Recensione DOOGEE Shoot 1: doppia fotocamera a 120€?

Recensione DOOGEE Shoot 1: doppia fotocamera a 120€?
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/04\/doogee_shot_1_recensione_tta_01-460x259.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/04\/doogee_shot_1_recensione_tta_01-635x357.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/04\/doogee_shot_1_recensione_tta_01.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/04\/doogee_shot_1_recensione_tta_01.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/04\/doogee_shot_1_recensione_tta_01.jpg"}, "title": "Recensione DOOGEE Shoot 1: doppia fotocamera a 120\u20ac?" }

Recensione DOOGEE Shoot 1 – Gli smartphone con doppia fotocamera sono un trend che affascina sempre più persone e le soluzioni che le implementano pian piano dalla fascia alta si sono spostate anche in quella media. Ma è possibile avere uno smartphone con due fotocamere ad un prezzo veramente contenuto?

Secondo DOOGEE sì, ma ne varrà la pena? Scopriamolo nella nostra recensione di DOOGEE Shoot 1.

Video Recensione di DOOGEE Shoot 1

Hardware & Connettività

DOOGEE Shoot 1 ovviamente non punta a delle caratteristiche tecniche all’ultimo grido con un SoC MediaTek MT6737T, quad-core con frequenza massima di 1,5 GHz, accompagnato dalla GPU Mali-T720 MP2, 2 GB di RAM e 16 GB di memoria interna espandibili tramite microSD sacrificando uno slot SIM.

Parte Telefonica & Antenne

La connettività è sufficiente con WiFi 802.11 b/g/n, WiFi Hotspot e Tethering, Bluetooth 4.1 e supporto a due MicroSIM con tecnologia DSDS, con anche il supporto alla banda 20 del 4G LTE. L’unica vera mancanza è NFC, ma in compenso è presente la radio FM. L’esperienza telefonica non presenta problemi, mentre la ricezione dati ha qualche incertezza nelle zone meno coperte.

In quanto a geolocalizzazione è presente la tecnologia A-GPS, la navigazione è abbastanza stabile ma il fix della posizione non è istantaneo.

Design, Ergonomia & Materiali

La recensione di DOOGEE Shoot 1 non può che utilizzare il termine “compromesso”, e ciò si vede particolarmente nei materiali: in cambio della doppia fotocamera il produttore cinese ha tagliato un po’ il budget in questo senso, creando un corpo interamente in policarbonato liscio che in mano ha una sensazione un po’ cheap. Le dimensioni poi non sono estremamente contenute visti i 156,6 x 77 x 8.7 mm, abbinate ad un peso di 154 grammi.

Per via del corpo molto liscio l’ergonomia non è delle migliori. La disposizione dei tasti vede il pulsante di accensione e il carrellino per le SIM a destra, il jack da 3,5 mm in alto, il bilanciere del volume a sinistra e un singolo speaker, il microfono principale e il connettore microUSB sul fondo. Il tasto fisico centrale è inoltre dotato di lettore di impronte digitali, abbastanza veloce e preciso.

Display, Audio & Multimedia

DOOGEE Shoot 1 ha un pannello IPS da 5,5 pollici FullHD, dalla qualità discreta seppur con vari difetti: la temperatura è troppo calda, i bianchi peccano di brillantezza e i neri tendono al blu scuro. La buona luminosità e gli elevati angoli di visuale lo rendono però più che adeguato alla fascia di prezzo. Due aspetti negativi però sono il vetro protettivo, poco oleofobico, e il touchscreen che supporta al massimo 5 tocchi contemporanei.

L’altoparlante mono sul fondo ha un volume non particolarmente elevato, ma soprattutto una sonorità molto chiusa.

