Magisk si aggiorna alla versione stabile 13.1: accoglie Android O e…

App per il root come SuperSU o Magisk non sono benviste da Google, che tenta di ostacolarle con ogni strumento possibile. Il pomo della discordia è rappresentato dall’eventualità che vengano sottratte informazioni sensibili all’utente, ragion per cui l’azienda di Mountain View ha sguinzagliato SafetyNet con l’obiettivo di verificare l’integrità del sistema quando necessario.

Applicativi come Magisk, appunto, cercano costantemente di prendere in giro il “mastino” di Google, e la versione stabile 13.1 appena rilasciata va proprio in questa direzione. Oltre a introdurre il supporto ad Android O, lo sviluppatore topjohnwu ha escogitato una nuova soluzione per nascondere il root all’aggiornatissimo SafetyNet, beffando Google ancora una volta.

Le contromisure sono state dapprima testate nella beta e, verificatane l’efficacia, sono state incluse nella versione stabile appena rilasciata. Per conoscere a fondo i meccanismi adottati e per ogni ulteriore tecnicismo correlato (compreso lo sconfinato changelog), vi rimandiamo all’apposito post di XDA.

Fonte

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Davide

    A me non sembra che google ce la metta tutta…
    Parlo da ignorante, ma prendiamo come esempio la concorrenza.
    Il jailbreak su ios i primi anni usciva il giorno dopo. Poi apple ha deciso di fare la guerra al modding, e ora ci vogliono mesi per vedere i tool funzionanti. (apple davvero cretina dato che il 90% delle implementazioni delle versioni di ios venivano dai tool di cydia).

    Io su android questa lotta al root non l’ho vista. Non ho mai avuto un telefono pur nuovo che fosse per cui ho dovuto aspettare più di un minuto per fare il root.

    Si con magisk forse si stanno impegnando, ma per quanto piccola sia la fetta di utenti che scelgono andorid priprio per il modding,concordo con chi dice che le responsabilità andrebbero declinate sull’utente e stop, che faccia ciò che vuole..

  • Tom

    Perché se si ha il root con Magisk si possono usare Android Pay, Pokemon Go e alcune app bancarie, ma non si può scaricare Netflix dal Play Store? Nel secondo caso Google vede il bootloader sbloccato, direte voi, e questo non può essere nascosto. E allora perché non usare questo controllo anche in tutti gli altri casi?

    • Applealdo

      Io ho Magisk e posso scaricare tranquillamente dal playstore Netflix e poi Magisk nasconde anche il bootloader sbloccato (che poi ci sarebbe da dire che, almeno io, con bootloader sbloccato ma senza permessi di root, riesco a scaricare Netflix lo stesso quindi Google non controlla nemmeno il bootloader)

  • Claudiogbr

    Solo col mio maledetto note 2 non riesco a far passare il test safetynet (ne con magisk ne togliendo completamente il root)

    • christian

      Hai provato l’ultima versione di magisk?

      • Claudiogbr

        si certo, anche con quest’ultima versione fallisce. ctsProfile e basicIntegrity escono false

        • Applealdo

          O hai la busybox installata oppure hai qualche cosa che non va nel build prop…

  • Simone Serafini

    Avrei una domanda stupida da fare, ma se l’intento di Google è quello di tutelare il suo consumatore, non basterebbe mettere tra i termini del contratto la clausola seconda la quale, una volta effettuato il root su un dispositivo, lei non ne risponde in caso di sottrazione di informazioni personali e quant’altro? Almeno così, le persone che vogliono fare il root e sfruttare questa funzionalità, non dovrebbero avere a che fare con questo tipo di limitazioni

    • Marco Ferrone

      Non è solo questione di sicurezza, c’è tutto un marketing legato alle app di terze parti che non vogliono che le proprie app girino su telefoni moddati al fine di eludere sistemi di pagamento e acquisti vari nelle suddette app.

      • Applealdo

        Tutte le App che non si appoggiano ad un server esterno possono essere moddate per eludere sistemi di pagamento, sia con root che senza… Quelli che si appoggiano a server in nessuno dei due casi possono essere violati…

        • Marco Ferrone

          Sì ma anche app come Sky go, vendute come esclusive alle aziende, non fa comodo che si aggiri il sistema con root e varie.

