Le vetrine dei supermercati sono spesso piene di smartphone dal basso prezzo con nomi importanti (e lunghi) e il Samsung Galaxy Grand Neo Plus appartiene a questa categoria. Questo smartphone attira tra i passanti non poca attenzione grazie al suo marchio e alla cifra a cui è proposto, spesso inferiore ai 150€.

Tuttavia acquistare uno smartphone di questa fascia è molto spesso un rischio, in quanto potrebbe risultate inutilizzabile nell’uso quotidiano a causa di alcune limitazioni tipiche degli entry-level. Scopriamo, nella nostra recensione, se il Samsung Galaxy Grand Neo Plus sarà davvero il buon acquisto che fa intendere di essere.


Unboxing

Decisamente completa la dotazione della confezione del Samsung Galaxy Grand Neo Plus: troviamo infatti il carica-batteria con cavo corrente incorporato, il cavo dati USB/micro-USB, la manualistica rapida e delle cuffie auricolari non in-ear, ma piuttosto curate.

samsung-galaxy-grand-neo-plus-8


Video recensione di Samsung Galaxy Grand Neo Plus

In questo paragrafo potete trovare il nostro video che mostra gli aspetti di uso quotidiano di questo smartphone.


Hardware & telefonia

A muovere il Samsung Galaxy Grand Neo Plus troviamo un processore Spreadtrum SC8830 quad-core (Cortex-A7, 32 bit) da 1.2 GHz affiancato da 1 GB di RAM; la memoria interna è di 8 GB espandibili mediante micro-SD. Il comparto multimediale vede una fotocamera principale da 5 megapixel e una frontale da 2, abbiamo inoltre il tasto fisico home e i due tasti soft-touch “multitasking” e “indietro” retro-illuminati ma privi di vibrazione. Il modulo telefonico è privo di connettività 4G LTE così come non sono presenti NFC, LED di notifica e sensore di luminosità.

Potete trovare ulteriori informazioni su questo smartphone visitando il sito ufficiale mediante questo link. Il prezzo al lancio del Samsung Galaxy Grand Neo Plus era di (assurdi) 169€, ma attualmente lo si trova facilmente attorno ai 130/140€ ed è disponibile sia bianco che nero. 

Parte telefonica & antenne

La ricezione telefonica del Samsung Galaxy Grand Neo Plus si attesta su valori medi così come la qualità audio dalla capsula auricolare che riproduce un suono potente ma un po’ “impastato”; l’interlocutore ci percepisce bene nell’uso telefonico normale ma abbiamo riscontrato qualche problema nell’uso in vivavoce che risulta comunque poco utilizzabile in auto anche a causa del volume dell’altoparlante posteriore non elevatissimo. La ricezione del WiFi non è tra le più elevate mai riscontrate, così come la velocità del fix dei satelliti data dal modulo GPS in caso di nuova località.


Ergonomia, design & materiali

L’ergonomia del Samsung Galaxy Grand Neo Plus risulta buona nonostante le dimensioni non ridotte soprattutto lateralmente; l’uso con una mano è comunque possibile e il grip della cover posteriore è sufficiente. Esteticamente risulta un po’ tozzo con cornici laterali elevate e display un po’ troppo incavato all’interno; si percepisce, insomma, un po’ quell’ “effetto padella” tipico di dispositivi dalle dimensioni generose e, in più, è stato realizzato un design non bellissimo in senso generale.

I materiali sono plastici e di buona qualità, pur non raggiungendo il livello di terminali di fascia superiore; la costruzione poi è impeccabile: non si avverte il minimo scricchiolio o incertezza e solo i bordi del tasto home danno un effetto al tatto leggermente “tagliente”.


Display, audio & multimedia

Il componente senza dubbio peggiore del Samsung Galaxy Grand Neo Plus è il suo display: una risoluzione di 800×480 pixel “spalmata” su una diagonale da 5 pollici fornisce una densità di 187 ppi che risultano decisamente insufficienti per uno smartphone del 2015; sarà quindi impossibile, ad esempio, vedere le nostre foto senza una fastidiosa griglia nera sopra, anche alla normale distanza di utilizzo. Inoltre gli angoli di visione sono sono piuttosto scarsi così come il livello del contrasto; anche i colori non sono riprodotti perfettamente e presentano una discreta tendenza al giallo.

La luminosità massima non è delle più elevate e, conseguentemente, la visibilità sotto la luce diretta del Sole non è delle migliori; la mancanza di un sensore di luminosità completa l’elenco di difetti di questo display. Il vetro, però, risulta sufficientemente resistente alle ditate e allo sporco.

samsung-galaxy-grand-neo-plus-7

Lo speaker posteriore del Samsung Galaxy Grand Neo Plus restituisce un audio di qualità media così come medio è il volume massimo; i bassi sono assenti e l’estensione sonora non è delle più elevate, tuttavia la fotocamera posteriore, leggermente sporgente, contribuisce ad evitare l’attenuazione del suono in caso di smartphone appoggiato su una superficie piana. Presente la radio FM che funziona bene e buona la riproduzione dalla cuffie in dotazione.

