OnePlus spiega perché non ci sarà Project Treble su OnePlus 5 e 5T

Nella lista degli smartphone che, pur ricevendo l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo, non potranno godere del supporto a Project Treble, troviamo anche OnePlus 5OnePlus 5T, i due top di gamma presentati quest’anno dalla compagnia cinese.

Come è già accaduto per gli smartphone Nokia, anche OnePlus ricorda che per implementare il supporto a Google Project Treble è richiesto uno schema di partizioni differente da quello utilizzato con Android Nougat. In particolare servono una partizione dedicata al vendor e una al framework Android.

OnePlus ha già effettuato alcuni test per verificare se è possibile modificare lo schema delle partizioni via OTA, ma sussiste un elevato rischio di brick del dispositivo durante l’operazione. Il produttore ci tiene però a ricordare che questo non si rifletterà negativamente sugli utenti, che riceveranno tempestivamente le nuove versioni di Android.

Va dato atto al produttore cinese di essere stato tra i primi a rilasciare l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo per i suoi smartphone, pur se con qualche difficoltà, per cui siamo certi che anche con le prossime release di Android OnePlus sarà in prima fila per aggiornare rapidamente OnePlus 5OnePlus 5T, oltre ai due smartphone dello scorso anno, che con ogni probabilità riceveranno anche Android P.

Vai a: Recensione OnePlus 5T: raffinato e potente

 


OnePlus 5T è disponibile in offerta su Amazon a 549.00 euro. Si trova online anche su molti altri negozi, contiamo circa 8 offerte. Se invece sei interessato alle caratteristiche puoi leggere la scheda tecnica di OnePlus 5T.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Ahmed Elderdah

    È solo una scusa è già stato implementato sul mare 9 e su essentian è solo una stronzata

    • Luigi De Francesco

      Probabilmente avevano già un tipo di partizione predisposto.

  • Walter

    Posso accettare la spiegazione fino a Oneplus 5.

    Il 5T è uscito quando Trebble era ben noto, avrebbero potuto rilasciare il device già debitamente partizionato…

    • Luigi De Francesco

      Concordo. Infatti Sony con xz1 ha incluso treble ed è uscito mesi prima di 5t

    • giacomofurlan

      Il 5T con quasi certezza assoluta era già in sviluppo prima di Treble, per questo ancora non ha ricevuto Oreo: semplicemente perché avevano già lavorato su Nougat e l’avevano già ultimato.

      • Walter

        Treble non è qualcosa piovuto dal cielo da un mese, gli OEM di sicuro ne erano a conoscenza da parecchio. Non credo che il 5T fosse precedente.

  • Stessa scusa di Sony, ma modificare l’intero firmware è troppo complicato? Deve per forza passare tutto tramite OTA? Lol

    • Walter

      Il cambio del file system o lo fai così o mandi il device al produttore? Non mi parlare di sideload o altro, la maggior parte degli utenti non saprebbe da che parte cominciare…

      • Sideload? Ma un tool ufficiale che faccia tutto come quelli di Samsung, Sony e LG no? Già in passato ci sono stati aggiornamenti, LG soprattutto, che andavano fatti esclusivamente da PC perché l’OTA non veniva rilasciato.
        Sinceramente proprio non capisco :D

        • Walter

          Il cambio di file system è una cosa delicata anche se lo fa un tool dedicato, e comunque scrivere un software del genere non è proprio semplicissimo… fermo poi restando che molti, me compreso, abomini come il “fu” Samsung Kies e altri tool non li installano manco se pagati ^^’

          • Che sia una cosa delicata da fare ok, ma che sia così difficile da passare come giustificazione quando altri OEM lo fanno no, soprattutto da parte loro che hanno annunciato un dispositivo a novembre senza Oreo.
            D’accordo sui tool che non se ne salva uno, ma se hai problemi con il software del telefono ti permettono comunque di reinstallarlo facilmente senza ricorrere ad altri tool come Odin o LGUp

    • Luigi De Francesco

      Quantomeno Sony ha già 2 devices con Treble rispetto a One Plus e Nokia ;) Il 95% della gente preferisce gli OTA(dal pc manco sa come iniziare)…scelta abbastanza condivisibile questa volta dai.. e finalmente una spiegazione sensata. Dal 2018 in poi tutti avranno treble incluso. Inoltre qua non si parla di modificare un fw,ma intere partizioni . Ciò richiede wipe su tutta la memoria del telefono. Già immagino la reazione degli utenti medi che cambiano brand perchè One Plus(o chiunque sia) gli formatta il telefono lol

