Questo sito contribuisce alla audience di

Sbloccare gli smartphone utilizzando delle teste stampante in 3D? Si può!

Non tutti sono ancora convinti della sicurezza inferiore degli sblocchi facciali degli smartphone rispetto ai sensori di impronte digitali e la prova di oggi fa capire perché: una stampante 3D e delle foto del soggetto prese da varie angolazioni bastano a riprodurre una testa con un volto sufficientemente aderente alla realtà da sbloccare vari smartphone.

I dispositivi testati sono stati Samsung Galaxy Note 8Samsung Galaxy S9, OnePlus 6, LG G7 ThinQ e iPhone X: naturalmente, l’unico che non si è fatto imbrogliare è stato lo smartphone della mela, per ovvi motivi. Il test infatti lascia un po’ il tempo che trova, dato che i dispositivi Android considerati utilizzato tutti e quattro uno sblocco facciale con riconoscimento in 2D, non in 3D come l’iPhone: il test sarebbe stato equo utilizzando smartphone come Huawei Mate 20 Pro e Xiaomi Mi 8 Explorer Edition, che pure integrano un riconoscimento tridimensionale. Inoltre, i due Galaxy possiedono anche lo sblocco tramite lettura dell’iride, metodo ancora più sicuro rispetto anche alla scansione del volto 3D: infatti, provando con solo questo tipo di riconoscimento attivo, i due smartphone non si sono sbloccati dinanzi alla testa finta.

Per il test è stato anche messo alla prova un computer con Windows Hello, che si è comportato benissimo, al pari di iPhone X e del riconoscimento dell’iride dei Galaxy.

Fonte: Fonearena

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Fabrizio C.

    Fate attenzione alle mogli che con la scusa dei selfie vi fanno foto da varie angolazioni.

  • Bio’

    Basta modificare l’algoritmo del riconoscimento, implementare una funzione che capta il movimento degli occhi oltre la sagoma in 3D e fott i il pagliaccino che crede di essere furbetto.

Top