Grazie a Mira PC Mode gli smartphone diventeranno computer senza alcuna dock

La startup Miraxess in passato ha tentato di dare una scossa al mondo smartphone con un’idea lanciata su Indiegogo, la piattaforma di crowdfunding. Si trattava di una lapdock, ossia una scocca simil notebook composta da tastiera, trackpad e schermo animata da uno smartphone. Un anno dopo il budget per l’avvio del progetto è stato raggiunto e le prime spedizioni della lapdock partiranno a marzo.

Nel frattempo però il team di Miraxess ha tirato fuori un’idea correlata. Non proprio inedita visto che l’app in questione, Mira PC Mode, si prepone l’obiettivo potenziale di sfruttare ogni smartphone come un PC tramite un banale collegamento cablato.

Basteranno un cavetto USB-C/HDMI e un Android con almeno 4 GB di RAM. Quest’ultimo più che un obbligo è una raccomandazione, visto che l’eventuale surplus di memoria garantirà un’esperienza migliore, più fluida. L’idea somiglia a quella sperimentata in primis da Samsung con DeX ma ancor di più alla soluzione di Huawei Mate 10 Pro, col beneficio di non richiedere hardware e modelli specificiAndroid Auto applicato ai PC.

L’app di Miraxess dovrebbe vedere la luce del Play Store di Google a gennaio, e sarà offerta gratuitamente anche se alcune funzioni andranno pagate. Finalmente gli “smartphone potenti come PC” troveranno un’applicazione pratica che darà un palcoscenico alla loro potenza di fuoco.

Vai a: Recensione Huawei Mate 10 Pro: un nuovo paradigma di smartphone

Fonte: Notebookitalia

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Walter

    Peccato che il senso della dock non sia campato in aria… alimenta, moltiplica le porte e dissipa il calore.

    Una volta che serve un collegamento cablato, è meglio avere una docking station che un “brutale” cavetto, che per altro si limiterebbe a farti connettere ad un monitor, sostanzialmente.

    • Giuseppe

      Vero. Motivo per cui esisterà sia la lapdock che la semplice app. Due alternative per due scopi. Da un lato un utilizzo continuativo con la prima, dall’altro uno più rapido, flessibile, comodo con la seconda :) dipende dalle esigenze, dai momenti. E la vastità di scelta non ha mai fatto male a nessuno :) (è il mio parere eh…)

Top