          • Applealdo

            Quella è una grandissima presa in giro sinceramente… Ok che vuoi sicurezza ma che mi penalizzi i clienti che hanno il root perché potrebbero registrare roba via telefono mentre poi lasci la porta aperta su Windows e altri sistemi… Ripropongo una cosa che scrissi tempo fa parlando di Netflix… Secondo voi chi rippa lo fa da Android con il root in HD o su un bel windows in massima definizione? La verità è che i drm li fa Google e a Google interessano i suoi affari.. La prima cosa che la maggior parte fa con il root è installare Adaway e buonanotte la maggior parte dei guadagni di Google… Io ancora non ho visto una soluzione col root per superare le protezioni di Netflix per lo screen recording…

          • Marco Ferrone

            Sisì sicuramente, però io non mi riferivo ai contenuti in se, ma proprio al fatto che molte app girano (ad esempio) solo su tablet Samsung…senza contare di tutte le Rom alternative che portano funzioni che Google voleva solo sui pixel su tutti gli smartphone…é chiaro che la sicurezza é una scusa.

          • Applealdo

            Sul primo caso che dici ti posso dire che le App “selettive” possono essere modificate in modo da funzionare su tutti i dispositivi anche senza root e via dicendo(è più difficile senza root ma non impossibile) . Per le funzionalità di altri telefoni invece ti posso solo dare ragione, anche se anche in questo caso molte possono essere portate anche senza root… In qualunque caso non mi sembra un buon motivo per precluderti la fruizione di un servizio che paghi regolarmente… Perché non posso vedere qualcosa che pago e quindi ho diritto a vedere, senza possibilità o almeno vantaggio a “imbrogliare” su un telefono al posto di un pc, se non mi accontento del mio telefono con il software stock? Io sinceramente penso che alla lunga Google avrà la peggio in questa battaglia assurda…

          • Marco Ferrone

            Beh ti sei risposto da solo :) so che non é impossibile ma é una rottura in più, anche per una questione di aggiornamenti…ad ogni modo il motivo é sempre solo di natura economica, c’è poco da fare ahimè.

          • giacomofurlan

            Netflix non ti permette di riprodurre sul browser ad alta definizione (4k) a meno che tu non abbia una CPU kaby lake, che integra al suo interno il decoder per il relativo formato: ciò vuol dire nessuna libreria nella quale passa il video e quindi diventa molto più difficile “rippare” on-the-fly. Quindi è molto più facile usare un tablet Android moddato per rippare i contenuti, i quali possono sempre essere scaricati ad alta definizione.

          • Applealdo

            Sei serio? No perché mi devi spiegare come fai a rippare in 4k da Netflix, se Netflix in 4k funziona solo sulle Android TV e non sui tablet.. Oltre ovviamente, sempre lo stesso problema: superare i limiti di screen recording che ancora non ho trovato niente su internet…

          • giacomofurlan

            Non trovi niente su internet probabilmente perché chi sviluppa quei software non li divulga per evitare che vengano bloccati… ci sono tanti e varii modi per farlo, basta conoscere un minimo di teoria e sviluppo dei flussi multimediali… ti ricordo che di base Android è basato sul kernel Linux. Sui tablet comunque hai la stessa risoluzione dei computer pre-Kaby Lake, quindi che tu lo rippi da un tablet o da un computer, la qualità è la medesima.

          • Applealdo

            Per quale strano motivo dovrei rippare su tablet Android facendo un procedimento non alla portata di tutti e, a quanto dici tu, possibile quando posso semplicemente collegare il mio Windows ad una scheda di acquisizione, ma anche qualche software specifico e via? Non so se mi spiego, non dico che è completamente impossibile fare i rip con android (anche se fino a prova contraria un modo non esiste), ma pure se esistesse con Windows sarà sempre più facile che su Android. Poi aggiungo che la maggior parte delle applicazioni di streaming legali, come now TV, hanno limitazioni a risoluzioni SD per tablet e telefoni android e solo con smart TV o pc puoi avere l’HD e superiori…

          • Che poi alcuni ads funzionano anche con AdAway.

  • giacomofurlan

    Uhm… questa escalation potrebbe portare ad un “cease or desist” di Google, se ciò dovesse avvenire…

    • Zio Paperone

      Perchè mai? Lo sviluppatore non viola nessun EULA, nessun copyright e il codice di magisk non contiene parti di software proprietario di google.
      Il metodo di Google è molto semplice, non perde tempo a blindare android e lascia agli utenti la libertà di modificarlo come vogliono, ma se lo fanno rischiano di non poter più usare alcune cose (per cui magari stai anche pagando).

      • giacomofurlan

        La legge americana proibisce il reverse engineering, ciò vuol dire che, se Magisk attivamentecerca di eludere questi sistemi, si potrebbe profilare l’accusa.

  • Biagio Marino

    Magisk è una bomba!

Top