La moda dei selfie è ormai inarrestabile ed era solo questione di tempo prima che venisse lanciato uno smartphone che avesse tale parola nel nome: Asus Zenfone Selfie è l’ennesimo smartphone della gamma Zenfone 2015 e, oltre ad avere una fotocamera anteriore particolarmente performante dotata di flash, sfoggia anche una scheda tecnica decisamente interessante; scopriamolo nella nostra recensione.


Unboxing

All’interno della confezione per la stampa di Asus Zenfone Selfie abbiamo trovato il caricabatterie da 2A con ingresso USB, il cavo dati USB/microUSB e la classica manualista rapida, tuttavia possiamo supporre la presenza anche delle cuffie auricolari nella confezione di vendita come già accade per gli altri terminali della gamma.

Asus-zenfone-selfie-8


Video recensione di Asus Zenfone Selfie

In questo paragrafo trovate, come sempre, il nostro video che illustra i principali aspetti di questo smartphone.


Hardware & telefonia

La scheda tecnica di Asus Zenfone Selfie è quella di uno smartphone di fascia medio/alta: abbiamo infatti un processore Qualcomm Snapdragon 615 octa-core a 64 bit affiancato a ben 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna espandibili mediante micro-SD. Presenti anche la connettività 4G LTE, il LED di notifica, il sensore di luminosità e la possibilità di utilizzare due SIM in formato micro; manca purtroppo l’NFC. Il comparto fotografico di questo Asus vede due fotocamere identiche da 13 megapixel con doppio flash bicromatico ed autofocus sia nella parte anteriore che in quella posteriore dove troviamo anche il sensore laser per la messa a fuoco dell’unità posteriore.

Potete trovare ulteriori informazioni su questo smartphone mediante il sito ufficiale a questo link. Il prezzo di listino di Asus Zenfone Selfie è di 299€ ma online si trova già a qualche decina di Euro in meno; segnaliamo la disponibilità di diverse varianti di colori tutte molto accattivanti.

Parte telefonica & antenne

La ricezione telefonica di Asus Zenfone Selfie è nella media: al limite di cella potremo trovare piccole incongruenze tra segnale effettivo e ciò che viene visualizzato dall’indicazione sul display. Ottimo l’audio dalla capsula auricolare: il suono è potente e con una buona estensione; anche dal vivavoce abbiamo qualità alta e volume più che buono e l’utilizzo in automobile, di conseguenza, può avvenire senza particolari problemi. Un po’ sottotono, invece, appaiono la qualità del microfono e il sistema di riduzione dei rumori che non sempre funzionano al meglio creando qualche piccola difficoltà di comprensione all’interlocutore. Ottima la portata del WiFi e fulmineo il fix dei satelliti da parte del ricevitore GPS.


Ergonomia, design & materiali

Asus Zenfone Selfie è a tutti gli effetti un phablet e come tale risulta quasi impossibile da utilizzare con una sola mano. Fortunatamente, però, ci viene in soccorso la modalità software per la riduzione dell’interfaccia mediante doppio tap sul tasto Home; la cover posteriore inoltre non offre un grip ottimale ed è quindi alto il rischio di scivolamento del terminale dalla mano nonostante la curvatura del lato posteriore. Decisamente scomoda la posizione del tasto di accensione/spegnimento sul lato superiore che, nonostante venga utilizzato raramente grazie alla presenza del doppio tap per lo stanby/riattivazione, può essere inavvertitamente premuto in tasca quando ci piegheremo per raccogliere qualcosa da terra o con movimenti simili; è quindi sconsigliato il posizionamento nella tasca dei pantaloni, anche a causa delle dimensioni importanti.

A livello di design siamo di fronte ad un classico Zenfone 2015 con linee pulite, tasti del volume posteriori e barra inferiore ad effetto “riflettente” sempre molto piacevole alla vista; i colori sono tutti accattivanti, compreso il rosa utilizzato per il terminale impiegato in questa recensione. I materiali utilizzati sono plastici davvero di ottima qualità, la costruzione è solida a parte qualche scricchiolio ai bordi, inevitabile per scocche di queste dimensioni.


