Google introduce Nearby su Android per scoprire cose nuove attorno a noi

Google introduce Nearby su Android per scoprire cose nuove attorno a noi
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/android-nearby.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/android-nearby-460x191.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/android-nearby-635x264.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/android-nearby.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/android-nearby.png"}, "title": "Google introduce Nearby su Android per scoprire cose nuove attorno a noi" }

In maniera quasi inaspettata Google annuncia Nearby su Android, un servizio per scoprire cose nuove attorno a noi mentre siamo in viaggio o in movimento.

Nel Play Store Android ci sono oltre un milione di applicazioni, molte di queste create per essere utilizzate in uno specifico luogo o situazione. Ad esempio: in un museo, si potrebbe voler arricchire la propria esperienza con un audio tour, oppure in un negozio scansionare un barcode per ricevere uno sconto.

Proprio per questi motivi e per queste occasioni nasce Nearby, il nuovo servizio per Android che ti notifica cose (principalmente applicazioni) che possono essere utili in quel determinato momento.

Alcuni esempi possono essere, in prossimità di un aeroporto, l’invito a scaricare l’applicazione di una compagnia aerea per l’intrattenimento in volo, oppure saltare le code con il passaporto elettronico mobile prima del check-in o ancora segnalare la presenza di un Chromecast o un dispositivo Android Wear nelle vicinanze per effettuarne il collegamento.

Schermata 2016-06-09 alle 18.57.51

Per abilitare Nearby basta attivare il Bluetooth e la Geo-localizzazione, comparirà di conseguenza una notifica se il servizio Nearby sarà disponibile.
Il rilascio di Nearby sarà graduale e potranno riceverlo tutti gli utenti con uno smartphone Android 4.4 (KitKat) o superiore con il Google Play Services (e quindi le applicazioni Google).

Interessante funzionalità che potrà essere implementata inoltre dagli sviluppatori e quindi comprendere in futuro davvero molti servizi e applicazioni. Non diventerà però un po’ troppo invasiva?

Fonte