Honor, brand nato da una costola di Huawei, è famoso per proporre smartphone dall’elevato rapporto qualità/prezzo e Honor 4X non fa eccezione: esso, infatti, vanta una scheda tecnica molto interessante ad un prezzo competitivo. Scopriamo nella nostra recensione se anche l’utilizzo quotidiano sarà da premiare.


Unboxing

La confezione di Honor 4X comprende il cavo dati USB/Micro-USB, il caricatore da parete da 1 A con ingresso USB condiviso e la canonica manualistica rapida.


Video recensione di Honor 4X

Di seguito potete trovare il nostro video che riassume gli aspetti principali di questo smartphone.


Hardware

Nonostante la fascia di prezzo di appartenenza, Honor 4X sfoggia una scheda tecnica completa: display HD da 5.5 pollici, 2 GB di RAM, processore proprietario HiSilicon octa-core a 64 bit, fotocamera posteriore da ben 13 megapixel e frontale da 5 megapixel, LED di notifica, LTE, sensore di luminosità, dual SIM, memoria da 8 GB espandibile mediante microSD e batteria da ben 3000 mAh; in pratica mancano solo l’NFC e i tasti di sistema retro-illuminati.

Potete trovare ulteriori informazioni su questo smartphone sul sito ufficiale a questo link. Il prezzo di listino di Honor 4X è di 199€ ma online di trova già a cifre inferiori.

Parte telefonica & antenne

Il comparto telefonico di Honor 4X è da riferimento: la ricezione è ottima e lo smartphone tende a mantenere la connessione con le reti 4G anche con una sola tacca, laddove altri smartphone passano invece al 3G. La linea è sempre stabile, l’audio dalla capsula è nitido e dal volume elevato; il vivavoce non è potentissimo ma sufficiente da permettere l’utilizzo in automobile e l’interlocutore ci sente sempre in modo ineccepibile anche da una discreta distanza. Adeguata anche la portata del WiFi, mentre il GPS impiega qualche secondo in più della concorrenza per stabilire la posizione.


Ergonomia, design & materiali

Honor 4X è grande, forse troppo, anche per un 5.5 pollici: le cornici sono ampie e l’ergonomia, ovviamente, ne risente. Il grip del posteriore zigrinato, tuttavia, è buono e i tasti laterali sono posizionati in modo da facilitare l’utilizzo ad una mano che risulterà, però, quasi impossibile.

I materiali sono plastici di qualità media, l’assemblaggio è buono nonostante qualche scricchiolio avvertibile premendo la cover posteriore; il design, infine, è piuttosto anonimo e privo di particolari elementi stilistici se non la scritta Honor – cromata come il tasto di accensione/spegnimento/stand by e la cornice dalla fotocamera. Honor 4X è disponibile nelle colorazioni bianco e nero.


Display, audio & multimedia

Il display di Honor 4X è buono in rapporto alla fascia di prezzo: i colori non sono molto carichi (sono personalizzabili solo nella temperatura del colore) e i neri tendono un po’ al grigio, ma gli angoli di visione sono più che sufficienti e la risoluzione “solo” HD, distribuita su una diagonale così ampia, non pregiudica l’utilizzo quotidiano: i pixel sono molto meno visibili di quanto si possa pensare. 

La luminosità massima, non elevatissima, costringe a qualche piccolo accorgimento sotto la luce diretta del Sole, ma per la maggior parte del tempo non avremo problemi; il sensore di luce ambientale però risulta poco preciso e reattivo. Segnaliamo, per dovere di cronaca, che sulla nostra unità è pre-applicata una pellicola che non abbiamo potuto rimuovere, la quale è priva di una qualunque protezione anti-impronte.

 

L’altoparlante di Honor 4X, posizionato intelligentemente sul lato inferiore, restituisce un suono dal volume non particolarmente elevato ma dalla buona qualità. Non abbiamo riscontrato nessun problema nell’ascolto con delle buone cuffie auricalari; presente, inoltre, la radio FM.

Tutti i più comuni formati video vengono letti da questo smartphone, compresi MKV e DivX fino alla massima risoluzione di 1080p; solo il codec audio AC3 non viene supportato.


Fotocamera

I risultati fotografici di Honor 4X sono di alto livello se rapportati alla fascia di prezzo di appartenenza: le macro sono eccellenti e il rumore digitale in condizioni di scarsa luminosità rimane contenuto anche se la nitidezza va a diminuire. Buona la potenza del flash, scatto veloce ma messa a fuoco un po’ lenta; anche la fotocamera frontale è di buon livello con un angolo di visione molto ampio. Potete giudicare dagli esempi nella galleria sottostante.