Fotocamera

L’aspetto più importante di questa recensione di DOOGEE Shoot 1 è sicuramente il suo comparto fotografico: se frontalmente troviamo un sensore da 8 megapixel, sul retro invece trovano posto ben due fotocamere da 13 e 8 megapixel. Nella realtà però la fotocamera secondaria non viene praticamente mai sfruttata se non nella modalità Wide Aperture, che dovrebbe simulare un accentuato effetto bokeh. Il tutto è però gestito terribilmente dal software, dove l’app fotocamera si basa su quella stock di Mediatek e risente di scarsa ottimizzazione, lentezza nella messa a fuoco e tempi di scatto allungati.

I risultati sono dunque degli scatti parecchi deludenti. Sfruttando entrambe le fotocamere l’effetto bokeh sembra al più l’applicazione di un filtro di sfocatura radiale alle foto e inoltre spesso in questa modalità viene sbagliata la messa a fuoco del soggetto. Utilizzando invece una sola fotocamera gli scatti risultano privi di dettaglio ma abbondanti di rumore, con colori piatti e poco fedeli alla realtà. Il flash poi risulta poco efficacie di notte.

La fotocamera frontale non riesce a garantire dei buoni selfie, che presentano anch’essi molto rumore. In quanto a registrazione video invece è possibile arrivare fino al 1080p ma i risultati si allineano con quelli fotografici.

Batteria & Autonomia

In quanto a batteria DOOGEE Shoot 1 ha una capienza di 3300 mAh, che però non riesce a convincere a fondo. In una giornata medio-intensa riesce infatti a garantire tra le 3 e le 4 ore di display attivo ad ora di cena.

Software

DOOGEE Shoot 1 ha a bordo la classica ROM stock MediaTek basata su Android 6.0 Marshmallow, dotata ovviamente delle varie app preinstallate con grafica obsoleta a cui questo tipo di smartphone ci ha abituati. Ciò nonostante comunque l’azienda ha implementato delle funzionalità aggiuntive gradite, a partire dal launcher dove con uno swipe verso l’alto si accede alle app più utilizzate e a vari toggle rapidi, mentre con uno swipe verticale sull’icona di un’app si apre un menu di informazioni in stile iOS.

Molte sono poi le gesture, per controllare vari aspetti dello smartphone sia a schermo acceso che a schermo spento, tra cui ad esempio il doppio tocco per risvegliare o ancora uno swipe con due dita in home per cambiare velocemente sfondo. Per quanto riguarda la sicurezza troviamo invece Emergency Rescue, che consente di impostare un messaggio di emergenza da inviare a contatti selezionati in caso di bisogno, e DG Security che permette di bloccare app selezionate tramite password, ma purtroppo non tramite impronta.

Prestazioni

DOOGEE Shoot 1 non fa notare vistosi impuntamenti, ma non è ovviamente un campione di reattività e si prende il suo tempo per aprire le app o compiere le operazioni più complesse. La navigazione web è comunque godibile seppur con qualche rallentamento se messo sotto stress, mentre nel gaming il framerate in generale non è mai elevato, problema che ho riscontrato in particolare con HeartStone.

Se messo sotto stress a lungo tende inoltre a scaldare un po’ nella parte centrale, anche se mai a livelli eccessivi. Di seguito potete visionare i risultati ottenuti nei classici benchmark.

Conclusioni

Per concludere questa recensione di DOOGEE Shoot 1, no, la doppia fotocamera su uno smartphone di fascia bassa non è il cavallo su cui puntare. Soprattutto se ciò significa fare altri compromessi sui materiali e sull’autonomia, avendo in cambio due fotocamere che non funzionano praticamente mai in sinergia e restituiscono comunque scatti di basso livello.

Potete trovare DOOGEE Shoot 1 ad un prezzo di circa 120,00€ su GeekBuying.com, che ringraziamo per questo sample.

Pagella

7.6
Display
7.8
Ergonomia
6.5
Hardware
7.7
Software
7.4
Batteria
4.5
Fotocamera
7.4
Qualità/prezzo
6.5
Materiali
6.0
Audio
7.0
Esperienza Utente
6.7
Condividimi!