Dual SIM: differenze tra Dual Standby, Dual Active e Dual VoLTE

Dual SIM: differenze tra Dual Standby, Dual Active e Dual VoLTE
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/motorola_one_tta_8.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/motorola_one_tta_8-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/motorola_one_tta_8-635x476.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/motorola_one_tta_8.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/motorola_one_tta_8.jpg"}, "title": "Dual SIM: differenze tra Dual Standby, Dual Active e Dual VoLTE" }

Quali differenze intercorrono tra la tecnologie Dual SIM Dual Standby, Dual SIM Full Active oltre che Dual VoLTE? Seppur in Italia la seconda soluzione sia meno diffusa, è possibile importare anche nel nostro paese diversi smartphone in grado di poter unire in un unico corpo due cellulari con due utenze contemporaneamente. I modelli Dual SIM Dual Standby sono invece quelli più diffusi perché possono ospitare due schede ma possono renderne attiva, in caso di ricevere telefonate e navigare, soltanto uno per volta. Discorso diverso per il Dual VoLTE, che merita un paragrafo a parte.

Facciamo chiarezza su tutte le informazioni da sapere per poter distinguere queste tre tecnologie e dunque acquistare il modello che fa al caso proprio.

Cosa sono gli smartphone Dual SIM

Partiamo dalla categoria madre che è quella degli smartphone Dual SIM che intende un dispositivo con una slot doppia in grado di ospitare due schede con due numeri differenti contemporaneamente. L’utilità di questi dispositivi è presto detta: è possibile ad esempio accorpare su un unico cellulare l’utenza privata e quella lavorativa, due sim di due paesi differenti o ancora due SIM con due offerte telefoniche da due operatori telefonici differenti.

Le differenze tra Dual Standby e Full Active (o Dual Active)

È molto semplice comprendere la differenza tra tecnologia Dual SIM Dual Standby e Dual Active perché i primi indizi arrivano direttamente dai nomi. La prima rende attivi due numeri in ogni momento che dunque possono ricevere messaggi e chiamate, tuttavia quando una delle due schede è attiva – per esempio nel caso di una telefonata appena ricevuta – l’altra va in standby non potendo collegarsi alla rete, dato che l’antenna e l’hardware necessario sono già occupati.

La tecnologia Dual SIM Full Active (o Dual Active) va sostanzialmente a integrare due cellulari all’interno di un unico dispositivo grazie alla presenza di due antenne, due slot e la doppia versione di tutti i componenti hardware necessari a ricevere telefonate e a collegarsi in rete. Così facendo, quando si riceve una chiamata l’altra SIM non sarà messa in stand-by ma potrà (teoricamente) essere contattata.

Non si potrà, come è ovvio che sia, parlare in contemporanea con due persone sullo stesso telefono ma si avranno diverse opzioni a disposizione. Si potrà infatti decidere di passare da una all’altra senza perdere la linea, ma non solo perché c’è un altro esempio che mostra come la tecnologia Full Active si rivolga a un pubblico professionale. Mentre si sta conversando con una persona e si ha necessità di chiamarne una terza, si potrà sospendere momentaneamente la conversazione avviando la chiamata a un altro numero tutto sullo stesso dispositivo.

L’altra grande differenza sta nella configurazione del dispositivo dato che il Dual SIM Full Active non richiederà di scegliere la preferenza tra una scheda e l’altra per le chiamate o per internet visto che entrambe saranno sempre operative su ambo i fronti. Con il Dual SIM Dual Standby sarà necessario passare dal menu impostazioni per la gestione della doppia scheda indicando quale SIM utilizzare per le chiamate e quale per la connessione dati.

Quali sono gli smartphone Dual SIM Full Active (Dual Active)

Gli ultimi smartphone realizzati con la tecnologia Dual SIM Dual Active risalgono al più al 2018, fra i più recenti: Huawei Mate 8, Huawei P9 e P9 Plus, Asus Zenfone 2 e 2 Deluxe e Honor 8. Nel 2019 non sono stati ancora commercializzati smartphone Dual SIM Dual Active, in favore invece del Dual SIM Dual VoLTE.

Che cos’è la tecnologia Dual VoLTE

VoLTE significa Voice over LTE e definisce quella tecnologia per poter effettuare telefonate appoggiandosi alle reti 4G per una maggiore qualità in ascolto grazie alla disponibilità di uno spettro di banda più ampia e una trasmissione del suono più nitida e pulita senza troppi rumori di fondo per un’esperienza più gradevole.

Il Dual VoLTE è possibile quando lo smartphone non solo è Dual SIM, ma entrambe le schede appartengano a operatori in grado di offrire il Voice over LTE (in Italia con TIM e Vodafone) e ci si trovi in grado di poter agganciarsi al network 4G. Il vantaggio principale del Dual VoLTE è di poter sfruttare questa tecnologia su entrambi gli slot SIM non dovendo così rinunciare alla connettività 4G (e del VoLTE) su una delle due.

Dai un occhio alla nostra guida agli acquisti sui migliori smartphone dual SIM se stai pensando di acquistarne uno.

Condividimi!