Substratum theme engine, una delle app di temi più utilizzate ed apprezzate in ambito Android sin dai tempi di Marshmallow, si rinnova. In questi giorni è stato rilasciato un importante update, che sottopone l’app ad una profonda opera di redesign. Inoltre sono stati introdotti dei miglioramenti sotto il profilo della sicurezza ed un nuovo theme compiler di default, con lo scopo di affinare le performance.

La possibilità di personalizzazione rappresenta da sempre una delle caratteristiche più apprezzate del sistema operativo Android. Ogni utente può apportare modifiche che rendano l’esperienza d’uso adeguata ai propri gusti. In questo senso, un’applicazione come Substratum theme engine si rivela molto utile.

La nuova interfaccia utente

Il nuovo design era già stato avvistato il mese scorso, era ormai atteso da molto tempo ed è finalmente arrivato. I cambiamenti introdotti a livello di interfaccia utente (UI) sono stati progettati per rendere l’app più user friendly. Essi comprendono ora la possibilità di di visualizzare i temi installati dall’utente in una griglia a più colonne, consentendo di trovarli più rapidamente. Inoltre, è possibile tornare alla lista dei temi con un semplice swipe verso il basso da qualunque tema di stia visualizzando al momento.

Ecco alcuni screenshot che mostrano la nuova user interface all’opera:

Come è possibile notare, la nuova UI è molto intuitiva e di facile utilizzo. La schermata con le info dell’app permette, tra le altre cose, di visualizzare la “versione di substratum”, che al momento è la 930. I temi installati possono essere suddivisi in un massimo di 4 colonne, tuttavia ciò riduce sensibilmente le dimensioni delle miniature. La schermata che invece mostra gli overlay installati era già presente nell’app di Substratum, ma è stata ora rinnovata.

Ecco, inoltre, un video che mostra alcune delle animazioni presenti:

 

Quando si apre un tema, Substratum colora action bar e navigation bar in armonia col colore dominante dell’immagine di copertina del tema stesso.

Un avvertimento: quando viene applicato un tema trasparente, l’app Substratum sostituisce la trasparenza col corrispondente colore pieno. Il leader del team di sviluppo di Substratum nicholaschum ha riferito che il team è a conoscenza del problema e che è già al lavoro per risolverlo.

Performance migliorate grazie ad Oreo

Per quanto riguarda le performance, il theme compiler di default dai tempi di Marshmallow era AAPT (Android Assets Packaging Tool); è stato ora sostituito con AOPT (Android Overlay Packaging Tool). A proposito delle differenze, nicholaschum ha messo in evidenza che il nuovo compiler è stato sviluppato dai sorgenti di Oreo. Pertanto, ciò gli consente di compilare risorse più specifiche a livello di API, come l’API dei font scaricabili disponibile a partire da Android 8.0 Oreo.

Ci sono numerosi altri cambiamenti introdotti con la versione 930 di Substratum. Se siete interessati a leggerli nel dettaglio, potete fare riferimento al post pubblicato dallo stesso nicholaschum su Google+.

Novità in arrivo per gli utenti Samsung

Ad ogni modo, proprio nel post è contenuta una dichiarazione piuttosto interessante. Samsung ha finalmente dato il via al rilascio dell’update ad Android 8.0 Oreo per i propri device più recenti. Ne consegue che ben presto il plugin di Substratum non sarà più necessario. Pertanto gli utenti verranno trasferiti sul plugin di Andromeda per device privi dei privilegi di root con a bordo la ROM stock di Oreo di Samsung.

Ecco, infine il link al Play Store per scaricare e provare la rinnovata app Substratum theme engine.

Android app sul Google Play