      • Sony è stata obbligata a supportare treble visto che XZ1 e Compact sono usciti con Oreo.
        Imho rimane puramente una scusa, se ce la fa Huawei con mate 9 e Honor 8 pro allora non è una cosa così difficile :D

        • Luigi De Francesco

          Huawei ,seppur ha un supporto pietoso per i suoi top(un anno invece che 2 o anche più ,visto il suo metodo),ha un tipo di update che aggiorna perfino i kernel linux. Cosa che non fa nessun OEM. Potrebbe supportare per anni e anni i suoi devices. Invece,già dopo un anno,smette di rilasciare big update. Infatti mate 9 e honor 8 pro sono passati dal kernel linux 4.1 al 4.4 con oreo,kernel richiesto per gli altri oem per treble. E siccome un passaggio così radicale di kernel ,non lo fa mai nessuno, è stato ciò che lo ha reso facilmente un treble device solo con un update. Per una volta hanno saputo sfruttare questo tipo di update che hanno sempre fatto,ma mai sfruttato. Vedremo se non hanno messo treble solo per figura (così come hanno aggornato sempre i kernel linux solo per figura). Se mate 9 riceverà android p, è già un passo avanti,seppur solo al livello dei suoi diretti rivali. Altrimenti,è solo messo per figura..ed è un peccato. Visto che tale azienda potrebbe supportare,grazie al suo metodo di update, un device per anni e anni…

          • Il punto è che non è una cosa così difficile come OnePlus e Nokia vogliono far credere, almeno Nokia ha rilasciato i suoi smartphone prima che Oreo fosse annunciato, ma Op5T è uscito da pochissimo, e il fatto che non abbia Oreo al lancio dimostra quanto ridicola sia questa scusa.
            Nessun top di gamma del 2017 con Nougat, a parte i Pixel e quelli di Huawei già citati, avrà Treble, quindi non vedo il motivo di tirare in ballo scuse ridicole come queste, non dite nulla e amen, tanto se si parla di OTA-only perché altri metodi risultano complicati ad alcuni allora è inutile parlare di Treble che lo conosce solo chi segue la scena Android.
            Imho rimane ingiustificabile questo comportamento da parte di OnePlus, ma si sa che il loro supporto software non è mai stato uno dei migliori

          • Luigi De Francesco

            Di 5t concordo. La è stata PURA pigrizia. Come op 2 non aggiornato a nougat(dove gli altri snap 810 lo hanno regolarmente ricevuto). Gli altri devices usciti prima, ci sta che non hanno treble. Non hanno mai avuto il metodo di update adatto e nemmeno il tipo di partizioni predisposte.Cosa che huawei già aveva e MAI ha sfruttato (visto i pietosi updates,come già spiegato. E’ brutto vedere un p9 a nougat 7.0,mentre altri dello stesso anno si preparano o hanno già Oreo. Tutti partiti da marshmallow eh.Nonostante p9 abbia un kernel linux più aggiornato dei suoi concorrenti diretti). Essential beh , è uscito abbastanza in ritardo e hanno avuto il tempo di prepararlo come si deve(cosa che poteva fare benissimo one plus con 5t),oltre che dietro c’è il padre di Android . Il primo pixel ,visto che è un devices google ,ha sempre privilegi rispetto agli altri. Come il nexus 6p con oreo e le vulkan api da nougat (cose non avute dagli altri device con snap 810). Come nexus 5 con camera2api e marshmallow (cose non avute dagli altri devices con snap 800. Inoltre per le camera2api se ne è parlato con i devices del 2015 addirittura). Nokia ha buttato la scusa più insensata secondo me, cioè,vedendo alcuni device con treble aggiornati da Nougat, perchè dire che ci vuole per forza Oreo preinstallato? La giustificazione di One Plus,nonostante la cavolata con il 5t , ha più senso. E per chi ne sa di più ,fila tutto . Alla fine il 5t è solo un 5 al passo con la moda dei 18:9. Infatti ha pure il software,partizioni quasi invariate ahah xD Good Job One Plus.

