Richard Yu interviene sulla questione memorie interne di Huawei P10

Nei giorni scorsi erano circolate alcune voci relative alle memorie interne utilizzate da Huawei per Huawei P10, il top di gamma presentato in occasione del Mobile World Congress di febbraio. Secondo alcune informazioni provenienti dalla Cina, vari test eseguiti con Androbench avrebbero fornito risultati discordanti facendo pensare che oltre alle memorie interne di tipo UFS 2.1, alcuni modelli potessero utilizzare memorie UFS 2.0 o addirittura eMMC 5.1.

A chiarire la situazione ci ha pensato Richard Yu che in un paio di lunghi post su Weibo ha ammesso che sono state utilizzate memorie di tipo eMMC 5.1 a causa della difficoltà nell’approvvigionamento delle memorie UFS 2.1. Il CEO ha però ribadito che questa decisione non va a incidere sulle prestazioni dello smartphone che compensa la minor velocità delle memorie eMMC con algoritmi software e controller hardware.

Lo stesso Richard Yu afferma di utilizzare uno Huawei P10 con memorie eMMC e di non aver notato alcuna differenza con Huawei Mate 9 che dispone delle memorie più veloci. Resta comunque poco chiara, nei confronti degli acquirenti, la politica adottata visto che i modelli con memorie eMMC sono venduti allo stesso prezzo di quelli con memorie UFS.

Il problema non sarebbe legato solamente alla memoria interna ma anche alla RAM, che in alcuni casi sarebbe di tipo LPDDR3 anziché LPDDR4, ma anche per questo il colosso cinese ha una spiegazione/giustificazione:

Tra tutte le informazioni di marketing relative a Huawei P10 non c’è nessun impegno a utilizzare una sola tipologia di memoria.

Un modo come un altro per dire che alla fine, secondo Huawei, non conta la velocità delle memorie utilizzate visto che va tenuto in considerazione solamente il funzionamento complessivo dello smaetphone. E infatti in nessuna pagina relativa al flagship appare un chiarimento sulla tecnologia utilizzata nella realizzazione.

Cosa ne pensate? Huawei avrebbe dovuto avvisare gli acquirenti o ritenete che il problema possa essere facilmente mascherato con un adeguato supporto hardware e software. Il box dei commenti è a vostra disposizione.

Vai a: recensione Huawei P10

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Marco Pisano

    È capitata la stessa cosa con Asus Zenfone 3 Max, i primi modelli montavano un processore più potente che permette di avere funzionalità inarrivabili per gli esemplari immessi dopo novembre 2016

  • Marco Taiariol

    Penso che Huawei sbaglia. Pago e pretendo la tecnologia!!! Aia aia Huawei!!!

  • Enrico

    Nessuna differenza con la ufs2.1?!?!😂😂 andrebbero multati e parecchio anche! Questa è una truffa bella e buona.

  • mauro pietropaolo

    Sempre a lamentarsi. Se non funzionava bene potevo capirlo ma, il telefono funziona egregiamente. Si sta esagerando

    • TroUblE

      Si esagera? Un top di gamma a 679 euro e metti memorie scadenti? Già non eccelle in nulla, poi gli metti anche componenti non all’altezza dei competitor e te la prendi con i recensori per i valori bassi? Io apprezzo molto Huawei ma stavolta ha toppato.

    • Dany

      Nel 2017 nn puoi vendere il tuo top di gamma (capisco medi e bassi di gamma) con ancora me eMMC. Solo Sony lo fa ancora e infatti si vede il successone che sta avendo…

  • mattia

    ma è una cosa gravissima, una ladrata direi, soprattutto aver provato a far finta di nulla inizialmente dando la colpa ai programmi di rilevamento memoria

Top