Le Migliori App di streaming per la musica a confronto (video)

Migliori App di streaming per la musica – La settimana scorsa vi abbiamo parlato dei migliori servizi di cloud storage, per risparmiare spazio  sui vostri smartphone e avere sempre tutti i file a disposizione in qualsiasi momento. Questa settimana, invece, nella nostra consueta rubrica migliori app vi parliamo dei migliori servizi di streaming per ascoltare musica su Android.

Tutti i servizi di streaming presenti in questo articolo permettono anche di scaricare musica in locale, in modo tale da avere a disposizione i vostri brani preferiti anche quando non avete accesso alla rete dati.

Tutti i seguenti servizi di musica qui elecanti sono multi piattaforma, disponibili sia per Android che per iOS e PC, con versioni web o, in alcuni casi, con applicazioni native.

Come sempre vi lasciamo al video migliori app per lo streaming di musica su Android, e all’articolo con i vari link per scaricare tutte le app presenti in questo video.

Migliori App di Cloud Storage per Android

Spotify

spotifyiconQual è l’applicazione di streaming per la musica più famosa? Ovviamente Spotify! Senza dubbio uno dei migliori servizi di streaming, nonché il più longevo. Spotify offre una versione gratuita dell’app, se usata via desktop con un programma davvero curato nei minimi dettagli, potrete infatti usarlo senza limiti con degli annunci pubblicitari, mentre da mobile in versione free c’è solo la riproduzione casuale, con la possibilità di saltare al massimo 6 brani in un’ora e sempre intervallati da annunci.

La versione premium costa 10 euro al mese, oppure con abbonamento familiare ben 6 persone a soli 15 euro al mese. La qualità dello streaming è fino a 320 Kbps, scalabile dalle impostazioni, con la possibilità di scaricare la musica in locale su smartphone.

Uno dei punti di forza di Spotify, oltre al catalogo con 30 milioni di brani, sono di sicuro le playlist: ce ne sono per tutti i gusti e praticamente per qualsiasi momento della giornata, davvero un plus importante, soprattutto se consideriamo che è possibile crearne di nuove in condivisione con amici. Ovviamente ci sono anche le radio, divise per artista o genere musicale.

Pro: Playlist, app desktop

Contro: nessuno

Download: Spotify

Google Play Music

playstoreiconAnche Google Play Music può contare su circa 30 milioni di brani, ma non su un’applicazione desktop, bensì solo su una versione web che per quanto curata è pur sempre una versione web.

L’applicazione per mobile, in realtà, è fatta molto bene e permette anche essa l’ascolto di musica offline, tuttavia non ha una vera versione free come spotify. Anche qui i prezzi sono 10 euro al mese o 15 euro con 6 persone in abbonamento famiglia.

Il bitrate è sempre di 320Kbps mentre attivando il GPS potremo ricevere consigli su musica adatta alla posizione in cui ci troviamo, usando la cronologia delle posizioni, ad esempio in auto o in palestra, tuttavia le playlist presenti non sono ai livelli di quelle di spotify. Inoltre in questo caso non è possibile farle in condivisione.

 

Pro: consigli musica

Contro: niente app desktop

Download: Google Play Music

Apple Music

applemusiciconApple Music è il servizio dell’azienda di Cupertino, fortunatamente disponibile anche per Android e con iTunes anche come app nativa su PC e Mac, anche se in questo caso non è possibile ascoltare la musica direttamente da Browser a differenza di Spotify e Play Music.

Il catalogo anche qui è di circa 30 Milioni di brani con la qualità che però scende a 256 Kbps. Solo la radio beats è gratuita, mentre gli abbonamenti sono 10 euro mensili, 5 euro nel caso foste studenti o 15 euro in abbonamento famiglia con 6 persone. Qui abbiamo una sezione connect con cui è possibile seguire i nostri artisti preferiti con dei feed, su cui potranno essere condivisi contenuti da parte degli artisti stessi, insomma una sorta di social network interno.

Anche i consigli della sezione per te sono molto utili, mentre sono presenti le radio tematiche e le Playlist in base a ciò che facciamo durante la giornata o scelte da specialisti di Apple, tuttavia anche in questo caso, purtroppo, non possiamo fare Playlist condivise.