Il software fotografico ha poche opzioni ma utili; presenti l’HDR, il panorama, lo scatto migliore, la possibilità di variare il fuoco dopo lo scatto e anche quella di registrare 10 secondi di audio assieme all’immagine. Tra le impostazioni troviamo inoltere quella che permette lo scatto rapido, a display spento, mediante la doppia pressione del tasto del volume.

honor-4-x-screen-1

I video, girati al massimo in Full HD,  sono di qualità leggermente inferiore rispetto alle foto. L’audio acquisito è buono anche se poco articolato; peccato per la mancanza del fuoco continuo.


Autonomia

L’autonomia di Honor 4X, come è lecito aspettarsi, è buona: tuttavia il display di diagonale così elevata consuma molto, così come il processore se sfruttato al massimo; di conseguenza, se il vostro utilizzo prevede tante ore di utilizzo effettivo con lo schermo acceso, non avrete una durata della batteria “da primato”. Tuttavia in stand-by, con la sola connettività dati attiva,  il consumo è notevolmente più basso anche se l’autonomia non raggiunge mai i due giorni.

In ogni caso questo smartphone vi porterà sempre a sera senza problemi con oltre 4 ore di display acceso. In caso di emergenza sono comunque presenti 2 tipologie di risparmio energetico, tra cui quella “Ultra” che permetterà l’utilizzo di solo poche app selezionate e delle funzioni fondamentali.


Software

EMUI 3.0 è il nome della personalizzazione di Android, in versione 4.4.2, che equipaggia Honor 4X; tutta la UI e le impostazioni sono personalizzate dalla casa. Tra le caratteristiche più importanti di questo software possiamo citare la possibilità di bloccare le applicazioni a display spento, gestire le notifiche delle singole applicazioni in modo approfondito e cambiare i Temi in modo da modificare interamente la UI, comprese (ad esempio) le funzioni particolari della lock screen.

Potremo inoltre utilizzare il doppio tap per sbloccare il display, “disegnare” sullo schermo spento determinati simboli per accedere a funzioni stabilite quali la fotocamera e consentire o meno lo scambio di dati delle singole applicazioni in WiFi, con la rete cellulare, entrambe, o nessuna. Tra le applicazioni pre-installate troviamo un tool per l’ottimizzazione del sistema, l’archivio, alcuni giochi, WPS Office e alcune utilità quali la torcia, lo “specchio” e la “lente di ingrandimento”.

Comode, inoltre, alcune personalizzazioni quali la “timeline” nelle notifiche e negli SMS, il pinch-to-zoom nel campo di testo degli SMS, e l’ottima ricerca universale effettuando uno swipe verso il basso da qualunque schermata home. La velocità della UI è sempre elevata, piccoli lag si possono avere solo con l’utilizzo molto intenso;  la tastiera, una versione personalizzata della Swipe, è reattiva, veloce e personalizzabile.

Dual SIM

La gestione dual SIM di questo smartphone non è la più pratica mai vista, a cominciare dalla status-bar che reca entrambi gli indici di ricezione nel medesimo colore, non modificabile, e senza indicazioni grafiche che identifichino l’operatore a cui sono riferite. Inoltre, tra le impostazioni troviamo la possibilità di predefinire l’una o  l’altra linea per chiamate e SMS, ma non di far sì che venga sempre chiesto quale utilizzare; questa impostazione si traduce, tuttavia, soltanto in un’indicazione grafica (un pallino) sul pulsante relativo alla SIM selezionata come predefinita in ogni campo di utilizzo. Possiamo poi impostare la linea per il traffico dati e quella per la connettività 4G; il cambio può essere effettuato “a caldo”.

Browser Web

La navigazione Web effettuata da Honor 4X è più che sufficiente per l’uso quotidiano, non si riscontrano problemi neanche sui siti più pesanti; ovviamente la velocità non è paragonabile a quella dei top di gamma, ma il browser è comunque fluido e reattivo in ogni circostanza.

Gaming

I moderni titoli 3D vengono gestiti con un buon dettaglio grafico da Honor 4X, anche il framerate è sufficientemente elevato per garantire un’esperienza di gioco appagante. Gli unici “inconvenienti” possono essere rappresentati dalla facilità con cui l’altoparlante di sistema viene coperto dalla mano durante i giochi e da un leggero calore che si sviluppa sul lato destro dello smartphone durante l’utilizzo intenso.


In conclusione

Honor 4X uno smartphone dal rapporto qualità prezzo davvero eccellente: non vi sono particolari motivi per sconsigliarne l’acquisto se non per le dimensioni, che per alcuni possono risultare eccessive,  e per una generale mancanza di intuitività della UI. Allo stato attuale, però, è davvero difficile trovare uno smartphone con caratteristiche e prestazioni simili a quelle di questo nuovo Honor: promosso! Come di consueto vi lasciamo ai nostri voti.

Migliori offerte sul web per Honor 4X: 163.00 euro da Amazon.it

Pagella

7.5
Display
6
Ergonomia
7.5
Hardware
7.5
Software
8
Batteria
7.5
Fotocamera
8
Qualità/prezzo
7
Materiali
7
Audio
8
Esperienza Utente
8