Huawei brevetta il marchio Mate X e Samsung il logo dei suoi occhiali intelligenti

Huawei brevetta il marchio Mate X e Samsung il logo dei suoi occhiali intelligenti
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Huawei-Samsung.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Huawei-Samsung-460x290.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Huawei-Samsung.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Huawei-Samsung.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2017\/02\/Huawei-Samsung.png"}, "title": "Huawei brevetta il marchio Mate X e Samsung il logo dei suoi occhiali intelligenti" }

Huawei ha presentato la serie di smartphone Huawei Mate 10 lo scorso ottobre, mettendo così a tacere le indiscrezioni secondo cui si sarebbe chiamata Huawei Mate X.

Ebbene, alcuni giorni fa questo nome è riapparso: un rappresentate della divisione inglese di Huawei, infatti, ha presentato la richiesta di registrazione del marchio “MateX” presso l’EU Intellectual Property Office, classificandolo come “cellulare o smartphone”.

A questo punto, considerato che il marchio è stato registrato il 9 febbraio 2018, tutto lascia pensare che Huawei Mate X sia il nome scelto dal produttore cinese per la prossima generazione della gamma. Al momento, tuttavia, non è possibile escludere l’ipotesi che Huawei stia progettando di lanciare un device diverso con questo nome, come per esempio un tablet.

Per saperne di più dovremo attendere informazioni dal produttore.

Restando in tema di marchi, Samsung ne ha registrato uno che ci suggerisce il possibile lancio a breve dei suoi tanto chiacchierati occhiali smart (da alcuni chiamati Gear Glass).

Si tratta per la precisione del seguente logo, accompagnato da documentazione esplicativa che lascia intendere che gli occhiali di Samsung potrebbero essere usati anche con lenti per correggere i difetti della vista:

Magari al Mobile World Congress 2018 ne sapremo di più.

Fonti: Gsmarena,