Ricaricare lo smartphone con le onde sonore grazie all’effetto piezoelettrico

ricarica tramite onde sonore

Siamo alle prese con un’altra idea per risolvere il problema della carica della batteria. Ormai gli scienziati ne tirano fuori una al giorno anche se, personalmente, devo ancora vedere applicazioni reali, e fatico ancora ad arrivare a sera con il mio smartphone.

Ma tant’è, nessuno può fermare il progresso, e questa volta il lampo di genio arriva dall’Inghilterra, dove un team ha realizzato uno smartphone in grado di ricaricarsi utilizzando il rumore dell’ambiente in cui ci si trova.

Il tutto è basato sull’effetto piezoelettrico, cioè la proprietà di alcuni materiali di produrre elettricità quando vengono deformati.

I ricercatori sono stati in grado di creare dei minuscoli generatori che, venendo investiti dalle onde sonore, si deformano, producendo così l’energia necessaria alla ricarica.

Per far questo hanno usato alcuni componenti chimici mescolati con l’ossido di zinco, con cui hanno ricoperto il device. L’ossido di zinco liquefatto ha formato dei minuscoli nanotubi, sensibili a tal punto da piegarsi al contatto con un onda sonora. Pensate che essi rispondono perfino alla voce umana: non serve quindi un rumore esagerato; il sistema è in grado di produrre i 5 volt necessari per la ricarica.

Con questo sistema il problema della batteria scarica sarebbe risolto, in quanto lo smartphone si troverebbe sempre – o quasi – in ricarica, a meno che non viviate soli in una casa insonorizzata, e con poca voglia di parlare al vostro device.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Ricaricare lo smartphone con le onde sonore grazie all'effetto piezoelettrico - Halfblood Blog()

  • Vinz

    lo smartphone nella foto sembra un htc… mi sbaglio?… molto bello comunque

  • max

    ….a me, me pare ‘na strunzata……

  • Gark121

    da ingegnere qualche dubbio sull’effettiva efficacia di questo metodo mi viene. non so che cavolo di materiali piezoelettrici abbiano, ma quelli comuni producono correnti talmente insignificanti che o fai uno smartphone grosso come una piccola auto o l’effetto è pressochè trascurabile…
    ovviamente se ci riuscissero davvero sarebbe grandioso, l’unico contesto in cui il mioz1c è andato in difficoltà con la batteria è stato un concerto, con questo sistema sarei stato in una botte di ferro ;)

    • Mah, hai ragione, array di nanofili ossidi metallici o polimeri conduttivi si stanno studiando da tempo ma rimarranno nei lab per molti anni ancora e producono decine di mV …
      Sta cosa la studiano da anni oramai
      A parte che dal corso di nanocose dove trattammo anche sta roba ricordo che erano i Coreani a dare i maggiori contributi su questi nanogeneratori piezoelettrici…altro che gli inglesi .. Wang et al vanno forte!

  • Vincent Ammattatelli

    Ecco! Adesso ci toccherà riscrivere tutti i libri di fantascienza post apocalittici dove la corrente non esiste!
    Mannaggia a loro. X-D
    Sai che energia con il Boooom di una bomba atomica!? :-)

  • Maurizio

    A momenti vedrete le persone urlare contro il proprio telefono per farlo ricaricare ahahah.
    A parte gli scherzi: bravi gli inglesi jaa!

    • Gark121

      jaa è tedesco…

Top