Il lettore video di questo Samsung riproduce senza problemi solamente il formato MP4 fino alla massima risoluzione di 1080p, per tutti gli altri formati, DivX compresi, si consigliano lettori alternativi.


Fotocamera

Il sensore fotografico del Samsung Galaxy Grand Neo Plus ovviamente rispecchia la fascia di prezzo: con molta luce gli scatti risultano più che sufficienti, ma il sensore comincia a soffrire con illuminazione ambientale scarsa – anche se non più dei sui concorrenti. Il flash è molto potente e il rumore digitale non è mai eccessivo, velocità di messa a fuoco e scatto sono nella media di questo segmento e la fotocamera frontale, con molta luce, risulta tutto sommato sufficiente; giudicate voi stessi dagli esempi sottostanti.

Il software fotografico di questo Samsung è completo e funzionale: troviamo, ad esempio, le impostazioni relative al tipo di messa a fuoco e alla risoluzione di foto e video; inoltre sono presenti alcune modalità come quella panoramica, la bellezza volto, o quella completamente automatica; peccato per la mancanza dell’HDR.

samsung-galaxy-grand-neo-plus-sceen-7

I video, girati al massimo in HD risultano poco definiti e non molto stabili, complessivamente peggiori delle foto; buono però l’audio acquisito durante le riprese.


Autonomia

La batteria da “soli” 2100 mAh del Samsung Galaxy Grand Neo Plus riesce a portaci a sera con utilizzo medio/intenso grazie alla bassa risoluzione del display ed al processore poco “vorace” in termini di energia. In caso di emergenza possiamo affidarci all’ormai classico “risparmio energetico avanzato” di Samsung che modifica l’interfaccia e permette di utilizzare solo poche funzionalità dello smartphone, oltre a virare i colori del display in scala di grigi.


Software

La versione della TouchWiz che personalizza Android KitKat (4.4.4) sul Samsung Galaxy Grand Neo Plus è ovviamente “alleggerita” rispetto a quella che troviamo su terminali di fascia superiore: non troviamo le molteplici funzionalità “smart” tipiche dei Samsung ma rimangono alcune gesture rapide quali lo swipe su un contatto verso sinistra o destra per chiamare o mandare un SMS.

Anche le app pre-installate sono fortunatamente ridotte al minimo, contribuendo a mantenere una buona porzione di spazio libero in memoria nonostante i soli 8 GB; troviamo l’app per l’Expo di Milano e il Galaxy App ma non è presente, ad esempio, un lettore musicale proprietario oltre al classico Play Musica.

La fluidità di sistema nonostante qualche saltuario mirco-lag risulta sempre di buon livello e non presenta blocchi o rallentamenti eccessivi durante l’utilizzo quotidiano. Anche la tastiera, purtroppo priva di vibrazione e dal feed sonoro quasi impercettibile, è veloce, precisa e reattiva in pressoché ogni circostanza.

Browser Web

La navigazione internet dal Samsung Galaxy Grand Neo Plus si è rivelata una vera sorpresa: la velocità è sempre buona e, anche sui siti più pesanti, non vi sono problemi particolari di tempistiche eccessive per il rendering; inoltre non vi sono ritardi eccessivi tra il tocchi delle dita e la risposta del browser.

Gaming

La GPU ARM Mali-400 che equipaggia il Samsung Galaxy Grand Neo Plus si è rivelata in grado di gestire anche i più moderni titoli 3D, il framerate è sufficientemente elevato, così come il dettaglio grafico; peccato per il display che sminuisce l’esperienza di gioco. Questo smartphone, inoltre, non soffre mai di eccessivo riscaldamento anche durante l’utilizzo intenso come può essere durante i giochi.


In conclusione

Samsung Galaxy Grand Neo Plus non è uno smartphone privo di difetti, il display primo fra tutti; tuttavia non presenta particolari problemi durante l’utilizzo quotidiano che portano a sconsigliarne l’acquisto. Se diamo uno sguardo alla concorrenza della stessa fascia di prezzo scopriamo che anche i vari Motorola Moto E, Huawei Y550 etc, non sono certo impeccabili o nettamente superiori.

Il consiglio è di acquistarlo solamente se il prezzo a cui potrete reperirlo non supera i 130/140€ perchè, a cifre superiori, allora entriamo nel “regno” del Motorola Moto G (prima generazione) che, obiettivamente, è tutta un’altra cosa. Come sempre vi lasciamo ai nostri voti.

Migliori offerte sul Web per Samsung Galaxy Grand Neo Plus Nessuna offerta al momento

Pagella

5
Display
7
Ergonomia
6
Hardware
7
Software
7
Batteria
6.5
Fotocamera
7.5
Qualità/prezzo
6.5
Materiali
6.5
Audio
7.5
Esperienza Utente
7

Nota: i voti parziali sono assegnati cercando di rispettare una scala che comprenda il maggior numero di dispositivi in commercio. Il voto generale è slegato dai parziali e sta ad indicare il giudizio complessivo che possiamo assegnare al terminale dando pesi differenti agli aspetti che riteniamo più importanti. (Es: uno smartphone che ha un’ottima fotocamera, un ottimo display e ottimi materiali, ma che risulta inutilizzabile perchè troppo lento avrà i parziali relativi elevati, ma un voto generale basso e viceversa).