Android Device Manager, in arrivo il cambio password e il blocco da remoto

Android Device Manager

Il Google Play Services sta ricevendo in questi giorni silenziosamente un nuovo aggiornamento, siglato 3.2.64. Analizzando l’APK, siamo venuti a conoscenza di alcune nuove funzioni che saranno introdotte a breve nell’Android Device Manager, il servizio di localizzazione e cancellazione dati da remoto offerto da Google. Lo stesso codice è stato inoltre anche scovato sul sito Web del servizio, a dimostrazione che è ormai tutto pronto per il lancio della funzione di cambio password e blocco del dispositivo.

nexusae0_wm_9-15-2013-5-20-16-PM_thumbSu Android non dovrete fare nulla, in quanto l’Android Device Manager ha già da tempo i permessi per cambiare la password e bloccare il dispositivo da remoto. Questo permetterà all’utente di lasciare il ripristino del dispositivo come ultima soluzione, così da modificare prima la password di sblocco, nel caso in cui ovviamente la situazione non sia delle più gravi.

Questa nuova funzione non è stata ancora annunciata da Google, anche se ci aspettiamo che lo farà nei prossimi giorni. Potete nel frattempo attendere che l’aggiornamento arrivi automaticamente sul dispositivo oppure installare manualmente l’APK che trovate di seguito.

Download | Mirror 1Mirror 2

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Pingback: Gestione dispositivi Android: Google aggiunge la funzione di “Blocco” da remoto – Tutto Android()

  • Sonia

    ma ci sono mille applicazioni gratuite che già lo fanno… vedi LOCKIPRO su google play…

  • Pingback: Android Device Manager, in arrivo il cambio pas...()

  • leonardo

    perche a me dice che non ho nessun dispositivo attivo nonostante abbia attivato tutte le impostazioni del telefono???

  • Francesco Della Morte

    A me l’android device manager ha deluso parecchio. Ci sono soluzioni mooolto più complete che – è vero – si pagano, ma offrono un servizio di gran lunga migliore (Cerberus docet) ove qui invece basta che cambino l’account google del telefono e non si può fare più niente, senza neanche che abbiano bisogno di resettarlo.
    Onestamente io pensavo che l’ADM fatto da google avesse la possibilità di includere cose non modificabili nemmeno dopo un reset, ad esempio qualcosa collegata all’IMEI del telefono e non all’account stesso. In questo caso si sarebbe potuto flashare anche mille ROM differenti ma cambiare l’IMEI al telefono non sarebbe alla portata di tutti insomma…

    • Sonia

      Anche secondo me IMEI è fondamentale… Infatti quell’app ti blocca il telefono e ti da IMEI e le coordinate della cella su cui si aggancia il telefono.

  • LamerTex

    Solo a me il device manager non ha mai funzionato da quando e’ stato implementato?
    Sul cellulare (nexus 4) e’ tutto abilitato ma da computer andando su “gestione dispositivi android” dal playstore mi ha sempre detto
    “Nessun dispositivo attivo
    Prima di poter utilizzare Gestione dispositivi Android, devi disporre di un dispositivo Android attivo.”

    Anche se quando acquisto o voglio installare un applicazione mi fa scegliere subito di mandarla al mio dispositivo “Nexus4″…

    • LamerTex

      Ok ho risolto da solo, basta seguire la guida che mette a disposizione google stessa a questo indirizzo: https://support.google.com/accounts/answer/3265955?p=android_device_manager&rd=1

      In breve si disattiva la possibilita’ di cancellare da remoto, si cancellano i dati di google service, si riattiva la possibilita’ di cancellare in remoto e si riavvia e poi funziona tutto :)

    • Francesco Della Morte

      mmm.. strano, a me lo fa vedere il mio nexus 4 :

  • Stefano

    Voi o AndroidPolice ha analizzato l’apk?
    Ci provate sempre…

    • Marco

      Inteso “noi blogger di Android”, “noi del settore”, senza contare che non c’è scritto così “Analizzando l’APK, siamo venuti a conoscenza”….significa è stato analizzato l’APK e noi siamo venuti in possesso di queste informazioni, non che l’abbiamo analizzato noi. Non ci prova proprio nessuno, fidati. Non abbiamo bisogno di sotterfugi per essere apprezzati e oltretutto non è nello stile del sottoscritto. Senza contare che c’è il Via e l’APK di AndroidPolice, di cui fanno parte ragazzi che sono un punto di riferimento per tutti. Poi pensa ciò che ti pare…

      • Alessandro

        Stefano ha pienamente ragione.
        “Analizzando l’APK, siamo venuti a conoscenza di alcune nuove funzioni che saranno introdotte a breve nell’Android Device Manager” ha un significato ben preciso… se uno parla italiano.

Top