          • Non so se hai letto il refuso di Nokia, ma alla fine hanno tirato fuori la stessa scusa di OnePlus, e cito: “Secondo Juho Sarvikas, tutto ciò non può essere attuato su Nokia 8 poiché non è presente una partizione separata nella ROM. Il partizionamento – continua – non può inoltre essere realizzata attraverso un aggiornamento OTA.”
            Poi mi spieghi come abbia fatto Huawei a prevedere project Treble 9 mesi prima che uscisse Oreo (Mate 9 è di Novembre 2016) o anche 4 mesi prima (Honor 8 Pro è uscito ad aprile), imho hanno semplicemente lavorato per aggiungere la partizione, non c’era già prima, poi oh, lieto di essere smentito =)

          • Luigi De Francesco

            Come ho ripetuto non so quante volte, Huawei rispetto agli altri ha sempre usato un metodo diverso per i suoi firmware e i suoi updates. Erano già predisposti per future novità ,in caso ce ne fossero state. Ma mai hanno sfruttato questa cosa a dovere, se non per aggiornare il kernel linux di parecchio (tipo da 4.1 a 4.4 nel caso recente). Con gli altri android per una cosa del genere dovevi comprarti un telefono nuovo o nel caso di Sony, buildare un fw aosp con i source di Sony xperia dev open source, che danno un upgrade del kernel (esempio Xperia xz ha il kernel 3.18 ,con l’aosp raggiunge il 4.4). Ovviamente il contro di ciò , è che c’è da lavorare su molte instabilità ,visto che qualcomm da source concreti solo per il kernel sulla rom originale (nel caso dello snap 820 il 3.18). Huawei,invece, lavorando totalmente in casa, sia nell’hardware e software, può prendere qualche libertà in più. Come l’upgrade del kernel, senza mandare a quel paese qualche funzione e appunto Project Treble. In teoria potrebbe aggiornare i suoi devices oltre i 2 anni e battere tutta la concorrenza su ciò(invece di fare un solo big update e pace). Ma i soldi sono la priorità. E siccome ha ormai un marketing così potente ,che comprano quasi tutti questa marca a occhi chiusi, si prende anche questa “libertà” di supportare poco i suoi devices. Spero che con Treble cambi qualcosa pure in questa azienda nel fronte update. Perchè se è messo li così tanto per fare bella figura ,come i kernel linux aggiornati, preferisco 1000 volte gli altri devices senza treble o con treble .Perchè quantomeno,nonostante la meno libertà rispetto a Huawei, su questo fronte gli altri produttori fanno molto di più. Ed è un peccato,perchè Huawei potrebbe avere un supporto simile a quello dei devices Apple o da farci invidia proprio.

          • Ho capito che Huawei aggiorna il Kernel, cosa che non fanno altri OEM, non c’è bisogno di ripeterlo nuovamente, semplicemente non capisco quando abbiano preparato la partizione in più che serve per Treble, e imho, molto semplicemente, non si erano preparati in questo senso (Kernel a parte), tutto qui, questo perché non potevano sapere 9 mesi prima di Treble e quindi preparare una partizione da lasciare vuota, questo dico.
            Poi sono pure d’accordo su tutto il discorso Huawei, per questo non ci spenderei mai più di 200-250 euro per prenderne uno xD

          • Luigi De Francesco

            Non è stata infatti una cosa prevista appunto,secondo me. Ma avendo quasi tutto proprietario in pratica e preparato l’updater e partizioni per maggiori libertà,credo che gli sia venuto più semplice implementare treble. Come ho già spiegato su ,per quelle cose tutto gli viene più semplice. Diciamo un colpo di fortuna ,nella libertà non sfruttata. Il vero problema è: lo sfrutteranno?? O faranno ciò che vogliono loro…come da sempre? Questo lo sapremo non appena annunceranno android P e huawei dirà la sua sull’update. ;) Se mate 9 e honor 8 pro avranno l’update , huawei è da riconsiderare su questo aspetto. Se no ,ancora una volta,ha fatto solo bella figura.

          • Capito ora cosa intendevi, sull’argomento Huawei non posso che essere nuovamente d’accordo.

          • Ahmed Elderdah

            Anche con il 5 potevano fare tranquillamente

          • Luigi De Francesco

            Allora project treble non era nemmeno stato annunciato da quel che ricordo. O comunque poco prima era stato annunciato e già op5 era da settimane in mano ai recensori. Ma con il 5t potevano benissimo quantomeno prepararlo a treble, quello si. Sony con xz premium non ha aggiunto il supporto a treble ,ma xz1 ha treble già dall’uscita ( . Stesso hardware più o meno e più o meno anche firmware ultimamente (con lievi differenze a favore appunto di xz1).

Top