Dopo la presentazione in grande stile in occasione del Google I/O 2014 ecco arrivare sul mercato il primo smartwatch con a bordo Android Wear: LG G Watch. LG è stata la casa più veloce, proponendo al mercato LG G Watch, un orologio intelligente sul quale c’era molta attesa e curiosità

L’ abbiamo provato intensamente per una settimana per capire da un lato come si comporta il LG G Watch e dall’altro come potrebbe cambiare la nostra esperienza con Android grazie a Wear. Il debutto del nuovo sistema operativo è stato accolto con un calore moderato ma c’ è da considerare che siamo solo all’ inizio di un lungo percorso. I servizi di Google saranno sempre più vicini a noi nella vita quotidiana, voi siete pronti?

La casa coreana prova a dare una risposta con il suo LG G Watch, un orologio con processore da smartphone, comandi vocali ed impermeabilità completa, scopriamolo assieme nella nostra video recensione.

Video Recensione di LG G Watch

Qui sotto trovate invece il nostro unboxing corredato da alcune impressioni a caldo. Vedrete anche la basetta di ricarica insieme agli altri accessori forniti nella confezione di vendita.

Video Unboxing di LG G Watch

Il contenuto della confezione è piuttosto standard ma include tutto il necessario. Bella l’idea per il collegamento USB con basetta magnetica, la ricarica completa avviene in meno di 2 ore, mentre lasciando LG G Watch una mezz’oretta a ricaricarsi otterremo una mezza giornata di funzionamento.

Hardware & Ergonomia

Il quadrante di LG G Watch è assemblato in maniera impeccabile, la scocca in acciaio lo rende molto resistente mentre gli inserti in plastica gli conferiscono un bel look. Il design non è particolarmente ricercato, il che lo rende forse poco attraente al primo impatto ma nello stesso tempo fa in modo che non ci si stufi di vederlo al polso dopo poco tempo. Il G Watch è effettivamente impermeabile ad acqua e polvere, l’abbiamo testato più volte sempre con risultato positivo.

LG G Watch Hardware

Le dimensioni sono abbastanza importanti, tuttavia i movimenti del polso non sono pregiudicati ed i bordi inferiori arrotondati fanno in modo che l’ indossabilità sia perfetta, anche per chi ha un polso piccolo. A livello estetico G Watch si fa decisamente notare, ma per l’utilizzatore sarà facile scordarsi di averlo al polso. Merito anche di un cinturino comodo e leggero, peccato però per il materiale che conferisce l’impressione di oggetto economico. Grave difetto di questo cinturino è che farà sudare il polso in estate. Nonostante ciò c’è un grande plus, per nulla scontato, e cioè la possibilità di sostituirlo con un qualsiasi cinturino con passo 22 mm.

Cinturino LG G Watch

Le specifiche hardware sono ottime e garantiscono un’esperienza fluida di Android Wear. Per quanto la scelta di un quad core da 1,2 GHz possa apparire quantomeno originale, in realtà l’efficienza energetica dello Snapdragon 400 è vincente nel limitare i consumi. 512 MB di RAM sono più che sufficienti mentre i 4 GB di memoria interna sono abbondanti, considerato che le applicazioni verranno salvate sullo smartphone accoppiato.

I sensori funzionano solo discretamente, sicuramente si tratta di dover agire a livello software, tuttavia al momento il contapassi conta passi fantasiosi mentre l’accelerometro è poco sensibile al movimento. Questo si ripercuote negativamente sul rilevamento della gesture per risvegliare lo schermo (ruotare polso e sollevarlo). Il bluetooth 4.0 consuma davvero poco, ma ha il brutto vizio di perdere la connessione, da rivedere.

Display di LG G Watch

1,65″ con risoluzione 280×280 pixel e tecnologia LCD IPS. Il display di G Watch sorprende negativamente al primo sguardo: sembra poco definito e non particolarmente luminoso.

Display LG G Watch

In verità nell’utilizzo quotidiano ci si rende conto che una definizione maggiore non sarebbe stata rilevante mentre la luminosità si attesta con quella dello schermo di Nexus 5, quindi ottima. Effettivamente sotto il sole non abbiamo grossi problemi, soprattutto in virtù del fatto che il layout grafico di Android Wear è molto semplice e schematico, perciò di facile lettura. Per quanto riguarda la definizione c’è da considerare l’utilizzo specifico del device, portato al polso e quindi sempre ad una distanza di 30/40 cm dai nostri occhi, questo fatto lo rende praticamente perfetto nell’uso di tutti i giorni.

