Se l’acquisizione di Basis da parte di Intel, avvenuta nel 2014, aveva fatto ben sperare per il futuro del mercato dei¬†dispositivi indossabili, le recenti notizie riportate da¬†TechCrunch¬†sembrano indicare una situazione ben delineata nel senso opposto. Dopo aver ritirato dal mercato lo smartwatch¬†Basis Peak¬†lo scorso anno per problemi di surriscaldamento, la casa di Santa Clara avrebbe deciso di fare un importante passo indietro, che potrebbe preludere a una totale uscita dal mercato.

Sembra infatti che Intel si appresti a¬†operare importanti tagli al¬†New Devices Group¬†(NDG) e abbia decido di abbandonare il progetto Basis Ruby, un nuovo fitness tracker che a questo punto non vedr√† mai la luce. I tagli sembrano destinati a coinvolgere anche il¬†New Technologies Group, nel quale era conferito il NDG lo scorso anno, per cui l’interesse nei confronti dei¬†dispositivi indossabili da parte di Intel sembra definitivamente tramontato.

Quello degli indossabili √® un mercato che da tempo stenta a decollare anche se alcuni produttori, Fossil Group su tutti, continuano a presentare nuovi dispositivi nel tentativo di costruire delle basi dalle quali poter partire per espandersi. L’addio di Intel¬†servir√† in qualche modo da stimolo per un mercato troppo stagnante o porter√† a nuovi illustri abbandoni da parte dei competitor?