Display, audio & multimedia

Il display di Asus Zenfone Selfie è un pannello IPS da 5.5 pollici con risoluzione full HD e 403 ppi di densità: ottima quindi la definizione,  più che buoni gli angoli di visione, colori naturali e completamente personalizzabili grazie alla gestione Asus Splendid; i contrasti non sono tra i più elevati ma la resa cromatica è eccellente e la luminosità massima risulta sufficiente per la visione alla luce diretta del Sole.  Il sensore di luce ambientale risulta ben settato e i il vetro anteriore è molto oleofobico; il display può essere anche utilizzato con i guanti.

Asus-zenfone-selfie-1

La riproduzione musicale dall’altoparlante posteriore di questo Asus riproduce un suono dalla buona estensione con anche una discreta componente di bassi; anche la pressione sonora è più che soddisfacente. Presente la radio FM che funziona senza particolari problemi.

Il lettore video di Asus Zenfone Selfie è quello “standard” di tutti gli Zenfone e riesce a riprodurre correttamente solo gli MP4 alla massima risoluzione di 1080p. Per ulteriori formati come DivX, MKV o sorgenti con audio AC3 è necessario l’utilizzo di un lettore alternativo.


Fotocamera

La parte più interessante di Asus Zenfone Selfie è ovviamente il comparto fotografico: la fotocamera posteriore è dotata di autofocus laser che però non risulta molto più veloce o preciso del normale autofocus di cui dotata quella anteriore, segno del bisogno di un’ulteriore ottimizzazione software. Gli scatti, da entrambe le fotocamere (identiche a livello di sensore), sono assolutamente di buon livello con una tendenza al rumore digitale in condizioni di scarsa luminosità, come tutte le unità di questa fascia; ottime le macro e il dettaglio delle foto con buona illuminazione ambientale, molto potente anche il flash posteriore.

Un’ulteriore differenza nella gestione della fotocamera anteriore riguarda la gestione del flash che non può essere impostato in automatico come per la fotocamera posteriore, ma può essere settato “allo scatto”, spento o sempre attivo a mo’ di illuminatore, in quest’ultima modalità però avremo una maggiore tendenza al rumore ed è quindi sconsigliata. Ottimi i selfie in condizione di buona luminosità dove l’autofocus risulta davvero una piacevole novità per questo tipo di scatti, che peraltro godono anche di un grande angolo di apertura. Potete giudicare voi stessi i risultati di queste fotocamere dagli esempio che trovate nella galleria sottostante.

Il software fotografico di Asus Zenfone Selfie è quanto di più completo ci si possa aspettare: ottima la modalità automatica che ci suggerisce la funzioni da attivare in base alle condizioni, molto completa la modalità manuale, sempre interessante la modalità poca luce (3 Mpx) e presenti ulteriori funzioni (utili o meno) come lo scatto panoramico, l’ HDR etc… Non mancano molteplici filtri e altre impostazioni a livello di qualità, di modalità di messa a fuoco e di esposizione e molto altro.

Asus-zenfone-selfie-screen-3

I video, girati al massimo in full HD,  risultano mediamente inferiori alle foto non tanto per la qualità generale, quanto per gli evidenti problemi nella gestione della messa a fuoco e dell’esposizione. Anche l’audio è di basso livello e, stranamente, viene registrato in canale mono.


Autonomia

La batteria da 3000 mAh di Asus Zenfone Selfie permette di arrivare a sera con uso medio anche con il settaggio del consumo su “prestazioni massime” che risulta essere la modalità consigliata se volete evitare qualunque tipo di rallentamento dello smartphone. È comunque possibile utilizzare senza particolari problemi anche la modalità bilanciata che ci porterà a tarda notte sacrificando un po’ le prestazioni; presente anche una modalità risparmio estremo che agisce su potenza e connettività.  Ulteriori settaggi riguardano la possibilità di gestire gli aspetti sui quali fare agire il risparmio energetico e la possibilità di variare la modalità in base alla carica residua o all’orario del giorno.


Software

Sempre decisamente completa la ZenUI che personalizza Android in versione 5.0.2 Lollipop su Asus Zenfone Selfie: le funzioni sono le medesime viste su Zenfone 2 Laser tra le quali ricordiamo le gesture a display spento per attivare applicazioni specifiche, la funzionalità USB OTG, gli ottimi Temi, la possibilità di personalizzare le funzionalità dei tasti soft-touch e tantissime altre impostazioni che sarebbe troppo lungo elencare.