 

Pro: connect

Contro: bitrate

Download: Apple Music

Deezer

deezericonDeezer ha una versione free praticamente identica a Spotify, con annunci pubblicitari e musica random, con un numero finito di salti da poter fare. Anche in questo caso la versione premium costa 10 euro al mese in singolo o 15 euro in 6 persone con abbonamento famiglia.

L’applicazione mobile ha una struttura interessante, troviamo la home con i vari consigli e le tendenze del momento, presenti anche in questo caso le playlist e i mix tematici, un po’ come spotify.

Nella sezione “la mia musica” troviamo tutti i brani che abbiamo scaricato o quelli preferiti, anche se il modo in cui sono disposti nell’app non è esattamente il massimo. Nella sezione notifiche, invece, ci vengono dati consigli ad hoc.

Bisogna sottolineare che Deezer numericamente ha un database leggermente superiore agli altri, anche se nella pratica non abbiamo riscontrato particolari differenze. Anche Deezer ha un’app Desktop davvero ben fatta, ai livelli di Spotify. La quantità dei brani sulla carta è leggermente superiore agli altri servizi, anche se in realtà non abbiamo riscontrato particolari differenze.

 

Pro: brani

Contro: nessuno

Download: Deezer

TIMmusic

timmusiciconAbbiamo voluto inserire come ultima app Tim Music, non solo perché negli ultimi tempi è migliorata davvero molto, ma soprattutto perché ha dei plus importantissimi per coloro che hanno determinate offerte con Tim. Per questi ultimi, infatti, che hanno incluso nella loro offerta l’abbonamento a Tim Music, l’app non consumerà i dati dell’abbonamento in 4G, in pratica potrete ascoltare la musica illimitatamente, un plus non da poco che non trovate con le altre applicazioni.

Il servizio in se è migliorato molto, non possiede ancora un’app desktop degna di nota ma solo una versione web, tuttavia la quantità di brani presenti è piuttosto buona, anche se ancora un po’ lontana dagli altri servizi presenti in questo articolo.

La qualità raggiunge i 320Kbps, ed è ovviamente possibile scaricare musica offline. Insomma si tratta di un servizio che non eccelle per quantità dei brani, ma se siete disposti a dover rinunciare a ciò per uno streaming senza consumi è l’app perfetta per voi.

 

Pro: streaming senza consumi con Tim

Contro: brani

Download: TIMmusic

Cosa pensate delle migliori app di streaming di musica per Android? Queste sono, secondo il nostro parere, i migliori compromessi tra prezzi, qualità dei brani e dei servizi in generale.

Ricordiamo che la rubrica “Migliori App” per Android viene pubblicata ogni Lunedì alle ore 14, nel caso in cui vogliate scoprire le scorse 23 puntate già pubblicate vi invitiamo a visitare il seguente link, dove abbiamo analizzato diverse categorie di applicazioni.

Gentile utente, i commenti sono aperti a chiunque voglia esporre la propria opinione.
Ti preghiamo tuttavia di usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato; in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • scumm78

    provato spotify per un po’, poi ho smesso di usarla mentre provavo altro e l’app ha continuato a scaricarmi la batteria anche se non l’ aprivo.

  • ilmiocanestupido

    tidal non merita menzione? per chi ama la qualità del suono non ci sono alternative

    • vincenzo di gesù

      sto testando tidal in questo momento,il mese di prova gratuito in versione hifi,nulla da dire sulla qualità..la differenza è tangibile.Però sul piano delle playlist e delle app sia su smartphone e su pc fanno c****e,spotify e deezer 432164 volte meglio..spero che in un futuro non troppo lontano spotify integri la possibilità di streamamare in “HD” ^__^

      • ilmiocanestupido

        C’è il modo di importare tutte le tue playlist mentre quelle “consigliate” sono un limite anche se io ascolto album interi quindi mi godo la qualità

        • vincenzo di gesù

          si si io uso soundiiz ad esempio per esportare/importare playlist da un servizio all’altro,peò appunto io faccio molto uso delle playlist e in questo tidal è più limitato :D

  • kolivanov84

    Deezer tutta la vita!

    • Manuelicata

      Spotify!

      Civil War :’)

      • Zio Paperone

        Groove Musica!

        No dai questo non lo usa nessuno :D

        • Manuelicata

          Beh, è il mio lettore mp3 principale su W10 😂

Top