HTC perde il presidente della divisione smartphone, in cerca nuove esperienze professionali

Da tempo i bilanci di HTC sono in rosso è il terzo trimestre del 2017 è stato il decimo consecutivo con il segno meno, avendo fatto registrare perdite di poco superiori ai 100 milioni di dollari. L’ambiente ha quindi bisogno di una scossa e le dimissioni di Chialin Chang, Presidente della divisione smartphone e dispositivi connessi, potrebbero essere una cosa positiva.

L’annuncio è stato dato oggi da Chang, dopo quasi sei anni dal suo arrivo come Chief Financial Officer di HTC, che si è dimesso per seguire le proprie ambizioni di carriera, che secondo alcune indiscrezioni dovrebbero culminare con l’avvio di una startup dedicata allo sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Si preannuncia quindi un periodo impegnativo per Cher Wang, la CEO e presidente del consiglio di amministrazione della compagnia taiwanese, che dovrà cercare rapidamente un sostituto.

HTC ha ringraziato Chialin Chag per l’impegno profuso in questi sei anni e spera di riuscire a invertire una tendenza negativa decisamente complessa da gestire, soprattutto nel mercato cinese nel quale erano state riposte numerose speranze di rilancio.

Vai a: Recensione HTC U11 Plus: la qualità sale ancora

 

Fonte: Engadget

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • MariuxReloaded

    Google, sbrigati a salvare HTC, la nave sta colando a picco!

    • ILCONDOTTIERO

      Magari la fa andare a picco volutamente così con 4 soldi ha tutto il necessario ;) .

      • MariuxReloaded

        Mah, Google, almeno in passato non ha mai combinato robe simili, né con ditte partner (LG, riportata in superficie grazie al Nexus 4 e al Nexus 5), né con ditte da lei acquistate (Motorola; anche se ha letteralmente fregato tutti i brevetti di quest’ultima, per poi venderla a Lenovo, l’aiuto che le ha offerto, coronato infine dalla realizzazione del Nexus 6, l’ha concretamente aiutata), dunque spero che non cominci ora con HTC

Top