixel sul posteriore e da 5 sull’anteriore; non mancano il LED di notifica, il sensore di luminosità (non così scontato) e di prossimità.

Potete trovare ulteriori informazioni su questo smartphone mediante il sito ufficiale seguendo questo link. Il prezzo di vendita di HTC Desire 626 non è ancora ben definito, ma dovrebbe aggirarsi attorno ai 280€, il che fa presupporre uno street-price vicino ai 250€.

Parte telefonica & antenne

La ricezione telefonica di HTC Desire 626 è mediamente buona anche se, saltuariamente, siamo incappati in momenti di assenza di segnale nonostante l’indicazione grafica nella barra di stato facesse presupporre la presenza dello stesso. L’audio dalla capsula auricolare è di buona qualità e dal volume più che sufficiente; col vivavoce, invece, potremmo aver problemi nell’utilizzo in automobile a causa di un volume non molto elevato e di una leggera tendenza al “gracchiare” dello speaker di sistema quando è regolato alla massima potenza; anche l’interlocutore ci percepisce correttamente solo se la nostra voce proviene da distanza ravvicinata. La portata del Wi-Fi è ottima ma la velocità del GPS, soprattutto nel fix “a freddo”, non è così elevata come ci si aspetterebbe.


Ergonomia, design & materiali

A livello di ergonomia, HTC Deisire 626 si comporta piuttosto bene: il terminale risulta ancora utilizzabile con una sola mano anche se va segnalata una certa scomodità di uso dei tasti del volume in quanto posizionati un po’ troppo in alto e “a filo scocca”, quindi difficilmente individuabili al tatto; il grip dato dal materiale posteriore è comunque buono. A livello di design questo HTC non brilla per le soluzioni stilistiche adottate, ma la simmetria data dalle griglie superiore e inferiore dona comunque un effetto piacevole; peccato per le cornici, sopratutto superiore e inferiore, un po’ troppo spesse per un terminale dal 2015.

I materiali sono plastici ma di qualità elevata: davvero piacevole l’effetto satinato del posteriore, anche se patisce un po’ le ditate; ottima la costruzione generale. Infine segnaliamo l’estrema scomodità nell’estrarre il carrellino per la nano-SIM e la leggera “caduta di stile” data dalla presenza di un secondo slot SIM inattivo e otturato da un “tappo” di plastica.


Display, audio & multimedia

Il display di HTC Desire 626 è una buona unità da 5 pollici con risoluzione HD: la risoluzione è sufficiente per poter scorgere i pixel solo a distanze non consone all’utilizzo comune,  i colori sono fedeli e ben tarati, i contrasti sono sufficienti (per un LCD) così come gli angoli di visione, ma la luminosità massima risulta appena sufficiente per la visione sotto la luce diretta del Sole; il sensore ad essa dedicata risulta reattivo ma con la tendenza a mantenere la luminosità un po’ troppo bassa in ambienti chiusi anche con la regolazione fine settata al massimo. Ottimo il trattamento oleofobico adottato per il vetro anteriore.

HTC-desire-626-9

L’altoparlante anteriore di questo HTC restituisce un audio dalla qualità e dal volume medio: il suono è piuttosto piatto e con la tendenza a distorcere a volume massimo; ci saremo aspettati qualcosa di più vista la tradizione “audiofila” di HTC. Presente anche la radio FM che funziona egregiamente.

Il lettore video di HTC Desire 626 è in grado di riproduttore senza problemi i file MP4 fino alla massima risoluzione di 1080p, il nostro MKV di test viene riprodotto ma senza la traccia sonora, così come il Divx con audio AC3.


Fotocamera

Come spesso accade su terminali di questa fascia, i “numeri” del comparto fotografico non rispecchiano la reale qualità: gli scatti effettuati da HTC Desire 626 risultano di buona qualità solo in condizioni di illuminazione ottimale. La definizione cala con il calare della luce ambientale ma il rumore digitale, seppur presente, rimane comunque contenuto. In condizione di luce assente il flash risulta di discreta potenza e i dettagli catturati “in notturna” sono comunque sufficienti; la velocità di messa a fuoco e scatto è nella media e la fotocamera frontale riesce a restituire dei selfie di discreta qualità. In conclusione il comparto fotografico risulta in media sufficiente se paragonato alla fascia di appartenenza, anche se era lecito aspettarsi qualcosa in più; giudicate voi stessi dagli esempi sottostanti.

Il software fotografico di HTC risulta piuttosto povero in quanto a modalità pre-installate: troviamo solo la panoramica, l’autoscatto e le foto in sequenza, tuttavia possiamo impostare manualmente le ISO, il bilanciamento del bianco e alcune scene quali l’HDR, la macro, etc.. Insomma: l’essenziale è presente e funziona bene.

HTC-desire-6262-sceens-7

I video, girati al massimo in Full HD risultano complessivamente inferiori alle foto: l’esposizione e il fuoco non sono sempre precise; anche la definizione, in senso generale, non risulta tra le migliori. Buono l’audio acquisito anche se saltuariamente possiamo avere una tendenza al “gracchiare”.