Batteria di LG G Watch

Partiamo dall’impatto dello smartwatch sull’autonomia dello smartphone: praticamente inesistente. Il bluetooth 4.0 ad alta efficienza energetica è molto gentile con la batteria del telefono. Purtroppo però, come abbiamo già detto, si disaccoppia facilmente, meglio tenerlo d’occhio.


Sulla carta 400 mA garantiscono una buona autonomia e le 36h di autonomia in stand-by dichiarate ci sono tutte, dopo alcuni cicli di ricarica si può apprezzare a pieno la durata della batteria di LG G Watch. Con un utilizzo normale si riescono a coprire quasi due giorni, mentre con notifiche molto frequenti rimarremo a piedi dopo un giorno e mezzo. In questi casi il dato principale che emerge è che dovremo caricare il nostro smartwatch ogni sera. Personalmente penso che ci si abitui in fretta, per lo meno alla stessa velocità con cui abbiamo imparato a convivere con l’autonomia risicata degli smartphone. A voi le valutazioni.

Software

In questo caso non dovremmo parlare tanto del software di LG G Watch, quanto piuttosto di Android Wear. Il software sarà standard, aggiornato direttamente da Google e uguale su tutti gli indossabili che lo utilizzeranno. Sarà perfettamente inutile quindi confrontare con altri concorrenti questo aspetto.

Android Wear deve maturare, migliorare sotto molti punti di vista. Per il momento lo considero un po’ deludente ma esiste la grossa attenuante della sua giovanissima età. Ad oggi, Android Wear permette di avere un’estensione dello smartphone sul polso, estensione però piuttosto passiva dal momento che l’interazione con l’orologio permette di svolgere davvero poche funzioni.

Principalmente le funzioni di Wear si distinguono in tre aree

  • interazione con le notifiche
  • comandi vocali di Google Now
  • funzionalità specifiche dell’orologio

L’interazione con le notifiche si limita alla possibilità di consultare (parzialmente) la notifica per eliminarla, aprirla sul telefono oppure (in alcuni casi) rispondere con i comandi vocali.

Per quanto riguarda i comandi vocali di Google Now la bocciatura è netta. I comandi sono pochi, non vengono sempre riconosciuti e non sono nemmeno tutti quelli disponibili sullo smartphone. Una nota positiva è quella di una perfetta collaborazione con lo smartphone accoppiato: impartiamo i comandi all’orologio ed istantaneamente lo smartphone li esegue, quando il primo è in ascolto, il secondo non recepisce i comandi e così via.

Le funzionalità specifiche dell’orologio non sono molte. Orario, cronometro, contapassi e poco altro. Per fortuna negli ultimi giorni stanno spuntando come funghi nuove applicazioni che andranno ad estendere in modo importante questa area. Un esempio su tutti è la neonata compatibilità di notification toogle con Android Wear, grazie alla quale potremo controllare molte impostazioni dello smartphone, come WiFi, GPS, sincronizzazione, audio ecc..

In conclusione

LG G Watch è un buon prodotto, costruito in maniera impeccabile, resistente all’acqua e con un display sempre leggibile. Mancano clamorosamente alcuni sensori che ne espanderebbero molto le potenzialità. Primo fra tutti il GPS che lo renderebbe utile alla navigazione anche senza lo smartphone accoppiato, un sensore di luminosità sarebbe ben accetto mentre il sensore di battito cardiaco potrebbe aumentarne l’utilità facendo sport. Infine un piccolo altoparlante non guasterebbe. In generale però LG G Watch compie egregiamente il suo lavoro, forse il suo problema più grande è che del suo lavoro si fa tranquillamente a meno. Ovviamente questa non è una colpa di LG e di G Watch, bensì di Android Wear, forse troppo acerbo al momento per essere valutato positivamente. Rimandato.

Il prezzo ufficiale di LG G Watch è di 199€, disponibile direttamente su PlayDevice e nelle principali catene di elettronica.

Miglior offerta sul Web per LG G Watch: 584.21 euro da Amazon.it

VOTI

Ergonomia 8.8
Hardware 8
Materiali 8
Display 8.5
Batteria 6.5
Software 7
Qualità/Prezzo 7
Esperienza utente 7.5
Voto Finale

7.6