Solo due giorni fa¬†TechCrunch ha annunciato in questo articolo¬†la disponibilit√† di¬†un¬†assistente personale per WhatsApp denominato WhatsBot. Il¬†team di sviluppatori dietro a questo assistente¬†√® riuscito a creare¬†un¬†bot di scansione che registra le condivisioni di posizione in una chat di gruppo, cos√¨¬†suggerendo ai contatti della chat il punto d‚Äôincontro pi√Ļ vicino a loro. WhatsBot¬†si √® presentato come¬†primo vero assistente personale per WhatsApp¬†sviluppato da terze parti che¬†agisce¬†all’interno¬†della conversazione¬†come se fosse un normale partecipante.

In questi ultimi mesi WhatsApp ha dimostrato di non tollerare¬†particolarmente l’implementazione di funzionalit√†¬†non presenti nella versione ufficiale da parte di¬†applicazioni di terze parti (ricordate il ban ricevuto da chiunque usasse WhatsApp+ e WhatsAppMD?¬†E il “cease and deasist” che ha costretto WhatsApp+ a chiudere i battenti?). WhatsApp prosegue in questa sua¬†politica di tolleranza zero e oggi ha deciso di vietare l’utilizzo di¬†WhatsBot, bloccando il numero utilizzato dall’assistente (ovvero¬†il numero che dovevate aggiungere in¬†chat per utilizzarlo).

Certo √® che le decisioni che WhatsApp¬†ha preso¬†in quest’ultimo periodo fanno discutere non poco (solo di pochi giorni fa √® la notizia che Facebook, cui¬†WhatsApp appartiene, ha bloccato la pagina ufficiale di Telegram).¬†Noi possiamo solo sperare che in un futuro prossimo WhatsApp possa riconsiderare la sua posizione in materia di componenti aggiuntivi sviluppati da terze parti. Voi invece come giudicate questa ennesima mossa da parte di WhatsApp?

Via