Autonomia

Nonostante i “soli” 2000 mAh HTC Desire 626 riesce a portarci a sera con uso medio/intenso grazie alla buona ottimizzazione, al display dalla risoluzione adeguata e ad un processore attento ai consumi. In caso di emergenza sono comunque presenti 2 modalità di risparmio energetico che agiscono in modo crescente sulle limitazioni alle prestazioni e sui servizi che potremo utilizzare una volta attivate.

Presente (e attiva di default), inoltre, la funzione “sleep”, che disattiva le connessioni durante i lunghi periodi di inattività; consigliamo di fare attenzione a tale funzionalità in caso di mancate notifiche push durante lo standby prolungato.


Software

Muovere una critica alla Sense 7.0 che personalizza Android in versione 5.1 su HTC Desire 626 è pressoché impossibile: ottima la gestione delle impostazioni con la ricerca rapida tra esse, ottimo il drawer con le sue personalizzazioni, ottima la galleria immagini e ottimi i temi personalizzabili nel profondo anche a livello delle sole icone – possibilità che permette di creare infinite combinazioni. I tasti a display possono essere personalizzati così come la tendina delle notifiche; presenti il sempre più completo Blinkfeed, l’applicazione “alla guida”, la modalità bambini, un’app per il backup, Zoe e tutte le classiche app HTC.

Sulla Home possiamo inoltre impostare dei widget interattivi geolocalizzati che ci mostreranno le applicazioni più utili a seconda del luogo dove ci troviamo; abbiamo inoltre delle cartelle interattive che cambieranno contenuto in base al nostro utilizzo e ci suggeriranno, ad esempio, le app da scaricare basandosi sui nostri interessi. L’unica mancanza è data dall’assenza delle gesture a display spento quali il doppio tap per sbloccare il display o le scorciatoie rapide per accedere direttamente alla fotocamera, etc.

A livello di velocità della UI HTC ha svolto davvero un ottimo lavoro: questo smartphone non ha quasi mai incertezze o rallentamenti se non in caso di raggiungimento del limite di potenza del processore; l’uso quotidiano di HTC Desire 626 è davvero appagante. Anche la tastiera è sempre pronta, veloce, precisa, dotata di swipe e di simboli in seconda funzione: nessun particolare difetto da segnalare.

Browser Web

Il browser pre-installato su HTC Desire 626 è Chrome che si comporta bene in pressoché ogni circostanza: è presente un filo di attesa nel rendering dei siti più pesanti, ma nulla di drammatico. Il browser stock di HTC è invece scaricabile da Play Store ed è altrettanto valido, con il non trascurabile vantaggio di aver il re-impaginamento automatico del testo che però costringe a qualche frazione di secondo di attesa in più.

Gaming

Il gaming su HTC Desire 626 è appagante come su tutti i terminali dotati di GPU Adreno 306: come sappiamo, i dettagli dei moderni titoli 3D non vengono riprodotti al massimo, ma ciò si traduce in una fluidità estreme e in un elevato framerate. Riguardo al surriscaldamento, questo HTC diventa piuttosto caldo nella parte posteriore durante l’uso intenso, tuttavia ciò comporta più un fastidio tattile che un calo di prestazioni durante l’utilizzo.


In conclusione

HTC Desire 626 è uno smartphone che convince grazie al suo equilibrio generale dato da un software davvero completo e funzionale. Anche a livello hardware, pur non essendo ovviamente a livelli dei top di gamma, troviamo tutto il necessario per tutta quella tipologia di utenti che non hanno bisogno di potenza estrema o del massimo delle prestazioni fotografiche.

In conclusione, HTC Desire 626 risulta promosso al pari di tanti altri ottimi concorrenti quali Moto G, Xperia C4, Zenfone 2 etc.. Scegliete in base a ciò che conta di più per voi valutando le piccole/grandi differenze che intercorrono tra questi ottimi modelli. Come di consueto vi lasciamo ai nostri voti.

Migliori offerte sul Web per HTC Desire 626 Nessuna offerta al momento

Pagella

7.8
Display
7.5
Ergonomia
7.5
Hardware
8.5
Software
7
Batteria
6.5
Fotocamera
7.5
Qualità/prezzo
7
Materiali
6.5
Audio
8
Esperienza Utente
8

Nota: i voti parziali sono assegnati cercando di rispettare una scala che comprenda il maggior numero di dispositivi in commercio. Il voto generale è slegato dai parziali e sta ad indicare il giudizio complessivo che possiamo assegnare al terminale dando pesi differenti agli aspetti che riteniamo più importanti. (Es: uno smartphone che ha un’ottima fotocamera, un ottimo display e ottimi materiali, ma che risulta inutilizzabile perchè troppo lento avrà i parziali relativi elevati, ma un voto generale basso e viceversa).