Con le novità della Play Console la vita dei dispositivi con root sarà ancora più difficile

È di pochi giorni fa la notizia dell’impossibilità di installare dal Play Store l’applicazione Netflix sugli smartphone con permessi di root sbloccati. Non si tratta di un controllo sulle API SafetyNet come ipotizzato da qualcuno, visto che installando l’applicazione attraverso il file APK non ci sono blocchi e l’applicazione funziona alla perfezione.

Dopo il keynote che ha aperto ieri sera il Google I/O 2017 le cose sono molto più chiare e semplici di quanto si potesse pensare. Niente API o controlli particolari, ma solo la nuova funzione aggiunta da Google nella Play Console dedicata agli sviluppatori.

Grazie alla funzione Device Catalog infatti gli sviluppatori potranno decidere quali dispositivi escludere dalla possibilità di installazione. Tra le opzioni disponibili troviamo la possibilità di nascondere l’applicazione a quei dispositivi che non hanno superato il controllo di integrità di SafetyNet.

Non si tratta certo di un blocco insormontabile visto che basterà installare la stessa applicazione tramite il file APK e il problema sarà risolto, visto che l’applicazione in sé non effettuerà nessun controllo sulla presenza o meno dei permessi di root. Niente dunque che non possa essere effettuato da utenti che hanno sbloccato i permessi di root ma la novità testimonia la volontà di Google di rendere sempre più difficile la vita a chi sblocca il proprio smartphone.

Vale ancora la pena sbloccare i permessi di root o i tanti ostacoli faranno desistere i più? Il box dei commenti è a vostra disposizione.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Francesco

    Ho un Nexus 5X. Ho radicato il mio telefono solo per due ragioni principalmente. Uno è che l’audio è mono e quindi il suono della cassa è basso, cupo e per aumentare il volume audio delle cuffie e migliorarne la qualità. L’altro è per installare un custom kernel. Tutte cose possibili solo con il root e le varie mod sorrunded e viper4android. Il resto non mi è mai interessato​ più di tanto. Stock con root, custom kernel e mod audio.

    • Ajeje Brazorf

      “radicato”…

      • Francesco

        Ho sbloccato i permessi di root sul mio telefono! Così ti va bene?

  • JeSuisCrix

    Ma perché non ci lasciano stare una volta tanto?

  • vampucio

    magisk hide e siamo ok

    • Vorrei installarlo sul mio Nexus 5X, ma tra una cosa e un’altra non ho mai tempo… Tu su che dispositivo l’hai installato? Funziona anche con Mario Run, Pokemon Go, Sky Go o Premium Play?

    • Vincent Ammattatelli

      Da giorni vedo girare questo ritornello “Magisk e vai tranquillo!” e simili….
      Ma Magisk non è la panacea di tutti i mali. Di fatti, su molte custom Rom manco funziona. Più la rom è derivante da una ufficiale e minori sono le possibilità che Magisk non vada. Più la rom si discosta dalla stock di derivazione e peggio è. Magisk ha ottime possibilità che non vada.
      Se a questo aggiungiamo che le rom che si discostano di più dalle stock del device su cui vanno sono quelle destinate a telefoni che in media non hanno più nessun tipo di supporto/aggiornamento da oltre un anno….i conti sono presto fatti.
      L’obbiettivo di tutto questo è solo in parte rendere il Root sempre più difficile. In primis, come sempre si va a toccare quei device che iniziano ad essere troppo “vecchi” per il mercato, nonostante le loro possibilità/performance possano ancora garantirne l’uso.
      In sostanza se prima avevi meno motivi per cambiare il tuo smartphone dopo la soglia dei 2 anni e mezzo, grazie ai cuochi con le loro Custom Rom. Adesso con questa storia ti ci obbligheranno, perché non potrai più farci girare niente sul device. Se non con difficoltà, casotti vari e continui imprechi ad ogni minima modifica della Rom o aggiornamento delle app.
      Bel futuro ci si presenta. Ma tanto lo sappiamo. Lo fanno per il nostro bene e per proteggere i nostri interessi (leggasi sarcasmo…).

Top