Anche le applicazioni pre-installate sono davvero molte (forse troppe), dalle più “inutili” come una app Specchio a quelle maggiormente utili come What’s Next per i nostri appuntamenti, l’ottimo archivio dei file e uno strumento di backup e ripristino. Segnaliamo anche l’App Auto-Start Manager per gestire quali applicazioni potranno continuare in background anche durante lo standby. Tutte queste applicazioni e impostazioni risultano davvero un valore aggiunto da un lato ma anche un “fastidio” dall’altro in quanto verremo invasi da notifche che ci spiegano l’utilizzo, da consigli non richiesti e da “suggerimenti”; senza considerare il consumo delle risorse di sistema, di batteria e di spazio in memoria.

La velocità della UI di Asus Zenfone Selfie è più che sufficiente in modalità “prestazioni massime” mentre può accusare qualche rallentamento e tempo di attesa eccessivo per l’apertura delle App in modalità bilanciata. In ogni caso questo Zenfone non è tra i terminali più fluidi e veloci della fascia di mercato: questa lieve mancanza di ottimizzazione è decisamente un peccato visto che la scheda tecnica permetterebbe prestazioni sicuramente migliori. Finiamo parlando della tastiera che risulta sempre veloce, precisa, reattiva e personalizzabile in tanti aspetti compresa la dimensione; nell’utilizzo quotidiano è stato davvero un piacere scrivere con questa tastiera.

Dual-SIM

Il software per la gestione delle due SIM permette di impostare una linea predefinita per rete dati e chiamate (rimarrà comunque la doppia scelta nel dialer) e poco altro: non è possibile assegnare un colore ad ogni operatore né predefinire il campo degli SMS. Siamo lontani dall’estrema personalizzazione che troviamo sui processori Mediatek.

Browser Web

Nessun problema per quanto riguarda la navigazione internet da Asus Zenfone Selfie: i tocchi vengono sempre percepiti correttamente, i tempi di rendering e di caricamento sono più che sufficienti. lo zoom funzione bene e la lettura di testi, anche piccoli, su questo display avviene senza nessuna difficoltà; molto utile la modalità lettura che ci  permetterò di filtrare il contenuto di una pagina Web e mostrarci solo il testo.

Gaming

Giocare dall’Asus Zenfone Selfie è un’esperienza più che soddisfacente: i dettagli grafici dei moderni titoli 3D sono al massimo e il framerate, pur non essendo il più alto mai visto su uno smartphone, risulta adatto alla visione della maggior parte dei titoli. Anche la gestione termica è ottima in quanto la scocca posteriore di questo Zenfone non risulterà mai più che tiepida, anche in caso di uso intenso.


In conclusione

Asus Zenfone Selfie assolve bene il proprio compito: quello di essere uno smartphone dedicato alle funzionalità multimediali (più che alla qualità assoluta) con buone prestazioni, una scheda tecnica completa ed un prezzo tutto sommato adeguato per ciò che viene offerto. Peccato per qualche pecca come i tasti non retro-illuminati, la mancanza dell’NFC e un’ottimizzazione software non ancora perfetta, sia per quanto riguarda l’interfaccia che per la gestione della fotocamera posteriore; nonostante ciò non vi sono particolari motivi per sconsigliarne l’acquisto: promosso! Come di consueto vi lasciamo ai nostri voti. 

Migliori offerte sul Web per Asus Zenfone Selfie: Nessuna offerta al momento

Pagella

8
Display
6.5
Ergonomia
8
Hardware
7.5
Software
8
Batteria
7.5
Fotocamera
8
Qualità/prezzo
7.5
Materiali
7.5
Audio
7.5
Esperienza Utente
7.9

Nota: i voti parziali sono assegnati cercando di rispettare una scala che comprenda il maggior numero di dispositivi in commercio. Il voto generale è slegato dai parziali e sta ad indicare il giudizio complessivo che possiamo assegnare al terminale dando pesi differenti agli aspetti che riteniamo più importanti. (Es: uno smartphone che ha un’ottima fotocamera, un ottimo display e ottimi materiali, ma che risulta inutilizzabile perchè troppo lento avrà i parziali relativi elevati, ma un voto generale basso e viceversa)